― Advertisement ―

spot_img

Paolini e Mozzetti alzano il tricolore in gare storiche

LONDRA - Un mese fa gli appassionati di sport italiani avrebbero potuto pensare che questa settimana avrebbero guardato la loro squadra difendere il titolo...
HomesportIl guerriero degli All Blacks Whitelock è sulla buona strada per una...

Il guerriero degli All Blacks Whitelock è sulla buona strada per una tripletta unica

PARIGI – Lo sforzo difensivo in 37 fasi della Nuova Zelanda al termine della vittoria dei quarti di finale contro l’Irlanda continuerà a vivere nell’eredità degli All Blacks, poiché ha mantenuto Sam Whitlock sulla buona strada per diventare il primo giocatore a vincere tre Coppe del Mondo.

È stato il 35enne sostituto Lock, la cui barba caratteristica ora era grigio-nera, a stringere la presa sulla palla per rivendicare il rigore decisivo.

Basandosi sull’esperienza di 151 test, Whitlock ha aspettato il momento esatto in cui avrebbe potuto rubare la palla e non regalare un rigore che avrebbe messo più pressione sulla sua squadra.

“La palla non era lì per essere presa un paio di volte e abbiamo dovuto aspettare il momento e poi eseguirla davvero bene”, ha spiegato domenica l’allenatore della difesa Scott McLeod.

“Sam Whitlock si è messo due volte nella posizione di farlo, così come Ardi Savea, e finalmente lo abbiamo preso dopo quelle 37 tappe, quindi i ragazzi ne sono davvero contenti.”

Richie McCaw, che ha capitanato Whitelock alle sue prime due vittorie in Coppa del Mondo nel 2011 e nel 2015 e la cui apparizione in Nuova Zelanda ha segnato la grande svolta all’inizio del torneo, ritiene che la sua longevità nella sala macchine degli All Blacks sia stata notevole.

“Fantastico”, ha detto McCaw a Reuters a Parigi. “Per giocare questo periodo da attaccante devi fare tante cose bene ed essere dedicato e persistente nelle cose che non vanno per il verso giusto.

“È sicuramente qualcuno che ha fatto questo, e anche se è in panchina, la sua prestazione è ancora buona come sempre.”

READ  Junior Box non è all'altezza dell'Italia a Paarl

McCaw ha parlato insieme a un altro grande del gioco, l’ex capitano della Francia Thierry Dusutuyer, al lancio del documentario Rivals Les Bleus che presenta entrambi i giocatori e sarà trasmesso sulla piattaforma NZR+.

Sebbene McCaw abbia vinto tre volte il premio FIFA World Player of the Year e una volta il Dusautoir Award, Whitlock non è mai stato nominato per il più alto premio individuale del gioco.

Tredici anni trascorsi a livello d’élite in uno degli ambienti più competitivi di questo sport hanno garantito a Whitlock un posto nel pantheon di questo sport, indipendentemente dal fatto che sia diventato il primo tre volte campione del mondo o meno, ha detto il suo ex capitano.

Ha detto: “C’è ancora molta strada da fare, ma essere il giocatore nero con più presenze e l’unica persona ad aver mai vinto tre Coppe del Mondo sarebbe un risultato straordinario”.

“In ogni caso, avendo giocato così a lungo e così bene, è uno dei grandi del gioco”. Reuters