― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldHaiti arresta il principale sospettato dell'omicidio del presidente Jovenel Moise

Haiti arresta il principale sospettato dell’omicidio del presidente Jovenel Moise

Commenta la foto,

Haiti è caduta nel caos dall’uccisione di Jovenel Moise nel 2021

La polizia haitiana ha arrestato un ex funzionario del Ministero della Giustizia sospettato di aver ordinato l’assassinio del presidente Jovenel Moise.

Joseph Felix Badiou è stato arrestato mentre usciva dal parcheggio di un supermercato nella capitale Port-au-Prince.

Moise è stato ucciso nella sua camera da letto da mercenari colombiani nel 2021. La maggior parte di loro è stata arrestata o uccisa da allora.

La sua morte ha gettato Haiti in una crisi politica a lungo termine e ha portato a livelli di caos senza precedenti.

Nel giro di pochi mesi, le bande criminali presero il controllo della capitale, comprese le sue infrastrutture e il principale porto di rifornimento.

Il signor Badiou è accusato di aver ordinato a killer professionisti di eseguire l’attacco. È accusato di omicidio, tentato omicidio e rapina a mano armata.

I media locali hanno affermato che Badiou era stato licenziato dal suo incarico di funzionario anti-corruzione presso il Ministero della Giustizia pochi mesi prima dell’assassinio, dopo aver ricevuto una tangente per liberare un prigioniero.

Alcuni degli assassini, arrestati poche ore dopo l’omicidio, hanno affermato che Badiou, 60 anni, aveva dato loro degli ordini.

Altri coinvolti nel caso sono stati condannati negli Stati Uniti. Includono Jean-Joel Joseph, ex senatore haitiano, e l’uomo d’affari haitiano-cileno Rodolphe Jaar.

Gli Stati Uniti hanno anche accusato il venezuelano-americano Antonio Entreago, proprietario della CTU Security con sede in Florida, di aver assoldato gli assassini. Deve affrontare una serie di accuse, tra cui associazione a delinquere finalizzata all’omicidio o al rapimento.

Il governo non eletto di Haiti ha lottato per fornire anche i servizi di base dopo la morte di Moise.

Secondo un rapporto delle Nazioni Unite di questa settimana, le bande hanno controllato gran parte della capitale, gestendo scuole e cliniche ma anche terrorizzando i residenti e combattendo guerre per il territorio.

Le Nazioni Unite hanno recentemente approvato lo spiegamento di una forza internazionale per sostenere la polizia ad Haiti, ma alcuni paesi si sono impegnati a schierare forze internazionali, e questa missione non è stata ancora attuata.

READ  La nuova mappa del Congresso dell'Ohio è capovolta