L’Italia tiene le elezioni di settembre dopo le dimissioni del premier Mario Draghi

L’Italia terrà le elezioni politiche anticipate il 25 settembre dopo che il primo ministro Mario Draghi si è dimesso in seguito al crollo del governo di unità nazionale, provocando tremori nei mercati finanziari.

Si tratterà delle prime elezioni nazionali autunnali in Italia in più di un secolo, poiché la legge di bilancio viene solitamente adottata in Parlamento nella seconda metà dell’anno.

Potrebbe essere una campagna violenta nel caldo torrido estivo in un paese colpito dalla siccità.

Uno studio sui sondaggi di opinione di questa settimana ha mostrato che un blocco di partiti conservatori, guidato dalla Fratellanza di estrema destra italiana, è probabile che ottenga una netta maggioranza al ballottaggio.

Draghi, un ex governatore della banca centrale non eletto che ha guidato un’ampia coalizione per quasi 18 mesi, ha rassegnato le sue dimissioni giovedì ed è stato chiesto dal presidente Sergio Mattarella di rimanere in una posizione temporanea.

“Dobbiamo affrontare le emergenze legate all’epidemia, alla guerra in Ucraina, all’inflazione e ai costi energetici”, ha detto Draghi ai suoi colleghi di gabinetto.

Ha affermato che il governo dovrebbe anche attuare il Piano nazionale per la ripresa e la resilienza che vede l’Italia beneficiare di miliardi di euro di fondi dell’UE dopo la pandemia in cambio di riforme.

Sebbene il voto sia fissato per la fine di settembre, potrebbero volerci settimane di contrattazione prima che una nuova amministrazione presti giuramento.

La coalizione di Draghi è crollata mercoledì quando tre dei suoi partner chiave hanno rifiutato un voto di fiducia che aveva chiesto nel tentativo di porre fine alle divisioni e rinnovare la loro travagliata alleanza.

READ  La Croazia si è qualificata per le semifinali di Coppa Davis dopo aver battuto l'Italia

Ha cercato di riaffermare il suo potere mentre le parti iniziano a muoversi in direzioni diverse prima della prevista fine della legislatura nella prima metà del prossimo anno.


ritorna l’olio d’oliva

La crisi politica ha posto fine a mesi di stabilità in Italia, durante i quali Draghi ha contribuito a plasmare la dura risposta dell’Europa all’invasione russa dell’Ucraina e ha rafforzato la posizione del Paese sui mercati finanziari.

Le obbligazioni e le azioni italiane sono state svendute bruscamente per i timori che la crisi politica avrebbe ritardato le riforme e che il nuovo governo potesse essere un partner più forte per l’Unione Europea.

I rendimenti obbligazionari italiani a 10 anni sono saliti a un massimo di un mese del 3,75% prima di tornare a circa il 3,60% in late trade.

Draghi, il sesto primo ministro italiano in un decennio, ha ricevuto una standing ovation dai legislatori quando giovedì è apparso brevemente alla camera bassa del parlamento, segnalando la sua intenzione di dimettersi.

“Anche i banchieri centrali a volte toccano i loro cuori”, ha detto sarcasticamente ricevendo applausi.

L’ex capo della Banca Centrale Europea (Bce) ha contribuito a rafforzare la presenza dell’Italia sulla scena internazionale.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky lo ha ringraziato per il suo “incrollabile sostegno”.

“Sono convinto che il sostegno attivo del popolo italiano all’Ucraina continuerà”, ha detto su Twitter.

Sebbene non eletto, Draghi era popolare tra molti italiani che erano stufi di anni di governi con porte girevoli.

“Il fatto che ci sia un’altra crisi di governo dimostra solo l’incapacità dei nostri politici di governare per il popolo, invece governano solo per se stessi”, ha detto Marco Anastasi, 29 anni, allenatore sportivo del Milan.

READ  Coppe gelato di Babbo Natale che servono gelato artigianale in un vicolo a Hummelstown

Tuttavia, i fratelli italiani, guidati da Giorgia Meloni, hanno accolto con favore la notizia delle elezioni, che erano previste solo nella prima metà del prossimo anno.

Era l’unico grande leader che non si unì al governo Draghi e crebbe in popolarità nell’opposizione. Il suo gruppo ha votato solo il 4% alle elezioni del 2018, ma ora ha vinto più del 22%, diventando così il più grande partito in Italia.

Se il blocco conservatore vincerà il voto di settembre, deciderà chi dovrebbe essere il primo ministro e potrebbe persino salire alla carica più alta.

(Questa storia non è stata modificata dai dipendenti di Business Standard e viene generata automaticamente da un feed condiviso.)

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x