I soccorritori indonesiani trovano più corpi e strade libere dopo un terremoto mortale

I soccorritori indonesiani hanno prelevato più corpi dalle macerie di case ed edifici distrutti da un terremoto di magnitudo 6.2, portando il bilancio delle vittime a 56 domenica, mentre gli ingegneri militari sono stati in grado di riaprire le strade strappate per dare accesso ai materiali di soccorso.

Raditiya Jati, portavoce dell’Agenzia nazionale per la mitigazione dei disastri, ha detto che nella città più colpita di Mamuju e nel vicino distretto di Majin dell’isola di Sulawesi, dove il terremoto ha colpito venerdì notte, sono arrivate attrezzature più pesanti.

Anche l’alimentazione e le connessioni telefoniche hanno iniziato a migliorare.

Migliaia di persone sono state sfollate e più di 800 sono state ferite, ha detto Gati, e più della metà di loro sta ancora ricevendo cure per ferite gravi. Un totale di 47 persone sono state uccise a Mamuju e nove a Mageni.

Almeno 415 case a Mageny sono state danneggiate, ha detto Gatti, e 15.000 persone sono state trasferite in rifugi. L’agenzia sta ancora raccogliendo dati dalla zona.

Sabato, i soccorritori cercano i sopravvissuti in un edificio crollato a Mamuju. (Hariandi Hafeez / AFP tramite Getty Images)

L’Agenzia per la gestione dei disastri ha detto che il Corpo degli ingegneri dell’esercito ha liberato la strada che collega Mamuju e Majin che era stata bloccata da frane. Hanno anche ricostruito un ponte distrutto.

Il portavoce della polizia di West Sulawesi Siamso Radwan ha detto sabato che i corpi recuperati dai soccorritori sono stati inviati a un ospedale della polizia per l’identificazione da parte dei parenti.

Ha detto che più di 200 persone stanno ricevendo cure presso l’ospedale di polizia di Baiyangkara e molte altre solo a Mamuju. Altri 630 sono rimasti feriti nel comune di Magni.

Tra le persone salvate c’è una giovane ragazza intrappolata con la sorella sotto le macerie di una casa.

I soccorritori ispezionano un edificio crollato a seguito del terremoto di magnitudo 6,2 a Mamuju, nella provincia di Sulawesi occidentale. (Foto Reuters di Seged Kornyawan / Antara)

In una videocassetta rilasciata venerdì dall’Agenzia per la prevenzione dei disastri, la ragazza è stata vista gridare per chiedere aiuto. Era in cura in ospedale.

Si è identificata come Angel e ha detto che sua sorella Catherine, che non è stata mostrata nel video, era accanto a lei tra le macerie e respirava ancora.

Non è chiaro cosa sia successo a Catherine e agli altri membri della famiglia.

Frane e blackout

Il terremoto ha innescato frane in tre località e bloccato un’importante strada che collega Mamuju a Majin. Le linee elettriche e telefoniche sono state interrotte in molte aree.

I detriti di edifici crollati hanno disseminato Mamuju, la capitale della provincia di Sulawesi occidentale, che ha una popolazione di 75.000 abitanti. Il terremoto ha quasi distrutto un edificio per uffici del governatore, trasformando un centro commerciale in una struttura fatiscente. Un grande ponte è crollato e pazienti con ferite da gocciolamento sono stati posti su letti pieghevoli sotto tende telate fuori da uno degli ospedali colpiti.

Due ospedali della città sono stati danneggiati, mentre altri due sono stati colpiti dalla pressione.

Diversi sopravvissuti hanno detto che gli aiuti non sono ancora arrivati ​​a causa di strade danneggiate e comunicazioni interrotte.

Un videoclip di una stazione televisiva mostrava gli abitanti dei villaggi di Magene, alcuni dei quali portavano machete, fermando con la forza i veicoli che trasportavano aiuti. Salirono a bordo di un camion e lanciarono scatole di spaghetti istantanei e altre provviste a dozzine di persone che si affrettavano a prenderle.

Due navi si sono dirette verso le zone colpite delle vicine città di Makassar e Balikpapan con soccorritori e attrezzature, compresi gli escavatori.

Irnav Indonesia, di proprietà statale, che sovrintende all’aviazione, ha affermato che il terremoto non ha causato danni significativi alla pista dell’aeroporto di Mamuju o alla torre di controllo.

I residenti si sono riuniti per un rifugio di fortuna a Mamuju sabato, un giorno dopo che il terremoto ha colpito l’isola indonesiana di Sulawesi. (Mohamed Rifki / AFP tramite Getty Images)

Il presidente indonesiano Joko Widodo ha detto venerdì di aver incaricato i suoi ministri di gabinetto, i funzionari del disastro e le forze armate di coordinare una risposta.

In un telegramma inviato dal Vaticano a nome di Papa Francesco, il Papa ha espresso la sua “sincera solidarietà a tutti coloro che sono stati colpiti da questo disastro naturale”.

Il Papa pregava per “il resto dei morti, la guarigione dei feriti e il conforto di tutti coloro che soffrono”. Francesco ha anche incoraggiato coloro che hanno continuato a cercare e soccorrere, e ha invocato “le benedizioni divine di forza e speranza”.

Le missioni umanitarie internazionali, tra cui la Water Mission, Save the Children e la Federazione internazionale della Croce Rossa, hanno dichiarato in dichiarazioni di aver unito gli sforzi per fornire soccorso a chi ne ha bisogno.

Un terremoto di magnitudo 5,7 della scala Richter ha colpito la stessa area giovedì, danneggiando molte case, ma apparentemente senza causare vittime. È stata seguita da più di 30 scosse di assestamento, inclusa quella fatale.

L’Indonesia, che ospita oltre 260 milioni di persone, è spesso colpita da terremoti, eruzioni vulcaniche e tsunami a causa della sua posizione sul “Ring of Fire”, un arco di vulcani e linee di faglia nel bacino del Pacifico.

Nel 2018, un terremoto di magnitudo 7.5 a Palu, nell’isola di Sulawesi, ha innescato uno tsunami e ha causato il collasso del suolo in un fenomeno chiamato liquefazione. Più di 4.000 persone furono uccise, comprese molte che furono sepolte quando intere vite furono inghiottite nel terreno caduto.

Un enorme terremoto di magnitudo 9,1 al largo dell’isola di Sumatra, nell’Indonesia occidentale nel dicembre 2004, ha innescato uno tsunami che ha ucciso 230.000 persone in una dozzina di paesi.

READ  Tayyip Tayyip: Erdogan scambia messaggi con Macron Notizie di Emmanuel Macron

Sergio Venezia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x