― Advertisement ―

spot_img

Come i lavoratori indiani cadono nella trappola della moderna schiavitù nelle aziende agricole italiane

Un gran numero di indiani, provenienti principalmente dal Punjab, raggiungono illegalmente le fattorie italiane dove sono costretti a lavorare come schiavi dai loro datori...
HomeEconomyIl deterioramento dell’economia egiziana sta spingendo molti a intraprendere la pericolosa rotta...

Il deterioramento dell’economia egiziana sta spingendo molti a intraprendere la pericolosa rotta dei migranti

  • Migranti si imbarcano sulla Libia per raggiungere l’Italia
  • I numeri sono aumentati notevolmente dal 2020
  • Gli egiziani soffrono di un’inflazione record
  • L’Unione Europea fornisce finanziamenti per il controllo delle frontiere

Mit Suhail (Egitto) (Reuters) – Walid El-Dagwi ha scoperto che le sue capacità di idraulico non erano più sufficienti per la sua famiglia nella regione del delta del Nilo, nel nord dell’Egitto, così ha attraversato il confine con la Libia, dove si è imbarcato su un vecchio e sovraffollato peschereccio. barca diretta in Libia. Europa.

A giugno, a poche miglia dalla costa greca, un peschereccio è affondato, annegando centinaia di persone a bordo, compresi gli egiziani che attraversavano in numero crescente mentre l’economia egiziana crollava. Alcune persone sono sopravvissute, ma Al-Dajwi era tra i tanti a bordo che sono scomparsi senza lasciare traccia.

“Non era in grado di mantenere i suoi figli ed era pieno di debiti”, ha detto a Reuters il padre di Muhammad Al-Dajwi (32 anni) nel suo villaggio di Mit Suhail, dove si trovano case di mattoni rossi mal costruite. Sui campi circostanti.

E l’idraulico non era solo. “I giovani sono semplicemente scappati”, ha detto suo padre, aggiungendo che si incoraggiavano a vicenda a fare il viaggio in cerca di un lavoro meglio retribuito e per evitare “l’aumento dei prezzi ogni giorno” a casa.

Un numero crescente di egiziani si sta dirigendo all’estero nella speranza di trovare lavoro mentre il tasso di inflazione dell’Egitto raggiunge livelli record, la valuta si deprezza, i tassi di disoccupazione aumentano e il governo carico di debiti limita la spesa.

I dati del Ministero dell’Interno italiano mostrano che oltre 8.000 di coloro che sono arrivati ​​via mare in Italia – la destinazione prevista del peschereccio su cui viaggiava Walid El-Dagawy e l’obiettivo di molte navi – si sono dichiarati egiziani finora quest’anno.

READ  Bitsy Bar Ape Car è pronta per girare in città

Nel 2022 il numero ha raggiunto 20.542, più di qualsiasi altra nazionalità arrivata in Italia quell’anno. Questi numeri si confrontano con appena 1.264 nel 2020. Il Ministero italiano ha affermato che sono aumentate anche le richieste di asilo da parte degli egiziani.

Il significativo aumento del numero di persone che lasciano l’Egitto negli ultimi anni coincide con il deterioramento dell’economia egiziana. L’epidemia ha colpito il vitale settore turistico egiziano e la guerra in Ucraina ha aumentato l’avversione al rischio degli investitori, allontanandoli dai mercati egiziani. Gli economisti affermano che anche l’Egitto è stato colpito dall’aumento del debito causato dalla pesante spesa pubblica su mega progetti, inclusa la nuova capitale.

Minibus per la Libia

Le autorità egiziane hanno in gran parte bloccato le partenze di imbarcazioni di migranti dalla costa settentrionale dell’Egitto dal 2016. Ma coloro che cercano di partire hanno trovato altri modi.

I parenti dei migranti – che possono essere facilmente trovati nelle città e nei villaggi del nord come Mit Suhail – hanno detto che coloro che cercano di partire si stanno ora dirigendo verso la vicina Libia, un produttore di petrolio che un tempo era una destinazione privilegiata per il lavoro ma che non offre più lo stesso appeal. come luogo. Sopravvivenza dopo un decennio di conflitto.

Tuttavia, il caos in Libia a partire dalla rivolta del 2011 che ha deposto l’autocrate Muammar Gheddafi ha permesso il fiorire del traffico di esseri umani. Attualmente sono più le barche di migranti in partenza dalla Libia orientale, vicino all’Egitto, che dall’ovest del Paese diviso.

I minibus corrono sulla strada verso il confine libico per caricare gli aspiranti migranti. Normalmente sono le famiglie rimaste a pagare il conto di 4.540 dollari per il volo verso l’Europa, consegnando il denaro una volta che il migrante attraversa il confine egiziano.

“Tutto quello che devi fare è salire in macchina e andare in Libia, dove sei accolto molto bene”, ha detto Adel Ghanem, 25 anni, falegname di Mit Suhail, di cui è proprietario il figlio 19enne. i soldi, il trattamento cambia. Anche suo fratello riuscì a catturare lo sfortunato peschereccio affondato a giugno.

Suo fratello Mohammed guadagnava miseramente da vivere in una pasticceria e stava imparando a riparare i cellulari. Ma ha deciso di seguire tre suoi cugini arrivati ​​in Italia.

“Paesi in crisi”

Il presidente Abdel Fattah al-Sisi e altri funzionari egiziani affermano che l’Egitto sta facendo il possibile per fermare il flusso di migranti. Ma dicono che è difficile date le risorse limitate dell’Egitto che ospita milioni di stranieri, tra cui più di 300.000 persone che sono fuggite dalla guerra in Sudan da aprile.

Naela Gabr, capo dell’organismo governativo egiziano per la lotta all’immigrazione clandestina, ha affermato che le difficoltà economiche in Medio Oriente stanno spingendo sempre più persone a intraprendere questo pericoloso viaggio.

Alla domanda sul numero crescente di persone che lasciano l’Egitto per l’Europa, ha detto: “Siamo circondati da paesi che soffrono di crisi… ed è positivo che i numeri non siano più di questo”.

L’Unione Europea ha stanziato finanziamenti per il controllo delle frontiere in Egitto, affermando che la mancanza di opportunità economiche e il cambiamento climatico in un paese di 104 milioni di abitanti, in gran parte desertico, rendono probabile un aumento del flusso di migranti a lungo termine.

READ  Legal Officer, HR Officer Unisciti a Ingredion

Quando il diciannovenne Mustafa Abdel Salam lasciò la sua casa ai margini del delta del Nilo, disse alla sua famiglia che avrebbe cercato lavoro in Libia. Ma si unì anche a coloro che cercavano di attraversare il mare.

“Ha fatto questo viaggio per difficoltà e non è riuscito a trovare lavoro”, ha detto sua sorella Hala, il cui fratello era anche lui a bordo del peschereccio affondato al largo della costa greca e si è perso senza lasciare traccia.

“Quella che viviamo non è una vita corretta”, ha detto. “Le persone stanno morendo lentamente.”

($1 = 30,8500 sterline egiziane)

(Segnalazione aggiuntiva di Nafisa Al-Tahir) Scritto da Aidan Lewis. A cura di Edmund Blair

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda