Martedì Simone Biles giocherà la finale alla trave

La cinese Su Bingtian ha festeggiato domenica la sua vittoria nelle semifinali dei 100 metri. (Richard Heathcote/Getty Images)

Il velocista cinese Su Bingtian ha fatto la storia olimpica domenica sera, diventando il primo atleta asiatico a schierarsi nella finale dei 100 metri maschili dopo Takayoshi Yoshioka ai Giochi di Los Angeles del 1932.

Il 31enne è arrivato a Tokyo come outsider, dopo essere stato eliminato due volte in precedenza nelle semifinali di Londra e Rio.

Ma in una notte insolita di grande dramma, che ha visto il vincitore della medaglia statunitense Trayvon Bromell non qualificarsi per la finale, Su sembrava sfidare tutte le aspettative, mentre tagliava il traguardo nella terza semifinale al primo posto – e stabiliva un nuovo record asiatico. 9,83 secondi.

Il tempo – il più veloce di tutti i semifinalisti – ha messo Sue da 5 piedi e 8 pollici (173 cm) come l’improbabile favorita per la finale di Tokyo 2020, anche se, di notte, non è stato così per lui. Su è arrivato sesto in 9,98 secondi, mentre l’italiano Lamont Marcel Jacobs ha conquistato l’oro in 9,80 secondi.

Su Weibo, la piattaforma cinese simile a Twitter pesantemente censurata, cinque dei primi 10 argomenti di tendenza di domenica sera hanno indicato la finale della gara di Sue, con grande orgoglio per il suo risultato da record.

“Su Bingtian, sei il miracolo di tutta l’Asia! L’orgoglio di tutta l’Asia!” Ha detto un commento importante che ha ottenuto quasi 300.000 like.

Dopo la gara, Su ha detto ai media statali cinesi che camminare in pista ha realizzato il suo sogno olimpico.

“Ho esaurito le energie in semifinale. Finire la finale in meno di 10 secondi non è facile per me”.

In effetti, Sue è stata la prima atleta nata in Asia a rompere ufficialmente la barriera dei dieci secondi, la misura tradizionale di un corridore di livello mondiale. Da allora, solo un gruppo selezionato di atleti asiatici ha raggiunto questa impresa.

L'americano Ronnie Becker, l'italiano Lamont Jacobs e il cinese Su Bingtian si sfideranno nelle semifinali dei 100 metri domenica 1 agosto.
L’americano Ronnie Baker, l’italiano Lamont Jacobs e il cinese Su Bingtian si sfideranno nelle semifinali dei 100 metri domenica 1 agosto. (Morry Gash/AP)

Per fare un confronto, il tempo di semifinale di Sue di 9,83 secondi è stato sufficiente per vincere l’oro olimpico a Barcellona nel 1992 (9,96 secondi, Linford Christie); Sydney, 2000 (9,87 secondi, Maurice Green); e Atene, 2004 (9,85 secondi, Justin Gatlin). Usain Bolt detiene il miglior tempo di sempre sui 100 metri con 9,58 secondi ai Campionati del mondo nel 2009. Bolt detiene anche il record olimpico con 9,63 secondi a Londra 2012.

READ  La tipografia di Portsmouth smette di produrre 40.000 programmi il giorno della finale di Euro 2020

Nota dell’editore: una versione di questa storia appare contemporaneamente nella newsletter della CNN in Cina, un aggiornamento tre volte a settimana che esplora ciò che è necessario sapere sull’ascesa del paese e su come sta influenzando il mondo. Registrati qui.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x