Unisciti alla squadra perdente a San Marino | notizie | DW

Una folla di oltre 32.000 tifosi ha esultato quando l’arbitro ha fischiato il fischio finale. 7-0 il risultato dopo 90 minuti, una vittoria schiacciante per la nazionale tedesca su San Marino.

Nonostante il risultato unilaterale, i giocatori sammarinesi sono scesi in campo per mostrare il loro apprezzamento verso i propri tifosi. Solo pochi fecero il viaggio di 850 chilometri a Norimberga dalla piccola repubblica circondata dall’Italia.

“È bello sentire il loro supporto in qualunque stadio giochiamo perché siamo sempre gli sfavoriti”, ha detto l’attaccante di Samarinisi Danilo Rinaldi a DW dopo la partita.

All’inizio della settimana, i media tedeschi hanno riferito che lo stadio non sarebbe stato pieno per la partita di sabato poiché c’erano ancora più di 10.000 biglietti disponibili e alla fine non erano esauriti.

Infatti, la presenza totale di 32.467 presenze presso il futuro ribattezzato “Max Morlock Stadium” non è molto inferiore alla popolazione totale della stessa San Marino. Non tutta la popolazione della nazione sarà sufficiente per riempire gli 11 stadi più grandi della Germania.

La Germania festeggia

Orgoglio e felicità

Non che giocare sui grandi campi sia una novità per Rinaldi; Sammarinese è nato e cresciuto in Argentina ed è cresciuto come tifoso del River Plate, uno dei più grandi club argentini. Rinaldi ha giocato anche nella quarta serie del calcio professionistico in patria, ma nel 2008 ha deciso di trasferirsi a San Marino.

“Grazie a mia madre ho potuto ottenere la cittadinanza samaritana e oggi posso godermi ogni partita che gioco con la nazionale”, ha detto Rinaldi. “Gioco come faccio con i colori argentini”, ha detto Rinaldi, che ha segnato un gol in 31 partite con la sua nazionale.

READ  Lancio della McLaren con Ricciardo e Norris - MotorSportsTalk
Danilo Rinaldi, Fußballspieler San Marino

Danilo Rinaldi, attaccante sammarinese di origine argentina

Anche se un record del genere non attirerebbe l’attenzione da nessun’altra parte nel calcio, spicca nel Sammarinese, la squadra che non ha ancora segnato nel 2017 e la cui ultima e unica vittoria è arrivata nel 2004 contro il Liechtenstein.

San Marino ha subito la peggiore sconfitta casalinga di sempre contro la Germania nel 2006, segnando 13 gol senza sconfitte.

La sconfitta di sette gol di sabato può sembrare un miglioramento rispetto a quella partita, ma è ancora lontana dall’ideale e i giocatori lo sanno.

“Queste partite sono davvero difficili per noi, ma stiamo ancora lavorando sodo, quindi ogni volta che abbiamo momenti difficili come questi possiamo sempre tenere alta la testa”, ha detto Rinaldi.

Opportunità unica

Sebbene San Marino abbia solo un campionato semiprofessionale, il che significa che la stragrande maggioranza dei giocatori non può guadagnarsi da vivere con questo sport, giocare a San Marino ha dato a Rinaldi un’opportunità unica nel calcio.

“Sapevamo che avremmo affrontato i campioni del mondo, quindi abbiamo cercato di mettere in campo quello che abbiamo allenato in settimana – ha detto Rinaldi con un sorriso -. Hanno un potenziale e una qualità enormi, ma siamo stati in grado di respingere alcuni dei loro attacchi». .

Dopotutto, se ignoriamo i risultati, questi giocatori stanno vivendo e vivendo il sogno più sfrenato di molti: calciare il pallone con i migliori al mondo.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x