― Advertisement ―

spot_img

Ragazzi che si rinfrescano ‹ ColoradoBoulevard.net

I Vigili del Fuoco di San Marino tranquillizzano i bambini (Foto – Città di San Marino)I Vigili del Fuoco di San Marino sono recentemente...
HomeTop NewsLa polizia italiana ha identificato i sospetti turisti tedeschi nel furgone del...

La polizia italiana ha identificato i sospetti turisti tedeschi nel furgone del Corridoio Vasariano

Martedì all’alba il monumento simbolo di Firenze è stato vandalizzato.

Martedì la polizia italiana ha identificato due turisti tedeschi presumibilmente responsabili di aver scritto graffiti nel Corridoio Vasariano di Firenze che collega la Galleria degli Uffizi al Giardino di Boboli.

Gli agenti dei carabinieri hanno utilizzato le riprese delle telecamere a circuito chiuso per rintracciare i sospettati dietro l’atto vandalico prima dell’alba, conducendoli in un appartamento dove alloggiavano in vacanza altri nove cittadini tedeschi.

Un giornale locale ha riferito che l’età degli 11 turisti indagati variava dai 20 ai 22 anni Non dimenticarmi, I graffiti scritti sui pilastri dell’edificio del XVI secolo si riferiscono alla squadra di calcio tedesca TSV 1860 Monaco, che gioca nella terza divisione.

Il corridoio sopraelevato, che risale al 1565, fu progettato dal pittore e architetto rinascimentale italiano Giorgio Vasari su richiesta di Cosimo I de’ Medici.

In un permesso Rilasciato martedì sera, il ministro dei Beni Culturali Gennaro Sangiuliano ha ringraziato la Gendarmeria per aver tempestivamente individuato i presunti autori dell’atto vandalico sul monumento fiorentino.

“Tali atti non dovrebbero rimanere impuniti”, ha detto Sangioliano. “Ora lasciamo che la giustizia faccia il suo corso.”

Martedì scorso, il ministro aveva promesso “tolleranza zero” per coloro che vengono sorpresi ad vandalizzare siti del patrimonio italiano, dicendo: “Devono capire che anche il più piccolo segno sarà perseguito d’ora in poi”.

READ  Due adolescenti condannati a 18 mesi di carcere per aver rubato una moto italiana ai Mondiali di pista UCI di ottobre

Il direttore degli Uffizi Ike Schmidt ha condannato questo “atto vile”, affermando che è giunto il momento di sostituire le “pene simboliche” con il “pugno di ferro della legge”, sottolineando che tali casi negli Stati Uniti comportano una pena detentiva di cinque anni.