Ricercatori statunitensi hanno scoperto una nuova classe di cellule di memoria nel cervello

TORONTO – I ricercatori della Rockefeller University negli Stati Uniti hanno scoperto una nuova classe di cellule di memoria nel cervello specializzate nel riconoscimento di un volto familiare – simile a un ipotetico “neurone della nonna”.

Il “neurone della nonna”, la singola cellula al crocevia della percezione sensoriale e della memoria che dà la priorità a un volto importante rispetto ad altri, è rimasto a lungo sfuggente mentre gli scienziati cercavano una classe di cellule cerebrali che potesse spiegare la reazione viscerale avvertita dal volto di qualcuno. – come il viso di una nonna, Secondo la dichiarazione.

Nuovo studio Pubblicato su Science il giovedì, rivela una nuova classe di neuroni nella regione del polo temporale del cervello che collega la percezione facciale alla memoria a lungo termine.

Piuttosto che un singolo “neurone della nonna”, sono un gruppo di cellule che ricordano collettivamente volti familiari.

“Se volessi prendere in giro l’argomento di qualcuno, lo respingeresti come ‘solo un altro neurone della nonna’ – un’ipotetica che non può esistere”, ha detto Weinrich Freiwald, professore di neuroscienze e comportamento alla Rockefeller University. E nell’angolo del cervello che abbiamo studiato, abbiamo trovato la cosa più vicina al neurone di una nonna: cellule in grado di collegare la percezione facciale alla memoria. “

Freiwald e colleghi hanno scoperto che una piccola regione nella regione del polo temporale del cervello può essere coinvolta nel riconoscimento facciale e, usando la risonanza magnetica come guida, “ingrandisce” due regioni temporali delle scimmie rhesus.

Quindi hanno registrato i segnali elettrici emessi mentre mostravano alle scimmie immagini di volti familiari che avevano visto “di persona” e volti sconosciuti che avevano visto solo su uno schermo.

READ  La NASA sta pianificando il suo primo volo creativo in elicottero da Marte l'8 aprile

I ricercatori hanno scoperto che i neuroni nell’area del polo temporale erano “altamente selettivi”, secondo lo studio, rispondendo più fortemente ai volti che i soggetti del test avevano visto prima che a volti sconosciuti, e i neuroni erano veloci – “distinguendo tra noti e sconosciuti”. volti immediatamente dopo l’elaborazione dell’immagine.”

I risultati hanno mostrato che i neuroni del polo temporale hanno risposto tre volte più fortemente ai volti familiari rispetto a quelli non familiari, anche se le scimmie avevano visto i volti sconosciuti più volte, anche se su uno schermo.

“Questo potrebbe indicare l’importanza di conoscere qualcuno personalmente”, ha detto l’autore dello studio Sophia Landy nella dichiarazione. “Data la tendenza al giorno d’oggi a diventare virtuali, è importante notare che i volti che abbiamo visto sullo schermo potrebbero non suscitare la stessa attività neurale dei volti che incontriamo di persona”.

I risultati sono la prima prova per la “cellula cerebrale ibrida” postulata dallo studio, che descrive le cellule dell’area del polo temporale che agiscono come cellule sensoriali, con risposte affidabili e rapide agli stimoli visivi e una reazione simile alle cellule della memoria che rispondono solo agli stimoli . Il cervello ha visto prima.

“Abbiamo scoperto un legame tra i domini sensoriali e la memoria”, ha detto Freiwald, aggiungendo che invece di un singolo “neurone della nonna”, il team ha scoperto che le cellule nell’area del polo temporale agiscono collettivamente.

I ricercatori sperano di continuare il loro lavoro, osservando che la loro scoperta significa che studi futuri possono indagare su come quei neuroni codificano volti familiari – e le loro scoperte potrebbero avere implicazioni cliniche per le persone con cecità facciale, o cecità facciale, una condizione che colpisce circa l’uno per cento. .della popolazione.

READ  Archeologia: i guerrieri dell'età del ferro hanno scoperto le spade dei loro nemici sconfitti, dalla Germania

“Le persone cieche spesso soffrono di depressione e può essere debilitante”, ha detto Freiwald, osservando che nei casi peggiori, le persone con cecità facciale non sono in grado di riconoscere i loro parenti stretti.

“Questa scoperta potrebbe un giorno aiutarci a elaborare strategie per aiutare”.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x