― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldIl presidente egiziano Sisi si candida per un terzo mandato e l’opposizione...

Il presidente egiziano Sisi si candida per un terzo mandato e l’opposizione denuncia le pressioni Notizie su Abdel Fattah El-Sisi

Gruppi della società civile affermano che i cittadini che hanno cercato di nominare candidati per opporsi a Sisi hanno subito molestie.

Il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi ha confermato che si candiderà per un terzo mandato alle elezioni previste per il prossimo dicembre.

Le elezioni, che secondo le aspettative di Sisi vinceranno, arrivano mentre l’Egitto soffre di una crisi economica, di un’inflazione record, di una forte svalutazione della valuta locale e delle accuse da parte dell’opposizione politica secondo cui i suoi candidati subiscono molestie e intimidazioni.

Lunedì sera Al-Sisi ha dichiarato in un discorso televisivo: “Ho deciso di candidarmi per completare il sogno durante un nuovo mandato presidenziale”.

Ha detto: “Invito tutti gli egiziani a partecipare a questa scena democratica e a scegliere, con la loro coscienza nazionale, chi lo merita”.

I rapporti indicano che circa 65 milioni di egiziani avranno diritto di voto alle elezioni che si terranno nell’arco di tre giorni, dal 10 al 12 dicembre. Gli egiziani residenti all’estero potranno votare dal 1 al 3 dicembre.

Una manciata di politici ha già annunciato la propria candidatura presidenziale, ma nessuno ha posto una seria sfida a Sisi, che è al potere dal 2014 dopo aver guidato l’esercito per spodestare il primo presidente egiziano democraticamente eletto, Mohamed Morsi dei Fratelli Musulmani, nel 2014. 2013.

Al-Sisi è stato dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali del 2014 e del 2018 con il 97% dei voti.

L’Egitto è stato testimone di una repressione della libertà di espressione sotto Sisi, con centinaia di attivisti e oppositori politici imprigionati o costretti all’esilio, che hanno portato alle proteste dei difensori dei diritti umani.

READ  Rapporto: Gli attacchi nello Yemen paralizzano le operazioni portuali israeliane

I Fratelli Musulmani sono stati banditi come organizzazione “terroristica” e l’opposizione politica divisa in Egitto afferma di essere stata messa sotto pressione in vista delle elezioni.

La campagna di Ahmed Tantawi, ex membro del parlamento e potenziale oppositore più importante di Sisi, lamentava che i cittadini venivano ostacolati quando cercavano di manifestare il loro sostegno alla sua candidatura.

I potenziali candidati hanno bisogno di 25.000 firme pubbliche o del sostegno di 20 membri del parlamento che siano fermamente pro-Sisi per candidarsi alle elezioni.

Il responsabile della campagna del funzionario dell’opposizione Mohamed Abu Al-Diyar ha detto all’agenzia di stampa Reuters che a molti di coloro che si sono recati negli studi notarili per registrare il loro sostegno a Tantawi è stato detto che il sistema di registrazione non funzionava e gli è stato detto di tornare più tardi o di registrarsi altrove.

Il Movimento Democratico Civile, che comprende alcuni piccoli partiti di opposizione, ha affermato domenica in una dichiarazione che ci sono state molteplici violazioni contro i cittadini che cercavano di nominare candidati per opporsi a Sisi.

L’Autorità elettorale nazionale egiziana afferma che sta indagando sulle denunce e ha descritto queste accuse come infondate.