La destra italiana ha a portata di mano una supermaggioranza in stile Urban

(Bloomberg) — La coalizione di destra italiana potrebbe segnare una vittoria schiacciante che le consentirebbe di cambiare la costituzione, secondo un importante sondaggio d’opinione.

Un’alleanza guidata dalla Fratellanza italiana di estrema destra guidata da Giorgia Meloni, che comprende la Lega di Matteo Salvini e Forza Italia di Silvio Berlusconi, ha ottenuto un vantaggio significativo nei sondaggi d’opinione in vista delle elezioni generali del 25 settembre. Secondo un’analisi di Youtrend/CataneoZanetto & Co., la divisione degli altri poteri potrebbe portare a una maggioranza di quasi due terzi in entrambe le camere del parlamento.

Allo stesso modo, questo risultato vedrebbe il risultato giusto per il leader ungherese Viktor Orban, che ha ottenuto un’ampia maggioranza nel 2010. Ma raggiungere una maggioranza di due terzi sarebbe difficile per la coalizione e lo scenario principale dello studio è che la coalizione di destra sia al di sotto della soglia dei due terzi.

Le elezioni anticipate sono state indette dopo che il primo ministro Mario Draghi si è dimesso la scorsa settimana, quando tre alleati hanno abbandonato la sua ampia coalizione. Mentre Draghi rimarrà un custode fino all’insediamento di un nuovo governo, la sua partenza ha lasciato gli investitori preoccupati per le prospettive economiche e finanziarie generali dell’Italia.

Un sondaggio separato pubblicato martedì dal quotidiano La Stampa ha riportato che la Fratellanza italiana aveva dall’1,5% al ​​23,5% di sostegno elettorale dopo le dimissioni di Draghi.

Raggiungere una maggioranza sufficientemente ampia per modificare la costituzione sarebbe senza precedenti nella storia recente dell’Italia e potrebbe avere un profondo impatto sul sistema politico del paese.

READ  Adatto per primavera, estate o autunno

“I cambiamenti potrebbero influenzare il modo in cui viene eletto il presidente, o dare più poteri al presidente del Consiglio”, ha affermato Lorenzo Brigliasco, che ha condotto il sondaggio.

I tre leader della coalizione di destra in passato hanno chiesto che il presidente sia eletto direttamente dagli elettori italiani, piuttosto che da legislatori e rappresentanti regionali come avviene attualmente. Ciò richiederà la modifica della costituzione.

Il sondaggio traccia un recente sondaggio su Quorum/YouTrend per la recente riorganizzazione. Evidenzia fino a 67 seggi oscillanti alla Camera e al Senato, che potrebbero essere cruciali per trasformare una maggioranza di destra alle urne in una vittoria schiacciante in Parlamento.

Questo è il risultato del sistema elettorale ibrido dell’Italia, che elegge un terzo dei suoi seggi in ordine di arrivo e il resto nei collegi sulla base della rappresentanza proporzionale, nonché della recente riduzione del numero dei legislatori .

Il blocco di destra può ottenere fino a 271 seggi su 400 alla Camera dei rappresentanti e 131 su 200 al Senato. Questo in uno scenario in cui il Pd di centrosinistra non è alleato del populista Movimento Cinque Stelle, né di gruppi come Italia Alive guidati da Matteo Renzi. Questo scenario non tiene conto di sei senatori nominati a vita.

Orbán ha ottenuto per la prima volta una maggioranza di due terzi nel 2010 e l’ha usata per cambiare la costituzione dell’Ungheria. Da allora, e soprattutto da quando la stragrande maggioranza è stata ripristinata nel 2018, si è scontrato con l’Unione Europea e ha portato avanti quella che ha definito “democrazia illiberale”, in cui l’indipendenza della magistratura e dei media è ridotta.

READ  Dì addio alla tua vacanza al mare italiana preferita

© Bloomberg LP 2022

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x