La Scala apre la nuova stagione con l’opera russa

La Scala italiana apre la sua stagione 2022-23 con l’esibizione di “Boris Godunov”, un’opera russa eseguita da artisti russi, senza piani per un boicottaggio culturale nonostante l’invasione dell’Ucraina.

“Non sono favorevole alla caccia alle streghe, né all’abolizione delle opere russe”, ha detto ai giornalisti Dominic Mayer, direttore artistico del teatro. Non mi nascondo durante la lettura [Russian writer Alexander] Buskin: “La selezione originale per l’opera è stata fatta alcuni anni fa, dice.

Scritto da Modest Mussorgsky, il basso e soprano russo Eldar Abdrazakov e Anna Denisova interpreteranno i ruoli principali in “Boris Godunov”. L’inizio della nuova stagione scaligera ai primi di dicembre è uno dei momenti clou del calendario culturale italiano. Subito dopo l’invasione dell’Ucraina a febbraio, il teatro milanese ha dichiarato che il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev non si sarebbe esibito alla Scala per non aver condannato la guerra.

In risposta ai giornalisti che chiedono quale sia la differenza rispetto al caso Gergiev, Mayer ha affermato che La Scala considera il direttore dell’orchestra russa un politico. “È una specie di ministro della Cultura russo. Altri artisti si trovano in una situazione diversa: ricevono premi e riconoscimenti, ma questo non li rende sostenitori della guerra”, ha aggiunto.

La Scala metterà in scena più di 200 spettacoli nella stagione 2022-23, che inizierà il 7 dicembre.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

READ  Alison Brie e Aubrey Plaza collaborano a un nuovo film commedia

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x