“Il 67,5% dei giocatori in Serie A sono stranieri e non ci sono abbastanza opportunità per i giovani italiani”

Il presidente della FIGC Gabriel Gravina ritiene che non ci siano abbastanza opportunità per i giovani italiani in Serie A, con molte squadre che puntano sulla qualità nel breve termine e giocatori stranieri molto in vista.

Parlando alla stazione radiofonica italiana Radio Anch’Io Lo Sport, Gravina ha espresso i suoi pensieri sulla situazione dei giovani giocatori italiani in Serie A, che quest’estate è stata oggetto di molti controlli.

La cessione dell’Inter Cesare Casadei al Chelsea è stata solo l’ultima mossa per un giovane talento italiano all’estero, con molti critici che hanno suggerito che i nerazzurri sembravano più disposti a incassare il 19enne piuttosto che coltivare la sua crescita come giocatore.

Le storie di successo per i giovani italiani in Serie A non mancano, ma allo stesso tempo resta la sensazione che rispetto ad altri campionati la Serie A sia molto indietro in questo senso, ed è questo il parere di Gravina.

“Mi sembra che la stagione sia ricominciata con squadre che hanno trovato un utilizzo molto limitato di giovani, purtroppo”, ha detto.

Ha continuato: “Al primo turno, il 67,5% dei giocatori erano stranieri”. “C’erano uno o due italiani in campo in alcune partite importanti”.

Ha poi osservato che “alcuni dei migliori giocatori in Italia stanno iniziando a diventare attraenti all’estero. Dimostra che il talento c’è e che forse queste squadre sono più brave a vederne il valore”, forse facendo eco alla posizione di Cassady.

READ  Serie A 2021-22: Cinque possibili volti nuovi per l'Italia

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x