― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldSGPC si oppone al codice civile uniforme, afferma che "danneggerebbe l'identità distinta...

SGPC si oppone al codice civile uniforme, afferma che “danneggerebbe l’identità distinta delle comunità minoritarie”


PTI

Amritsar, 8 luglio

Il Comitato Shiromani Gurdwara Parbandhak (SGPC) sabato si è opposto al Codice civile uniforme (UCC), sostenendo che danneggerebbe l’identità distinta delle comunità minoritarie nel paese.

Alla riunione del Comitato Esecutivo della Commissione del Vertice di Gurdwara presieduta dal Presidente della SGPC Harjinder Singh Dami, i membri hanno affermato che non c’è bisogno del CCC nel paese poiché la costituzione riconosce il “principio dell’unità nella diversità”.

Dami ha detto ai giornalisti dopo l’incontro che c’è paura tra le minoranze del paese riguardo al Codice Civile Unificato che danneggerà la loro identità unica e le loro convinzioni religiose.

L’SGPC ha formato un sottocomitato di intellettuali, storici, studiosi e avvocati sikh dell’UCC e, dopo una prima revisione, ha respinto il Codice uniforme.

Questo sottocomitato comprende il segretario generale dell’SGPC Gurcharan Singh Grewal, l’avvocato senior Puran Singh Hundal, i membri dell’SGPC Bhagwant Singh Sialka, Paramjit Kaur Landran, Kirangut Kaur, il professor Kashmir Singh, il dottor Inderjit Singh Gogwani, il dottor Paramveer Singh e il dottor Shamkor Singh.

Dami ha detto che la riunione esecutiva del Consiglio di coordinamento dell’accordo aveva espresso la sua contrarietà al Consiglio della Federazione degli appaltatori.

“Qualsiasi sfida a Pani Bana (abito tradizionale di gurbani e sikh), Pul Bal (parole o pensieri sublimi o sublimi nonché sublimi e sinceri), principi, tradizioni, valori, stile di vita, cultura, esistenza indipendente ed entità distinta dei sikh può non essere mai accettato né i sikh (codice di condotta) possono essere messi alla prova Mariada dalla legge terrena.

Pertanto, la comunità sikh è contro il WUC, ha detto.

READ  Cos'è il CAI e cosa offre

Dhami ha affermato che anche il 21° comitato legale ha respinto il comitato di diritto pubblico in quanto indesiderabile e inutile.

Su altre decisioni nella riunione di sabato, il presidente dell’SGPC ha affermato che l’SGPC perseguirà il caso Paul Bangash relativo alle rivolte anti-sikh del 1984 contro il leader del Congresso Jagdish Tytler.

Ha detto che la CBI aveva presentato un atto d’accusa in tribunale contro Tytler e che gli onorari degli avvocati che combattevano il caso sarebbero stati pagati da SGPC.

Ha affermato che dopo che il Comitato di gestione di Delhi Sikh Gurdwara (DSGMC) ha ritirato la questione.

Ora, ha detto, l’SGPC ha deciso di portare avanti il ​​caso.