Archeologia: i guerrieri dell’età del ferro hanno scoperto le spade dei loro nemici sconfitti, dalla Germania

Un antico tesoro scoperto nella Germania occidentale ha rivelato che i combattenti dell’età del ferro allacciavano le spade dei loro nemici dopo averli sconfitti in battaglia.

Gli archeologi hanno utilizzato i metal detector per scoprire un antico arsenale, uno che è stato trovato sepolto nei resti di Helfort sul monte Welsenberg.

Tra i reperti nel sito c’erano punte di lancia, lance strappate, teste di scudo deliberatamente rotte e resti di cinture di cavallo.

I ricercatori spiegano che mentre il team ha ridimensionato i reperti intorno al 300-1 a.C., la natura dei manufatti significa che non possono essere datati con precisione.

Detto questo, non è chiaro se l’arsenale di armi danneggiato sia stato depositato a Helfort all’indomani di una grande battaglia o accumulato nel corso di diversi secoli.

Un antico tesoro scoperto nella Germania occidentale ha rivelato che i combattenti dell’età del ferro allacciavano le spade dei loro nemici dopo averli sconfitti in battaglia. Nella foto: due spade ricurve, punte di una lancia e una lancia trovate a Fort Wellzenberg nel 1950.

L’arsenale è il più grande del Nord Reno-Westfalia e si collega anche alla regione del Sauerland [mountain range] Con i complessi processi dell’età del ferro in Europa, ha detto l’archeologo Michael Bales della Westphalian-Lippi Regional Society.

E l’archeologo Manuel Zeller ha aggiunto: “Secondo le ricerche attuali, è possibile concepire una battaglia nell’area intorno a Welsenberg”.

I vincitori completano la loro vittoria portando armi, cinture e cinture catturate al forte della collina.

A seconda dell’entità del danno alle armi, i ricercatori ritengono che siano state deliberatamente danneggiate prima di essere lasciate cadere in mostra nel forte.

Tali azioni non sono note agli archeologi: i ricercatori che lavorano nei siti di Gournay e Ribemont-sur-Ancre, in Francia, hanno notato che le culture celtiche avrebbero distrutto ritualmente l’armamento dei loro avversari sconfitti.

READ  Qual è il tempo e perché progredisce?

Le prime armi recuperate dalla fortezza di Wilzenberg furono trovate per caso negli anni ’50: consistevano in punte di lancia e lance deformate, trovate avvolte in due spade ricurve.

È ora affiancato da circa 100 manufatti celtici che sono stati scoperti grazie agli sforzi meticolosi dello storico locale Matthias Dechouse, che ha cercato nel sito con un metal detector tra il 2018-2020.

Tra i reperti c’erano circa 40 punte di lancia e lance, frammenti rotti di bossoli di armature, vari strumenti, ganci per cinture e parti di cinture, inclusa parte di una forma molto rara di briglia che avrebbe potuto essere utilizzata per guidare i cavalli che tirano i carri.

Tutti i reperti sono stati trovati vicino alla superficie terrestre – con esperti che affermano che ciò ha indicato che le armi danneggiate potrebbero essere state lasciate a terra e lentamente seppellite nel corso dei secoli.

“Ovviamente, il danno non è stato fatto durante i combattimenti, quindi Wellzenberg non è un campo di battaglia”, ha detto il dottor Zeller.

Tra le nuove scoperte ci sono circa 40 lance e punte di lancia (al centro), frammenti rotti di bossoli di armatura (in basso a destra), vari strumenti, ganci per cintura (in basso a destra) e parti di cintura (in alto)

Tra le nuove scoperte ci sono circa 40 lance e punte di lancia (al centro), frammenti rotti di bossoli di armatura (in basso a destra), vari strumenti, ganci per cintura (in basso a destra) e parti di cintura (in alto)

Secondo le ricerche attuali, è possibile concepire una battaglia in corso nell'area intorno a Wellzenberg [pictured]L'archeologo Manuel Zeller ha detto.

