Il James Webb Space Telescope raggiunge la temperatura di esercizio, poco meno dello zero assoluto

Questo sito Web può guadagnare commissioni di affiliazione dai collegamenti in questa pagina. Istruzioni per l’uso.

Sembra che ci fosse una piccola novità in merito Telescopio spaziale James Webb (JWST) ogni pochi giorni all’inizio di quest’anno, ma ultimamente non abbiamo sentito molto dall’Osservatorio Rivoluzionario. Questo perché era spaventoso – letteralmente. Un telescopio non può iniziare la scienza finché i suoi strumenti non hanno raggiunto la corretta temperatura di funzionamento. Lo riferisce ora la NASA Lo strumento Webb più cool ha raggiunto la temperatura desideratache rappresenta un ulteriore passo verso il funzionamento a pieno regime.

A differenza di Hubble, il James Webb Space Telescope è progettato per guardare nella porzione del medio infrarosso dello spettro elettromagnetico. Qualsiasi calore disperso, sia da fonti terrestri che dal sole, può distruggere tali osservazioni. Ecco perché la navicella spaziale è dispiegata nel punto lagrangiano tra la Terra e il Sole L2, al di fuori dell’orbita lunare. Alcuni mesi fa, Webb ha implementato con successo la sua protezione solare, consentendo all’interno di raffreddarsi alla temperatura desiderata vicino allo zero assoluto.

La NASA afferma che il Medium Infrared Instrument (MIRI) di Webb ha raggiunto una temperatura di soli 7 K (-266 °C, -447 °F). Inizialmente, il MIRI e altri strumenti del telescopio colpivano di 90 gradi con la forza di una crema solare delle dimensioni di un campo da tennis. Per raggiungere la posizione attuale, il team ha attivato il refrigerante elettrico del veicolo spaziale. Per arrivarci, il liquido di raffreddamento ha dovuto superare con successo il “punto di pressione”, un intervallo di circa 15 gradi nel forno in cui la capacità del liquido di raffreddamento di rimuovere il calore è al minimo. Sono state eseguite in rapida successione diverse operazioni critiche dal punto di vista del tempo su valvole e compressori per colmare il divario e portare l’osservatorio dove si trova ora.

READ  Gli scienziati hanno scoperto puzzole che camminavano tra i dinosauri

Tutti e quattro gli strumenti scientifici di Webb tendono ad essere a infrarossi, quindi devono essere tenuti al fresco. Tuttavia, MIRI è speciale. Poiché è progettato per scansionare lunghezze d’onda infrarosse più lunghe, è più suscettibile a un effetto noto come corrente oscura. Questa è una piccola corrente elettrica causata dalla vibrazione atomica. La corrente oscura può apparire come un segnale legittimo nei rilevatori, ma mantenerla fredda mitiga l’effetto. Ecco perché MIRI deve essere più fresco del resto del telescopio e, a 6,4 K, è esattamente dove deve essere.

In precedenza, la NASA ha completato l’allineamento e l’impilamento dello specchio sfaccettato del telescopio e ora il team può iniziare a calibrare il MIRI. Ciò include scattare foto di oggetti conosciuti per confermare le operazioni e le funzioni del dispositivo. Altri strumenti devono passare attraverso processi simili.

È stato un piacere vedere Webb superare un traguardo dopo l’altro, soprattutto dopo tutti quegli anni di ritardi sulla Terra. Quando Webb sarà completamente funzionante, sarà in grado di tornare all’alba dell’universo dove le cose sono troppo oscure per essere viste da Hubble. Potrebbe anche essere vitale nell’esplorazione di esopianeti, che sono segnali altrettanto deboli accanto alle stelle. La NASA prevede che le prime operazioni scientifiche inizieranno questa estate.

Leggi ora:

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x