Il rover Mars restituisce i suoni stridenti e striduli della guida

Cape Canaveral, in Florida. L’ultima sonda su Marte della NASA ha riportato in auge le prime voci di leadership sul pianeta rosso: una questione luttuosa, rumorosa e inquietante per gli standard della Terra.

Il rumore dei sei cerchi in lega e delle sospensioni di Perseverance nel suo primo test drive due settimane fa fa parte di un feed acustico iniziale di 16 minuti rilasciato mercoledì dal Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California.

“Se sentissi questi rumori guidando la mia macchina, fermerei l’auto e chiederei di trainarla”, ha detto in una dichiarazione scritta alla NASA Dave Gruel, un ingegnere del team rover. “Ma se ti prendi un minuto per pensare a quello che stai ascoltando e dove è stato registrato, ha perfettamente senso.”

Perseverance – il rover più grande e avanzato mai inviato su Marte – è atterrato vicino a un antico delta del fiume il 18 febbraio per cercare segni di vita passata. Verranno campionate le rocce che promettono di tornare sulla Terra.

Il rover ha due microfoni. Uno aveva già captato i fulmini e i laser del vento, e l’altro aveva lo scopo di registrare atterraggi e atterraggi. Il secondo microfono non ha rilevato alcun suono dell’arrivo della navicella su Marte, ma è riuscito a registrare il primo test drive il 4 marzo.

Il suono di guida contiene rumori acuti e inaspettati graffi, secondo la NASA. Gli ingegneri stanno cercando di scoprirlo.

Prima di scavare nelle rocce per campioni di base, Perseverance lascerà un elicottero sperimentale chiamato Ingenuity. L’elicottero tenterà il suo primo volo a motore e controllato su un altro pianeta il mese prossimo.

READ  Come guardare il lancio e l'atterraggio di SpaceX di un razzo Falcon 9 per la nona volta record

// BEGIN: Facebook clicks on unlike button FB.Event.subscribe("edge.remove", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_unlike_btn_click'); }); }; requiresDependency('https://s7.addthis.com/js/250/addthis_widget.js#async=1', function(){ addthis.init(); }); var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=404047912964744', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x