Il sensore che contiene l’inestimabile esemplare di Bennu torna finalmente sulla Terra

Un veicolo spaziale aspira circa 56,70 grammi di polvere dalla vista esterna di un asteroide nel suo cammino verso la Terra. La NASA ha detto in una spiegazione che il veicolo spaziale, chiamato Osiris Rex, ha inviato i suoi propellenti per 7 minuti lunedì per lasciare l’asteroide Bennu. La NASA ha detto che la sonda ha raccolto 60 grammi, o circa 2 once, di polvere spaziale ricca di carbonio. La BBC ha annunciato che questo è il campione più grande raccolto dalle missioni Apollo Moon con equipaggio.

Indagine con campioni durante un viaggio sulla Terra

Se tutto va come previsto, la navicella spaziale deve orbitare attorno al sole due volte prima di avvicinarsi alla Terra. Quando ti trovi entro 10.000 chilometri (6.000 miglia) dalla Terra, devi trasportare una capsula che passa sopra i campioni. La NASA prevede che il campione atterrerà nel deserto dello Utah il 24 settembre 2023. L’Osiris Rex è stato inviato circa cinque anni fa. La CNN ha rivelato che questa è l’importante missione che la NASA ha inviato per raccogliere campioni da un asteroide. La NASA ha detto per chiarire che il componente standard è quello di confermare se le misurazioni effettuate con la Terra sono accurate. Un video clip dal Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, mostra le fasi associate del veicolo spaziale.

L’informazione, ad esempio, potrebbe essere una pietra vagante per future missioni spaziali che vanno in uno spazio più ampio. OSIRIS-REx era inizialmente gravitato verso Bennu nel 2018. Prima dell’evento sociale, i campioni hanno volato attorno all’asteroide, raccogliendo informazioni e organizzando il sito di atterraggio. La sonda, lunga 6 metri (20 piedi) e larga 2,5 metri (8 piedi), passa anche sopra strumenti simili per spettrometri e una telecamera che ha preso misure della superficie dell’asteroide. Queste misurazioni hanno mostrato chiari presupposti della NASA secondo cui il suolo ricco di carbonio dell’asteroide contiene molecole di ossigeno e idrogeno.

Ciò indica che Benno potrebbe aver finalmente parlato con l’acqua. Gli scienziati sono rimasti scioccati quando, quando la sonda si è avvicinata, hanno visto che la superficie dell’asteroide non era liscia come si aspettavano, ma piuttosto era ricoperta di pietre. Ciò ha reso le immersioni nell’asteroide piuttosto notevoli. Finalmente è arrivato a Benno il 20 ottobre 2020. Ha rilasciato il braccio di sistemazione dell’azoto, che ha disturbato la superficie dell’asteroide per trasportare il campione nella stanza di raccolta, ha annunciato Morgan McVall-Johnson di Insider. Le telecamere a bordo hanno mostrato come la polvere è stata aspirata dalla superficie dell’asteroide per la conservazione in un contenitore.

Leggi anche: Calamaro gigante catturato in una ripresa in acque profonde

READ  Uno studio rileva che l'Oceano Artico si sta riscaldando decenni prima del previsto

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x