Per la prima volta, gli astronomi vedono un disco che forma la luna attorno a un esopianeta

La formazione del pianeta è un processo complesso e multistrato. Anche con il flusso di dati sugli esopianeti, ci sono ancora solo due pianeti conosciuti che non si sono ancora completamente formati.

conosciuto come PDS 70b e PDS 70c, i due pianeti, originariamente trovati da telescopio molto grande, sono alcune delle cose migliori che dobbiamo mostrare nei modelli di formazione planetaria. E ora, è stato confermato che uno di loro ha un disco di forma lunare intorno.

Quell’ulteriore intuizione è venuta dalle osservazioni che ha fatto Alma. Gli astronomi hanno a lungo ipotizzato che il pianeta PDS 70c fosse circondato da un tale disco, ma le immagini scattate in precedenza non sono state in grado di confermare la sua esistenza. Ora, è stato confermato fisicamente oltre ogni ragionevole dubbio.

Anche la composizione della luna non è così ben compresa come la formazione dei pianeti a questo punto. fino al Le origini della nostra luna Ancora in discussione. Ma la scoperta del PDS 70c ha il potenziale per far luce su almeno una creazione mentre osserviamo. In effetti, c’è abbastanza materiale nel disco per creare tre lune delle dimensioni della nostra attorno a un pianeta simile a Giove.

la luna Il processo di formazione svolge anche un ruolo importante nella formazione dei pianeti, poiché i dischi attorno ai pianeti che possono formare lune influenzano anche la formazione del pianeta stesso. Guardare questo disco mentre gli scienziati sviluppano i loro modelli per entrambi aiuterà Luna e la formazione dei pianeti.

Questa evoluzione richiederebbe sicuramente milioni di anni, ma finora PDS 70c è l’unico pianeta conosciuto con qualsiasi tipo di disco planetario.

READ  Ketchikan non è stato in grado di utilizzare i primi vaccini COVID-19 perché non erano abbastanza freddi

La stessa serie di dati che confermano la sua esistenza ha mostrato che il gemello simile a Saturno, PDS 70b, non ha un disco che alcuni scienziati avevano precedentemente suggerito. Potrebbero esistere altri telescopi più potenti, ma fino ad allora questo sistema è il migliore che abbiamo.

Unico, il PDS 70 rimarrà un punto focale per gran parte della potenza di fuoco di sorveglianza. Ora c’è un dettaglio importante da considerare con questi strumenti e, si spera, ci saranno anche altri dettagli da scoprire.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da universo oggi. Leggi il articolo originale.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x