― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldIl Mossad israeliano afferma di aver aiutato la polizia brasiliana a contrastare...

Il Mossad israeliano afferma di aver aiutato la polizia brasiliana a contrastare un presunto attacco di Hezbollah Notizie di politica

Il Mossad afferma di aver collaborato con le agenzie di intelligence brasiliane e di altri paesi per contrastare un attacco pianificato contro siti ebraici.

La polizia brasiliana ha affermato di aver arrestato due persone sospettate di preparare “attacchi terroristici” che secondo Israele erano stati pianificati dal gruppo militante libanese Hezbollah.

Una dichiarazione rilasciata mercoledì sera dal servizio di intelligence del Mossad afferma di aver fornito assistenza al Brasile per “arrestare una cellula terroristica gestita da Hezbollah al fine di effettuare un attacco contro obiettivi israeliani ed ebraici in Brasile”.

Ha aggiunto che anche altre agenzie internazionali hanno partecipato all’operazione, ma non ha menzionato i loro nomi.

La polizia federale brasiliana ha affermato di aver arrestato due sospetti a San Paolo in un’operazione “per interrompere la preparazione di attacchi terroristici e ottenere prove del possibile reclutamento di brasiliani per compiere atti estremisti nel paese”.

La polizia ha dichiarato in un comunicato di aver effettuato anche 11 raid di perquisizione e sequestro a San Paolo, Brasilia e nello stato sud-orientale di Minas Gerais. I nomi dei sospettati o dei presunti obiettivi non sono stati menzionati.

Il Mossad ha affermato che gli attacchi pianificati facevano parte di una “ampia rete che opera in altri paesi”, ma non li ha menzionati per nome.

Esperti di sicurezza seguono da tempo le presunte attività di Hezbollah nelle zone di confine tra Brasile, Argentina e Paraguay. Il gruppo sostenuto dall’Iran ha sede in Libano, dove ha seggi in parlamento e governo.

La dichiarazione del Mossad, pubblicata sul sito web del primo ministro israeliano, aggiunge: “Sullo sfondo della guerra a Gaza… Hezbollah e il regime iraniano continuano ad operare in tutto il mondo per attaccare obiettivi israeliani, ebrei e occidentali”. .

READ  La Finlandia si unisce alla NATO questa settimana: Presidente

La guerra tra Israele e Gaza è scoppiata il 7 ottobre dopo che il gruppo armato Hamas, alleato di Hezbollah e che controlla Gaza, ha ucciso almeno 1.400 persone nel sud di Israele e ne ha catturate più di 200. Israele ha dichiarato guerra a Hamas e da allora ha sottoposto Gaza a continui bombardamenti, uccidendo più di 10.000 persone e ignorando le richieste di un cessate il fuoco umanitario.

In Brasile vivono circa 107.000 ebrei e i leader della comunità hanno riferito all’agenzia di stampa Reuters il mese scorso di aver notato un aumento dell’attività antisemita su Internet dall’inizio del conflitto.

“Seguiamo con timore e preoccupazione l’operazione odierna della polizia federale. Il Brasile non ha una storia di terrorismo e speriamo che il conflitto in Medio Oriente non venga importato qui”, ha affermato Ricardo Birkenstadt, amministratore delegato della Federazione ebraica dello Stato di San Paolo. (VISP).

Il Brasile ha la seconda comunità ebraica più grande dell’America Latina dopo l’Argentina.

Circa 250.000 ebrei vivono in Argentina, che è stata oggetto di attacchi contro l’ambasciata israeliana nel 1992 e contro un centro ebraico a Buenos Aires nel 1994. In questi incidenti sono state uccise circa 114 persone.