Trasferimento online – Governi in Spagna, Italia e Regno Unito contro la Super League

ROMA – I governi di Spagna, Italia e Regno Unito non hanno visto piani per la Super League nel calcio europeo. I 12 club partecipanti includono sei dall’Inghilterra, tre dall’Italia e tre dalla Spagna, quindi non devono contare su alcun supporto nel loro paese per le loro competizioni principali, poiché un totale di venti club dovrebbero iniziare quest’anno.

“Stiamo seguendo da vicino il dibattito che circonda il progetto”, ha detto il premier italiano Mario Draghi, sostenitore della Roma. “Il governo sostiene con forza la posizione delle autorità calcistiche italiane ed europee per proteggere i campionati nazionali, i valori e le prestazioni sociali del gioco”.

In Spagna, lunedì il ministro dello sport ha tenuto una riunione di emergenza con i vertici della Federcalcio spagnola, La Liga e tre club: Real Madrid, Barcellona e Atletico Madrid. Il governo in seguito ha detto: “Non sosteniamo la Premier League”. Il gabinetto ha detto che i leader dei tre club sono aperti a discutere la questione.

In precedenza, il primo ministro britannico Boris Johnson ha condannato fermamente i piani della Premier League. “Va al cuore del calcio nazionale. I club interessati devono rendere conto ai propri tifosi e all’intera comunità calcistica prima di intraprendere qualsiasi azione. I piani di Europa League sono molto distruttivi e sosteniamo le autorità calcistiche nel prendere le misure necessarie.

READ  Rugby Quiz: dietro le quinte della lotta per i talenti globali global

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x