Ucraina: i funzionari sostenuti da Mosca cercano di consolidare il governo

Kiev, Ucraina –

I funzionari insediati dal Cremlino nell’Ucraina meridionale occupata hanno celebrato domenica la Giornata della Russia e hanno iniziato a rilasciare passaporti russi ai residenti di una città che lo richiedevano, mentre Mosca cercava di consolidare il suo controllo sulle parti catturate del paese.

In una delle piazze centrali di Kherson, le bande russe hanno tenuto un concerto per celebrare la Giornata della Russia, la festa che segna l’emergere della Russia come paese sovrano dopo il crollo dell’Unione Sovietica, riporta l’agenzia di stampa RIA Novosti.

Nel vicino distretto di Zaporizhzhia, i funzionari insediati da Mosca hanno issato la bandiera russa nel centro di Melitopol.

I media ucraini hanno riferito che pochi residenti locali hanno partecipato alle celebrazioni della Giornata della Russia nelle due città.

Anche l’amministrazione alleata della Russia a Melitopol ha iniziato a distribuire passaporti russi a coloro che hanno richiesto la cittadinanza russa.

RIA Novosti ha pubblicato un video clip di un funzionario sostenuto da Mosca che si congratula con i nuovi cittadini russi e dice loro: “La Russia non andrà da nessuna parte. Siamo qui per sempre”.

All’inizio di quest’anno, il presidente Vladimir Putin ha emesso un decreto per ottenere la cittadinanza russa per i residenti delle regioni di Kherson e Zaporizhzhya. Nelle città conquistate nel sud e nell’est, Mosca ha anche introdotto il rublo come valuta ufficiale, ha trasmesso notiziari russi e ha adottato misure per introdurre un curriculum scolastico russo.

I funzionari del Cremlino nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhya hanno espresso l’intenzione di unire le regioni alla Russia, nonostante le proteste ei segni di ribellione tra la popolazione locale.

READ  Il video mostra una lotta che ha preceduto la morte del disciplinato adolescente americano

Domenica, a Melitopol, funzionari russi hanno riferito di un’esplosione in un bidone della spazzatura vicino al quartier generale della polizia della città e hanno affermato che due residenti sono rimasti feriti.

Un’altra esplosione si è verificata in una sottostazione elettrica nella città di Berdyansk, controllata dai russi. L’amministrazione appoggiata dal Cremlino lo ha dichiarato un attacco terroristico e i funzionari hanno affermato che l’elettricità è stata interrotta in alcune parti della città.

Sul campo di battaglia, la Russia ha affermato che stava usando missili per distruggere un grande magazzino nell’Ucraina occidentale contenente armi anticarro e di difesa aerea fornite a Kiev dagli Stati Uniti e dai paesi europei. Ha aggiunto che l’attacco è avvenuto vicino alla città di Chortkev, nella regione di Ternopil.

Il governatore di Ternopil Volodymyr Tersh ha detto che gli attacchi missilistici di sabato sera su Chortkev hanno ferito 22 persone, tra cui sette donne e un ragazzo di 12 anni. Thrush ha detto che quattro missili russi hanno danneggiato una struttura militare e quattro edifici residenziali.

Inoltre, sono continuati aspri combattimenti per il controllo di Sievierodonetsk, una città orientale nella provincia di Luhansk con una popolazione prebellica di 100.000 abitanti che è emersa come il centro della campagna russa per impadronirsi del Donbass, il cuore industriale dell’Ucraina.

Il governatore di Luhansk Serhiy Heidi ha dichiarato sull’app di messaggistica di Telegram che le forze russe stavano bombardando un impianto chimico a Severodonetsk dove erano rinchiusi fino a 500 civili, 40 dei quali erano bambini.

Un funzionario della Repubblica popolare di Luhansk filo-Mosca, Rodion Miroshnik, ha affermato che all’interno dello stabilimento c’erano ancora dai 300 ai 400 soldati ucraini. Ha detto che erano in corso sforzi per evacuare i civili, ma che le truppe non sarebbero state autorizzate a partire a meno che non si fossero arrese.

READ  L'ex ufficiale della CIA accusato di spionaggio per la Cina dice di avere problemi di memoria

Leonid Pashnik, presidente della Repubblica popolare di Luhansk, ha affermato che gli ucraini che prendono posizione a Severodonetsk dovrebbero salvarsi dai guai.

“Se fossi in loro, avrei già preso la decisione” di arrendersi, ha detto. “Riusciremo comunque a raggiungere il nostro obiettivo”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x