Santos si è dimesso da allenatore della nazionale portoghese, con Mourinho favorito a subentrare

Fernando Santos ha rassegnato le dimissioni giovedì da allenatore della nazionale portoghese dopo la sconvolgente sconfitta ai quarti di finale della Coppa del Mondo contro il Marocco, con il controverso Jose Mourinho scelto come principale candidato per subentrare.

La Federcalcio portoghese ha dichiarato in un comunicato che è stato raggiunto un accordo con il 68enne Santos per “finire il viaggio di grande successo iniziato nel settembre 2014”.

La FIFA ha aggiunto che “avvierà ora il processo di selezione del prossimo allenatore della nazionale”.

Foto: Reuters

Il Daily Sports Record ha affermato che Mourinho è stato il primo obiettivo di Al-Ittihad prima delle qualificazioni a UEFA Euro 2024.

Secondo quanto riferito, concluderanno un accordo che vedrebbe Mourinho assumere temporaneamente la guida della nazionale per consentirgli di guardare la stagione con il suo club, l’AS Roma, in Italia.

Interpellato giovedì dai giornalisti sul lavoro della Nazionale quando è arrivata in Portogallo per partecipare a un ritiro con la Roma, Mourinho non ha commentato.

A marzo iniziano le qualificazioni per Euro 2024.

Mourinho, 59 anni, deve ancora allenare a livello internazionale, ma ha un curriculum impressionante in alcuni dei club europei dei pesi massimi.

Ha allenato due volte Porto e Chelsea, Inter, Real Madrid e Manchester United.

Mourinho ha vinto tre titoli di Premier League con il Chelsea, due titoli di Serie A con l’Inter e una vittoria di Liga con il Real Madrid.

Ha anche allenato il Porto per vincere la Champions League 2003-2004 e ha ripetuto questa impresa con l’Inter nel 2009-2010.

A maggio ha portato la Roma a vincere il titolo di UEFA Europa Conference League.

READ  Lukasz Fabianski del West Ham crolla in lacrime al termine della vittoria della Polonia su San Marino

Santos era irremovibile sul fatto che non sarebbe stato costretto a lasciare la posizione portoghese che ha ricoperto per otto anni nonostante la sconfitta per 1-0 di sabato scorso contro il Marocco in Qatar.

Tuttavia, ha convenuto che non tutti erano d’accordo con le sue decisioni durante la Coppa del Mondo, che includevano l’abbandono di Cristiano Ronaldo in panchina per le partite successive.

“Me ne vado con grande gratitudine”, ha detto in un video pubblicato sul sito web della FPF. “Quando guidi un gruppo, devi prendere alcune decisioni difficili. È normale che non tutti siano contenti delle scelte che hai fatto”.

I commenti saranno moderati. Mantieni i commenti pertinenti all’articolo. Commenti contenenti linguaggio volgare o volgare, attacchi personali di qualsiasi tipo o promozione verranno rimossi e l’utente bannato. La decisione finale sarà a discrezione del Taipei Times.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x