Lo sciopero dell’Italia taglia i sindacati e sorprende il governo

Due dei più grandi sindacati italiani hanno indetto uno sciopero nazionale per protestare contro il budget 2022 del governo, dividendo il movimento operaio e facendo arrabbiare gli alleati del primo ministro Mario Draghi. I sindacati CGIL e UIL hanno chiesto una pausa di un giorno il 16 dicembre, affermando in una dichiarazione lunedì sera che si oppongono alle misure di bilancio relative a tasse, pensioni, scuole, politiche industriali e precarietà del lavoro.

Tuttavia, il secondo sindacato più grande d’Italia, la Cisl, ha dichiarato che non prenderà parte alla protesta, la prima divisione del genere tra i tre principali gruppi sindacali del Paese dal 2014. “La Cisl ritiene sbagliato ricorrere allo sciopero generale e agli estremi del conflitto in una situazione del genere L’ora esatta per il Paese, che rimane impegnato ad affrontare una pandemia che non si placherà.

I partiti di tutto lo spettro politico che sostengono il governo di unità di Draghi hanno criticato lo sciopero, affermando che il budget ha offerto 8 miliardi di euro (9 miliardi di dollari) in tagli alle tasse, principalmente rivolti ai lavoratori a basso reddito. “Questa non è certo una riforma che punisce i lavoratori oi pensionati”, ha detto Andrea Orlando, ministro del Lavoro e figura di spicco del Pd di centrosinistra.

Matteo Salvini, leader della Lega di destra, è stato più esplicito, definendo l’appello allo sciopero “inspiegabile e irresponsabile”. Funzionari del governo si sono incontrati in diverse occasioni con i leader sindacali per discutere il bilancio, l’ultima venerdì scorso. Rappresentanti della CGIL e della UIL hanno chiesto che i previsti tagli alle tasse si rivolgano maggiormente ai più bassi e chiedono più aiuto alle famiglie povere per far fronte ai prezzi più alti dell’energia.

READ  Il capo dell'esercito indiano per inaugurare un monumento ai caduti per i soldati indiani in Italia, visiterà anche il Regno Unito

“Le risorse disponibili in questa fase… (dovrebbero) consentire una più efficace ridistribuzione della ricchezza”, hanno affermato Cgil e Uil nel loro comunicato congiunto. Entrambi i sindacati hanno convocato manifestazioni in quattro città il 16 dicembre, ma non era chiaro se la convocazione dello sciopero avrebbe avuto un impatto significativo sull’economia. (1 dollaro = 0,8876 euro)

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x