― Advertisement ―

spot_img
HomeentertainmentLuca Guadagnino inizialmente aveva detto no alla regia Chiamami col tuo nome...

Luca Guadagnino inizialmente aveva detto no alla regia Chiamami col tuo nome | Hollywood

Il regista italiano Luca Guadagnino ha detto domenica che non è sicuro di dirigere la storia d’amore del 2017 Chiamami col tuo nome perché non vuole fare un altro film sulla vita dei ricchi. A quel punto, il regista aveva già lavorato a film come Io sono l’amore (2009) e The Bigger Splash (2015). Mentre il primo seguiva la moglie di un ricco industriale che aveva una relazione con uno chef, il secondo raccontava di una cantante rock di fama mondiale in vacanza con il suo amante regista. Leggi anche: Zoya Akhtar e Reema Kagti Tiger Baby Films celebrano Luca Godanino al Jio Mami Mumbai Film Festival

Chiamami con il tuo nome

Il regista e produttore italiano Luca Guadagnino posa al suo arrivo per partecipare alla cerimonia di apertura del Jio MAMI Mumbai Film Festival 2023. (AFP)

Basato sull’omonimo romanzo di Andre Aciman, Chiamami col tuo nome racconta la storia d’amore estiva di Elio (Timothée Chalamet) e Olivier (Armie Hammer) ambientata nel nord Italia nel 1983.

“All’epoca ero a Milano e un mio amico mi chiamò e mi disse: ‘Abbiamo questo libro che trasformeremo in un film’. Puoi leggerlo per noi? È americano, ma ambientato in Italia. Quel libro era “Chiamami col tuo nome” di Andre Aciman, quindi l’ho letto e pochi mesi dopo quella versione del film (allora) non poteva essere distribuita.

“I produttori hanno iniziato a chiedermi: ‘Lo farai?’ Ho pensato: “No, non voglio farlo”. Non volevo fare un altro film sui ricchi. Quindi, mi sentivo come se non volessi essere angusto lì dentro. Quindi, ho detto: “No, molte volte”, ha detto Guadagnino durante un panel al Jio MAMI Mumbai Film Festival del 2023 a Mumbai.

READ  La Spagna sta vivendo le giornate più calde dell'anno, con 16 città italiane in massima allerta

Il 52enne ha detto che alla fine ha finito per produrre due film consecutivi: Chiamami col tuo nome e Suspiria, il film del 2018 con Dakota Johnson. “Ho detto ‘sì’ per la prima volta, otto mesi dopo la prima chiamata. Più tardi, mi è stato chiesto di diventare un produttore, quindi ho detto sicuro. Ma quando tutti cercavano di realizzare questo film, e nessuno lo faceva Stavo realizzando uno di questi progetti, e in realtà stavo realizzando Making Suspiria, è uno di quei progetti che volevo fare da sempre.

“Ho pensato: perché non fare due film nello stesso anno? Ecco perché l’ho fatto. Pensavo: ‘Lo farò velocemente’. Non potevo davvero prevedere quel film (Chiamami col tuo nome) che stavo realizzando.” Sarebbe stato un film che avrebbe avuto un tale impatto sulle persone, quindi “È stata una lezione molto potente da imparare, il che significa non resistere al processo e lasciare che sia la cosa a sceglierti”, ha aggiunto.

Chiamami col tuo nome ha ottenuto elogi come storia d’amore tenera e straziante, nonché un Academy Award per la migliore sceneggiatura adattata per il veterano sceneggiatore James Ivory.

Parlando di Io sono l’amore, con protagonisti i suoi frequenti collaboratori Tilda Swinton e Edoardo Gabrielini, il regista ha detto che si trattava di uno di quei progetti che quasi non si realizzavano. Ha aggiunto: “Mi ci sono voluti circa sei anni per realizzarlo, e molti vicoli ciechi. Molte volte, abbiamo perso soldi, abbiamo perso attori, abbiamo perso questo, abbiamo perso quello. Ero testardo ma alla fine ce l’abbiamo fatta”. succede.” .

READ  Come dovrebbe Chris Pratt assomigliare davvero a Mario secondo i fan?

Luca Guadagnino affronta il tema del “perdente” nel suo lavoro

Ha anche parlato in dettaglio del tema ricorrente del “perdente” nei suoi film come Suspiria e Bones and All del 2022, con Chalamet e Taylor Russell. “Il perdente è la persona più forte perché non ha bisogno di appartenere allo status quo, può creare il proprio status quo. (Queste) persone possono essere considerate molto diverse.

“Non sto parlando necessariamente di identità, parlo più di essere un individuo senza compromessi. Ad esempio, non voler essere escluso ma in realtà non voler far parte di nulla se non essere e sentire chi sono”, ha detto .: “Questo avviene in molte forme diverse nella vita, ma anche nei film.”

Guadagnino diceva che per raccontare storie in modo umano, un regista deve essere “arrogante” e “realista”. “Allo stesso tempo, devi essere un visionario, un delirante in qualche modo per pensare che potresti fare un film. Che qualcuno si presenterà e vedrà cosa stai facendo, e che puoi fingere di ottenere un certo numero di persone a fare qualcosa. Questo è solo nella tua mente,” ha detto. Queste sono le qualità.”

“Sii aperto, mettiti alla prova e cerca di non sentirti a disagio. Inoltre, amo le persone, se ami le persone, puoi essere umano e raccontare storie. Ci sono molti registi a cui non piacciono le persone, e sono molto registi sofisticati e’ possibile guardare i loro film che lasciano in soggezione il genio. Ma alla fine, quando finalmente ti rendi conto che ti manca il mondo umano. Ho assistito ad una scena che potrebbe essere emozionante… ma non faccio nomi”, ha aggiunto.

READ  Guarda San Marino vs Estonia: Canale TV in diretta della UEFA Nations League - Come guardare e trasmettere in streaming le partite della Major League e degli sport universitari

divertimento! divertimento! divertimento! 🎞️🍿💃 Clicca per seguirci Canale WhatsApp📲 La tua dose giornaliera di gossip, film, programmi e aggiornamenti sulle celebrità, tutto in un unico posto