Richiamo di prodotti di mango congelati a causa di preoccupazioni per la contaminazione da epatite A

OTTAWA – Le autorità sanitarie stanno indagando su un focolaio di infezione da epatite A legato ai manghi congelati.

Viene dopo Nature’s Touch Frozen Food Inc. Diversi lotti di mango congelati dai negozi di alimentari a causa di preoccupazioni per una possibile contaminazione.

Il richiamo si applica ad alcuni prodotti Nature’s Touch, Compliments, Irresistibles e President’s Choice venduti in Saskatchewan, Manitoba, Ontario, Quebec, New Brunswick, Nuova Scozia e possibilmente in altre province e territori.

L’Agenzia canadese per l’ispezione degli alimenti sollecita I consumatori devono smaltire i prodotti richiamati e contattare i propri medici in caso di dubbi.

L’agenzia di sanità pubblica canadese ha dichiarato sabato che sta raccogliendo segnalazioni di infezioni da epatite A relative a epidemie in Quebec e Nuova Scozia.

L’Agenzia per la salute pubblica ha affermato che due persone che hanno contratto la malattia hanno affermato di aver mangiato manghi congelati prima di ammalarsi e che gli avanzi raccolti dalle loro case sono risultati positivi all’epatite A.

La CFIA afferma che mangiare cibo contaminato da epatite A può causare una malattia lieve che può comparire da 15 a 50 giorni dopo aver mangiato. Spesso scompare da solo entro una o due settimane, anche se in alcune persone può durare fino a sei mesi.

La CFIA afferma che il virus può causare infiammazione al fegato e i sintomi possono includere febbre, diminuzione dell’appetito, nausea, vomito, diarrea, dolori muscolari e ingiallimento del bianco degli occhi e della pelle.

Ulteriori informazioni sui prodotti restituiti possono essere trovate Sul sito della CFIA.

var addthis_config = {services_exclude: "facebook,facebook_like,twitter,google_plusone"}; jQuery(document).ready( function(){ window.fbAsyncInit = function() { FB.init({ appId : '404047912964744', // App ID channelUrl : 'https://static.ctvnews.ca/bellmedia/common/channel.html', // Channel File status : true, // check login status cookie : true, // enable cookies to allow the server to access the session xfbml : true // parse XFBML }); FB.Event.subscribe("edge.create", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_like_btn_click'); });

// BEGIN: Facebook clicks on unlike button FB.Event.subscribe("edge.remove", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_unlike_btn_click'); }); }; requiresDependency('https://s7.addthis.com/js/250/addthis_widget.js#async=1', function(){ addthis.init(); }); var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=404047912964744', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

READ  Le frane di Marte potrebbero essere causate dal sale sotterraneo e dallo scioglimento del ghiaccio?

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x