San Marino si vota fuori dalla “realtà ipocrita”

Il piccolo stato di San Marino dà speranza agli attivisti maltesi pro-choice: il paese senza sbocco sul mare è stato portato sotto i riflettori internazionali lunedì quando ha votato per legalizzare l’aborto fino a 12 settimane, allineandolo con la maggior parte dell’Europa.

San Marino sta seguendo le orme di Gibilterra, che ha votato per legalizzare l’aborto nel marzo 2021, nell’ultima ondata di referendum sul controverso argomento lanciato dall’Irlanda nel 2018.

Attualmente, Malta, Andorra e il Vaticano sono gli unici paesi in Europa a vietare completamente l’aborto indipendentemente dallo status.

La lobby pro-choice di Malta, Vote for Choice, si è detta soddisfatta delle donne e delle ragazze a San Marino, affermando che i loro diritti sono stati finalmente riconosciuti dallo Stato.

“Il risultato mostra speranza e possibilità di cambiamento anche negli ambienti più isolati e conservatori”, ha affermato un portavoce dell’azienda. Dopo il referendum irlandese, c’è stata un’ondata di cambiamento nei Paesi a maggioranza cattolica, come Argentina, Messico e Cile. Il cambiamento non è solo possibile; Sta succedendo, anche qui”.

Da allora, l’ONG è in contatto con le attiviste di No More Shame di Gibilterra e dell’Unione Donne Sammarinesi di San Marino, per condividere idee ed esperienze e pianificare insieme le attività.

Il membro dell’Unione socialdemocratica, la professoressa Maria Elena D’Amelio, ha descritto la campagna come intensa, contrapponendo un voto “sì” ai democristiani di centrodestra.

Come a Malta, l’aborto a San Marino è un argomento controverso. L’opposizione alla depenalizzazione ha portato l’opposizione alla depenalizzazione, che ha forti legami con la Chiesa cattolica e governa il Paese da quasi 20 anni.

“Il Paese è molto simile a Malta, Andorra e Gibilterra. C’è una forte presenza cattolica. E la maggioranza delle persone è cattolica. Quindi sapevamo di lavorare in un ambiente sociale molto conservatore”, ha spiegato Diamiglio.

READ  Roma 2, San Marino 0: Riepilogo partita

La popolazione del referendum è di 33.000 persone, e il referendum ha visto più di 35.000 persone eleggibili al referendum di domenica scorsa, di cui circa un terzo all’estero. La partecipazione è stata del 41% – circa 14.500 persone. Circa il 77% degli elettori ha approvato una proposta per consentire l’interruzione della gravidanza fino a 12 settimane. Dopodiché, l’aborto è consentito solo se la vita della madre è in pericolo o in caso di anomalie fetali che possono nuocere fisicamente o psicologicamente alla donna.

“Siamo rimasti sbalorditi dai risultati… non ci aspettavamo una maggioranza così. Le persone che hanno votato sì, compresi molti cattolici, lo hanno fatto perché la nostra campagna è stata molto rispettosa e fondata sui fatti: avevamo dalla nostra parte medici e avvocati che hanno saputo spiegare perché il referendum fosse necessario.Penso che i sammarinesi siano più avanti dei politici, che non si sono mai presi la briga di discutere di questo argomento.

D’Amilio ha spiegato che molte donne a San Marino si sentono criminalizzate e punite per qualcosa che era considerato un diritto nella maggior parte dei paesi europei. “Anche i cattolici capiscono che l’aborto non è sempre qualcosa che una donna sceglie facilmente. La gente capisce che l’aborto deve essere fornito dallo Stato in modo legale e sicuro – Penso anche che l’idea che le donne potessero guidare per trenta minuti e abortire in Italia fosse non è conveniente per le persone, è ipocrisia”.

L’aborto è legale in Italia dal 1978: la città italiana più vicina a San Marino è Rimini, a soli 20 chilometri in 32 minuti di auto. Negli ultimi 40 anni, le donne sammarinesi che volevano abortire hanno attraversato il confine verso il loro vicino. “Sì, era possibile, ma il problema è che le donne hanno dovuto farlo completamente da sole, senza dirlo a nessuno, hanno avuto un aborto spontaneo. Non hanno avuto alcun supporto, nemmeno psicologico, perché era considerato un crimine”, ha detto D’ ha notato Amelio.

READ  Renzi tiene aperto lo scontro con il governo: "I ministri si ritirano? Tutto è ancora sul tavolo. Ebbene, dal metodo, ora dipende dal merito".

Da quarant’anni i sammarinesi vivono in questa realtà “ipocrita”.

“Eravamo preoccupati che, poiché il partito al governo stava conducendo una campagna contro l’aborto, ci sarebbe stata una ricaduta quando si sarebbe trattato di trasformare il voto in legge. Non siamo ingenui. Sappiamo che sarà difficile, il nostro lavoro è appena iniziato e seguiremo tutte le fasi della creazione di questa legge perché, con il 77%, il governo deve fare qualcosa, questa è un’espressione a stragrande maggioranza democratica”, ha affermato D’Amelio.

Con la crescente voce pro-choice a Malta guidata da una coalizione di medici, professionisti della salute, gruppi femministi e giovani attiviste, D’Amelio ha consigliato che qualsiasi campagna pro-choice non dovrebbe tentare di isolare nessuna parte della società.

Abbiamo chiarito la nostra posizione. Quello che facciamo è proteggere le donne o saranno lasciate sole. L’aborto c’è sempre e ci saranno sempre donne che lo cercano.

“Il potere per noi era quello di raggiungere la popolazione, chiedere alla popolazione di sostenerci. La cosa grandiosa che abbiamo ottenuto è stata chiedere alle persone di inviare foto di se stesse con un paio di righe sul motivo per cui sostengono l’aborto, ed è stato travolgente ; abbiamo inondato i social media con questo.”

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x