Le agenzie umanitarie avvertono del pericolo di collasso del sistema sanitario afghano | notizie sulla salute

Il sistema sanitario afgano è a rischio di collasso, dopo che i donatori stranieri hanno smesso di fornire aiuti a seguito dell’acquisizione dei talebani, hanno detto all’agenzia di stampa Reuters due importanti agenzie umanitarie.

Dopo che gli Stati Uniti hanno ritirato la maggior parte delle loro forze rimanenti il ​​mese scorso, i talebani hanno accelerato la loro campagna militare e hanno preso il controllo della capitale, Kabul, il 15 agosto.

I donatori internazionali, tra cui la Banca mondiale e l’Unione europea, hanno congelato i loro finanziamenti per l’Afghanistan poco dopo.

“Uno dei maggiori rischi per il sistema sanitario qui è il collasso a causa della mancanza di supporto”, ha affermato Felipe Ribeiro, rappresentante in Afghanistan di Medici senza frontiere (Medici senza frontiere), una delle più grandi agenzie di assistenza medica negli Stati Uniti. nazione.

Il sistema sanitario pubblico in Afghanistan soffre da anni della mancanza di personale, attrezzature e finanziamenti. Il rischio più grande è che questo deficit di finanziamento persista nel tempo”.

Il sistema sanitario – che era già fragile e fortemente dipendente dagli aiuti esteri – è stato sottoposto a ulteriori pressioni, ha affermato Nicephor Maghndi, capo della Federazione internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa in Afghanistan.

“I bisogni umanitari sul campo sono enormi”, ha detto.

Le due agenzie umanitarie hanno affermato che, sebbene le loro operazioni a terra non siano state ampiamente colpite, hanno visto un aumento significativo della domanda poiché altre strutture non sono state in grado di funzionare pienamente.

Moghendi ha affermato che la chiusura delle banche afgane ha impedito a quasi tutte le agenzie umanitarie di accedere ai fondi, lasciando venditori e personale senza stipendio.

READ  Irene Icefield condivide il suo viaggio sul cancro della pelle: "Questa sarà la mia realtà, per il resto della mia vita, ma so quanto sono fortunata".

Ad aggravare il problema, le forniture mediche dovranno ora essere rifornite prima del previsto.

“Le forniture che avrebbero dovuto durare tre mesi non saranno in grado di durare tre mesi. Potrebbe essere necessario ricostituire le risorse molto prima”, ha affermato Moghendi.

Ribeiro ha affermato che MSF aveva immagazzinato forniture mediche prima dell’acquisizione, ma con i voli interrotti e i confini terrestri interrotti, non era chiaro quando ne sarebbero arrivati ​​altri nel paese.

Arrivo di un carico di materiale sanitario

Un aereo che trasportava 12,5 tonnellate di medicinali e forniture sanitarie è atterrato a Mazar-i-Sharif, nel nord dell’Afghanistan, ha detto lunedì l’Organizzazione mondiale della sanità, nella prima spedizione di questo tipo dall’acquisizione dei talebani.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che l’aereo, decollato da Dubai, consegnerà rifornimenti a 40 strutture sanitarie in 29 governatorati in tutto il paese.

L’OMS ha aggiunto che le forniture – che includono kit di emergenza e traumatologici – sono sufficienti per coprire i bisogni primari di oltre 200.000 persone, fornire 3.500 interventi chirurgici e curare 6.500 pazienti traumatizzati.

“Dopo giorni di lavoro continuo per trovare una soluzione… ora siamo stati in grado di ricostituire parzialmente lo stock di strutture sanitarie in Afghanistan”, ha affermato il direttore regionale dell’OMS per il Mediterraneo orientale Ahmed Al-Mandhari.

“Le agenzie umanitarie come l’Organizzazione mondiale della sanità hanno affrontato enormi sfide nell’invio di forniture salvavita in Afghanistan nelle ultime settimane a causa di vincoli di sicurezza e logistici”, ha aggiunto Al-Mandhari.

Ha anche ringraziato il Pakistan, che ha fornito l’aereo per la consegna.

È stato il primo di tre voli pianificati con PIA e l’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che sta lavorando per garantire che “la spedizione di questa settimana sarà la prima di molte”.

READ  Il Nicaragua richiama i suoi ambasciatori in 4 paesi con un movimento reciproco | notizie sui diritti umani

Riferendo da Kabul, Rob McBride di Al Jazeera ha affermato che il volo da Dubai “apre una più ampia possibilità di rotte aeree verso l’Afghanistan.

Mazar-i-Sharif è una grande e importante città del nord, e ha un grande e importante aeroporto. Prima che il governo crollasse, c’erano voli internazionali lì, il che conferma che hanno ripreso il controllo del traffico aereo, che sembra aprire la strada a Kabul”, ha detto McBride.

Una volta che gli Stati Uniti se ne andranno, prenderanno con sé il controllo del traffico aereo e il compito dei talebani non sarà solo quello di riprendere l’aeroporto, ma anche di ripristinare il controllo del traffico aereo.

“Presenta una via da seguire che tutti qui sembrano voler vedere – il governo, le organizzazioni umanitarie e, naturalmente, la popolazione – perché ciò significherà alla fine il ritorno dei voli commerciali”, ha affermato McBride.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito che l’Afghanistan potrebbe presto affrontare una carenza di personale medico poiché i lavoratori tra coloro che fuggono dal paese e le lavoratrici sanitarie stanno lasciando il lavoro per paura.

Durante il suo regno dal 1996 al 2001, i talebani hanno avuto un rapporto difficile con le agenzie di aiuto estere, che alla fine hanno portato all’espulsione di molti, tra cui Medici senza frontiere, nel 1998.

Questa volta, il gruppo ha affermato che accoglie donatori stranieri e proteggerà i diritti dei dipendenti stranieri e locali, un impegno che è stato mantenuto finora, ha affermato Ribeiro.

“Ci hanno già chiesto di restare, ci hanno chiesto di continuare a gestire le nostre operazioni nel modo in cui stavamo correndo prima”, ha detto. “Le relazioni, finora, sono molto rassicuranti”.

READ  La Marina americana afferma di aver sparato colpi di avvertimento alle navi iraniane nel Golfo Notizie dal Medio Oriente

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x