Due cittadini statunitensi dispersi, temevano di essere catturati, nell’Ucraina orientale: due famiglie

15 giugno (Reuters) – Due cittadini statunitensi che si sono recati in Ucraina come combattenti volontari contro le forze russe sono scomparsi da una settimana e temono che possano essere arrestati, hanno riferito i familiari mercoledì.

Alexander Drwick, 39 anni, di Tuscaloosa, Alabama, e Andy Hoen, 27 anni, di Hartselle, Alabama, hanno avuto l’ultimo contatto con le loro famiglie l’8 giugno e non erano tornati da una missione nella regione di Kharkiv nell’Ucraina orientale.

Le famiglie e un portavoce del Dipartimento di Stato americano hanno affermato che le notizie secondo cui la Russia avrebbe catturato i prigionieri di guerra non erano confermate.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Quello che sappiamo ufficialmente a questo punto dal Dipartimento di Stato è che Andy e Alex sono scomparsi”, ha detto al telefono la fidanzata di Andy, Joy Black.

“Non abbiamo conferme di nient’altro. Ovviamente, più a lungo cerchiamo, più iniziamo a pensare ad altri scenari”, ha aggiunto.

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che gli Stati Uniti non hanno contattato la Russia in merito ai rapporti sui combattenti americani.

Zakharova è stata citata dall’agenzia di stampa RIA dicendo: “Non ho queste informazioni, le controllo ogni giorno e le controllerò oggi. Pubblichiamo tutte le informazioni sul destino dei mercenari che sono detenuti o condannati a processo. “

Il ministero della Difesa russo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Se i due verranno catturati, saranno i primi cittadini statunitensi confermati presi come prigionieri di guerra nel conflitto iniziato il 24 febbraio con l’ordine del presidente russo Vladimir Putin di invadere il suo vicino.

READ  Un lungo vulcano inattivo prende vita nel sud-ovest dell'Islanda - notizie dal mondo

Il portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha affermato che se i rapporti fossero corretti, gli Stati Uniti “farebbero tutto ciò che è in loro potere” per riaverli. Leggi di più

La scorsa settimana, un tribunale separatista ha condannato a morte cittadini britannici e marocchini nella non riconosciuta Repubblica popolare di Donetsk di lingua russa dopo che erano stati sorpresi a combattere per l’Ucraina. Leggi di più

Louis Drwick, la madre di Alexander, ha detto di essere stata in contatto con l’ambasciata americana in Ucraina, situata in Polonia, che stava cercando la coppia.

I due uomini hanno detto alle loro famiglie l’8 giugno che sarebbero rimasti senza lavoro per alcuni giorni, ma non hanno fornito dettagli per paura che le loro comunicazioni venissero intercettate.

Sua madre ha detto che Drake ha servito due tournée in Iraq, l’ultimo a Baghdad nel 2008-2009 come comandante di artiglieria. La sua fidanzata ha detto che Hoenn è un ex marine statunitense che ha lasciato il servizio nel 2018.

Hanno detto che i due uomini non si conoscevano prima di incontrarsi in Ucraina, ma entrambi hanno sentito il bisogno di sostenere il governo dopo aver visto le foto delle vittime civili mentre la Russia si era ritirata dalle città fuori Kiev alla fine di marzo.

“Quando Andy ha visto questo filmato proveniente dall’Ucraina, ha detto che non riusciva a dormire, non poteva mangiare ed era consumato dal terrore che stavano attraversando questi civili innocenti”, ha detto Black.

La Russia nega di aver attaccato i civili e ha accusato i cittadini occidentali di agire come “mercenari”, affermando che il sostegno occidentale a Kiev sta prolungando il conflitto e causando più vittime.

READ  Migliaia di persone fuggono mentre gli incendi raggiungono la periferia di Atene

“Come madre, ovviamente, non volevo che mio figlio fosse in pericolo”, ha detto Lois Drueke. “Ma sapevo che questo era davvero importante per Alex, voleva uno scopo nella sua vita e sentiva che era buono e nobile”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Jake Cordell a Londra) Montaggio di David Ljunggren e Grant McCall

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x