Secondo le ricerche attuali, è possibile concepire una battaglia in corso nell’area intorno a Wellzenberg [pictured]L’archeologo Manuel Zeller ha detto. “I vincitori hanno completato la loro vittoria portando le armi, le cinture e le cinture catturate a Fort Hill”.

“Wellsenberg – con la sua storia lunga e movimentata – è parte integrante dello sviluppo della città”, ha affermato Burkhard Koenig, sindaco della vicina Northenberg.

“Oltre ai tanti artefatti visibili, ma anche ai tanti artefatti nascosti, la scoperta di nuove armi ne sottolinea l’importanza”.

“Vorrei ringraziare tutti i partecipanti, in particolare l’Associazione regionale della Westfalia-Lippi, per i loro sforzi e congratularmi vivamente con loro per questa scoperta”.

Il dottor Zeller ha detto:

“Ovviamente, il danno non è stato fatto durante i combattimenti, quindi Wellzenberg non è un campo di battaglia”, ha detto il dottor Zeller. Nella foto: frammenti di una forma molto rara di briglia che avrebbe potuto essere utilizzata per guidare i cavalli trainanti i carri

Gli archeologi hanno utilizzato i metal detector per scoprire l'antico arsenale, uno che è stato trovato sepolto nei resti di Helfort sul monte Welsenberg.

Gli archeologi hanno utilizzato i metal detector per scoprire l’antico arsenale, uno che è stato trovato sepolto nei resti di Helfort sul monte Welsenberg.

COSA SAPPIAMO SULL’ETÀ DEL FERRO IN GRAN BRETAGNA?

L’età del ferro è iniziata in Gran Bretagna con la fine dell’età del bronzo.

Iniziò intorno all’800 a.C. e terminò nel 43 d.C. quando invasero i romani.

Come suggerisce il nome, questo periodo ha visto cambiamenti diffusi grazie all’introduzione della tecnologia per la lavorazione del ferro.

Durante questo periodo la popolazione britannica potrebbe aver superato il milione.

Ciò è stato possibile grazie a nuove forme di agricoltura, come l’introduzione di nuove varietà di orzo e grano.

L’invenzione dell’aratro con punta in ferro ha reso possibile per la prima volta la coltivazione di colture in terreni argillosi pesanti.

Alcuni dei principali sviluppi avvenuti durante l’introduzione del tornio da vasaio includevano il tornio (utilizzato in falegnameria) e la zigrinatura rotativa per la macinazione del grano.

READ  Una meteora sul Vermont segnalata dal NASA Meteor Watch termina con una palla di fuoco lucente

Ci sono circa 3.000 fortezze dell’età del ferro nel Regno Unito. Alcuni sono stati usati come insediamenti permanenti, e altri sono stati usati come siti per riunioni e attività commerciali e religiose.

A quel tempo, la maggior parte delle persone viveva in piccole fattorie con famiglie allargate.

Una casa standard era una casa rotonda, fatta di legno o pietra con un tetto di paglia o erba.

Le pratiche di sepoltura erano varie, ma la maggior parte delle persone sembra essere stata eliminata per “incarnazione”, il che significa che sono state lasciate deliberatamente scoperte.

Ci sono anche alcuni cadaveri di palude conservati di questo periodo, che mostrano prove di morti violente sotto forma di rituali e sacrifici.

Alla fine di questo periodo c’era una crescente influenza romana dal Mediterraneo occidentale e dalla Francia meridionale.

Sembra che prima della conquista romana dell’Inghilterra nel 43 d.C., avessero già rapporti con molte tribù e fossero in grado di esercitare un certo grado di influenza politica.

Dopo il 43 d.C., tutto il Galles e l’Inghilterra sotto il Vallo di Adriano divennero parte dell’Impero Romano, mentre la vita dell’età del ferro in Scozia e in Irlanda durò più a lungo.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x