L’Italia ha iniziato a trasferire denaro ai parenti dei pescatori indiani uccisi dai suoi Marines: Center to SC

Il centro lunedì ha detto alla Corte Suprema che l’Italia aveva iniziato a trasferire i danni di 10 crore di Rs assegnati ai parenti di due pescatori indiani uccisi dai marines italiani al largo della costa dello stato del Kerala nel febbraio 2012.

Il centro ha detto a un organo giudiziario guidato dal giudice capo SA Bobde che una volta ricevuti i fondi, il governo li avrebbe depositati presso la Corte Suprema in conformità con la direttiva del 9 aprile.

“Stiamo aspettando di ricevere i soldi”, ha detto il difensore Rajat Nair, comparso al centro davanti al tribunale.

Il consiglio, che comprende anche i giudici AS Bopanna e V Ramasubramanian, ha ascoltato la richiesta del centro di archiviare il caso contro due marines italiani – Salvatore Gironi e Massimiliano Lattori.

Inizialmente, il consiglio ha chiesto se l’importo fosse stato depositato. Il signor Nair ha detto a Bench che l’Italia ha iniziato a trasferire i soldi.

“Lo manterremo la prossima settimana”, ha detto Bensch, aggiungendo che l’avvocato del centro aveva precedentemente insistito per un’udienza anticipata, e all’ultima data ha detto che i fondi sarebbero stati depositati entro tre giorni. “Sappiamo quanto velocemente puoi farlo”, ha osservato Bensch.

Il signor Nair ha detto alla corte che il denaro sarebbe stato depositato presso la Corte Suprema non appena ricevuto.

Il 9 aprile, la Corte Suprema ha ordinato al centro di depositare 10 crore di rupie sul suo conto che l’Italia avrebbe fornito ai parenti di due pescatori indiani e ha detto che la stessa corte avrebbe erogato il risarcimento.

La Corte Suprema ha preso atto della presentazione dell’avvocato senior Sohail Dutt, rappresentante dell’Italia, che il risarcimento dovuto in conformità con una decisione del tribunale internazionale del 21 maggio 2020 sarà depositato in quella data dal suo cliente presso l’India sul conto che sarà determinato dal Ministero degli affari esteri (MEA).

READ  UniCredit in Italia semplifica l'unità CIB nel rinnovo del nuovo CEO

Nel febbraio 2012, l’India ha accusato due marines a bordo della petroliera italiana MV Enrica Lexie di aver ucciso due pescatori indiani che si trovavano su un peschereccio nella zona economica esclusiva (ZEE) dell’India.

Durante l’udienza del 9 aprile, il procuratore generale Tushar Mehta, apparso al centro, ha affermato che i parenti delle vittime avevano accettato di risarcire 10 milioni di sterline sull’importo della donazione già pagata nel caso.

Il signor Mehta ha detto che il centro ha negoziato un buon affare per le famiglie delle vittime del governo italiano ed è stato accettato da loro.

Il signor Mehta ha affermato che l’ambasciata italiana aveva informato la MEA di aver accettato di pagare l’importo di Rs 10 crore come risarcimento congiunto sotto tutti i capi delle perdite risarcibili fissate dalla decisione del collegio arbitrale, ad eccezione dell’importo di Rs 2.17 crore che L’Italia aveva già pagato alle famiglie della vittima.

Ha aggiunto che il governo dello stato del Kerala aveva informato il ministro degli esteri di essersi consultato con le famiglie delle vittime e aveva accettato per iscritto di accettare un risarcimento.

Il signor Mehta ha affermato che il governo dello stato del Kerala nella sua lettera al ministro degli Affari esteri ha affermato che i membri della famiglia dei pescatori hanno accettato la sua proposta di distribuire l’importo di 10 crore pagati dall’Italia come risarcimento come – 4 crore di rupie al a carico di ciascuno di loro deceduto e 2 milioni di rupie per il proprietario della barca Sant’Antonio.

Il centro aveva informato la Corte Suprema in precedenza che l’Italia aveva assicurato al governo indiano che avrebbe citato in giudizio i Marines in conformità con la legge e che sarebbe stato garantito il massimo risarcimento ai familiari delle vittime.

READ  Pakistan e Italia intendono rafforzare le relazioni bilaterali - Pakistan

Il centro aveva fatto riferimento alla sentenza dello scorso anno della Corte permanente di arbitrato (PCA) dell’Aia che stabiliva che l’India ha diritto a un risarcimento nel caso ma non può perseguire i Marines a causa della loro immunità formale.

Aveva affermato che l’arbitrato ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS), istituito su richiesta dell’Italia, aveva emesso la sentenza il 21 maggio 2020.

Latorre, colpito da ictus il 31 agosto 2014, è stato rilasciato per la prima volta su cauzione e il 12 settembre 2014 la Suprema Corte gli ha concesso di recarsi in Italia per un periodo di quattro mesi, al termine dei quali è stata prolungata la sua permanenza.

In Italia Latorre ha subito un intervento al cuore, dopodiché la Corte di Cassazione gli ha concesso una proroga della residenza nel suo Paese di origine.

Il 28 settembre 2016, la Corte Suprema ha consentito a Latorre di rimanere nel suo paese fino a quando il tribunale arbitrale internazionale non ha deciso la questione della giurisdizione.

Il 26 maggio 2016, Geroni è stato rilasciato anche su cauzione a determinate condizioni e la Corte Suprema gli ha permesso di recarsi nel suo paese fino a quando il caso giudiziario non fosse stato deciso.

Freddy, il proprietario del peschereccio “Saint Anthony”, è stato ucciso da due pescatori del Kerala quando i Marines hanno aperto il fuoco su di loro, sostenendo il malinteso che fossero pirati.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x