Katie Ledecky vince il 17° titolo mondiale con una vittoria sui 1.500 m stile libero | Katie Ledecky

Katie Ledecky ha continuato la sua collezione di medaglie d’oro lunedì dopo aver rivendicato il 17° titolo mondiale da record vincendo i 1500 m stile libero.

Ledecky, che ha vinto i 400 metri stile libero femminili nella giornata di apertura del torneo, ha vinto l’oro con un tempo di 15 minuti e 30,15 secondi. Il 25enne americano ha concluso la sua vittoria con più di 14 secondi sulla collega medaglia d’argento Katie Grimes. L’australiano Lanny Pallister ha vinto il bronzo.

La vittoria ha regalato a Ledecky la sua ventesima medaglia ai Campionati del Mondo, eguagliando il record femminile stabilito dalla connazionale Natalie Coughlin.

“È indisciplinato perché mi sento come se ieri fossi stato al Barcellona per la prima volta al mondo. È fantastico rappresentare il Team USA anno dopo anno, è un onore e un privilegio, ed è per questo che lavoro così tanto”.

Altrove lunedì, l’adolescente rumeno David Popovici ha confermato il suo posto come uno dei talenti emergenti più entusiasmanti di questo sport facendo una bella nuotata per conquistare l’oro nei 200 metri stile libero maschili.

Popovici, 17 anni, ha fatto paragoni con alcuni dei grandi del nuoto con la sua prestazione dominante nei campionati juniores e ha superato in astuzia un solido campo nei 200 metri stile libero per una vittoria che lo ha dichiarato d’élite.

L’atleta di Bucarest, che è arrivato quarto a Tokyo, è diventato il primo nuotatore rumeno a vincere l’oro ai Campionati del Mondo terminando la gara con il tempo di 1:43.21, un nuovo record mondiale per gli juniores. Ha concluso la stagione più di un secondo davanti al sudcoreano Hwang Sun-Woo, mentre il campione olimpico britannico Tom Dean è arrivato terzo.

“Le persone a casa hanno creduto in me. Questa è la loro medaglia”, ha detto Popovici, ansioso di affrontare il campione olimpico Caleb Dressel.

L’Italia ha vissuto una sessione indimenticabile alla Dona Arena quando Thomas Secon ha battuto il record mondiale dei 100 dorso maschili e la 17enne Benedetta Pilato ha vinto i 100 rana femminili.

La gioia dell’Italia è iniziata quando Siscon, 21 anni, ha terminato i 100 dorso in 51,60 secondi – 0,25 secondi meglio del precedente record stabilito dall’americano Ryan Murphy. Murphy, quattro volte medaglia d’oro olimpica, è arrivato secondo mentre il collega americano Hunter Armstrong era terzo.

“Non ho parole, c’è stato un campione olimpico nel 2016 [Murphy] e altre persone potenti. Ha detto che lo sarà.

I 100 rana femminili sono andati persi senza che la campionessa olimpica Lydia Jacobi e la medaglia d’argento di Tokyo Tatiana Schoenmaker e Pilato ne abbiano approfittato.

“Sono così felice, è stato il mio sogno che si è avverato stasera”, ha detto un’emozionata Pilato mentre scoppiava in lacrime, incapace di finire la sua intervista post-gara.

READ  Tennis: Tennis - Hewitt orgoglioso degli sforzi dell'Australia nonostante le speranze della Coppa Davis in ogni modo

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x