La NASA sta cercando proposte per due nuove missioni speciali per astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale

La NASA ha detto venerdì che lo era Cerca suggerimenti Dalle società commerciali per due nuove missioni con equipaggio alla Stazione Spaziale Internazionale. La prima missione dovrebbe svolgersi tra l’autunno 2022 e la metà del 2023. La seconda seguirà tra la metà del 2023 e la fine del 2023.

Le Astronaut Special Missions sono un’iniziativa relativamente recente della NASA e fanno parte del programma di sviluppo Commercial Low Earth Orbit (LEO). Per gran parte della storia umana nello spazio, i voli verso la Stazione Spaziale Internazionale sono stati riservati agli astronauti delle agenzie spaziali dei rispettivi paesi.

La startup con sede a Houston Axiom Space è stata premiata La prima missione astronauta privata, prevista per gennaio 2022. Questa missione trasporterà quattro astronauti privati ​​in una missione di otto giorni dal Kennedy Space Center in Florida. La NASA pagherà Axiom $ 1,69 milioni per i servizi relativi alla missione.

Ciascuna delle nuove missioni può durare fino a 14 giorni e le offerte devono essere presentate entro il 9 luglio. L’agenzia ha specificato che le missioni devono essere mediate da una società statunitense e utilizzare un veicolo di trasporto spaziale statunitense approvato. (La missione speciale Axiom utilizzerà l’equipaggio di SpaceX Dragon.)

L’abilitazione di missioni private con equipaggio come questa potrebbe aiutare a “sviluppare un’economia solida in un’orbita terrestre bassa, dove la NASA è uno dei tanti clienti e il settore privato è all’avanguardia”, ha affermato la NASA. Grazie ai costi di lancio notevolmente inferiori, dovuti in gran parte alle innovazioni nel riutilizzo dei razzi, guidate da SpaceX, nonché a un ecosistema completamente nuovo di aziende del “nuovo spazio” che sono sorte negli ultimi cinque anni, lo spazio è più occupato che mai.

READ  La Casa Bianca lancia una strategia di protezione planetaria

L’agenzia ha anche affermato che LEO potrebbe eventualmente essere utilizzato come “campo di addestramento e prova” per il programma Artemis pianificato – il tanto atteso ritorno dell’umanità sulla Luna – e le missioni più profonde nel sistema solare.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x