― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldIl nuovo libro descrive in dettaglio l'idea "così stupida" di Trump che...

Il nuovo libro descrive in dettaglio l’idea “così stupida” di Trump che questo funzionario “non poteva ridere”

Donald Trump una volta ha presentato una proposta per un muro di confine tra Stati Uniti e Messico, compresi gli allevatori, il loro bestiame e le loro scale, che era “così stupido che non potevo ridere”, afferma un ex funzionario della sicurezza nazionale che era presente all’incontro in un nuovo libro.

Trump non si è scoraggiato nel marzo 2019 quando gli è stato detto che i rapporti secondo cui gli allevatori del Texas stavano usando le porte del muro per portare il loro bestiame vicino al Rio Grande erano falsi, ha scritto Miles Taylor in Backlash: A Warning to Save Democracy from the Next Trump. Newssettimana Estratti sindacati da lunedì.

Invece, ha detto Taylor, l’allora presidente ha ordinato ai funzionari di acquistare la terra, vantandosi di sapere “più sulla terra di qualsiasi altro essere umano sulla faccia della terra”.

“Dai le scale della fattoria. Possono usare le scale per arrivare dall’altra parte, ma non le porte. Puoi usare i camion dei pompieri. Chiama le stazioni dei vigili del fuoco locali, usa le scale sui loro camion per aiutarli a passare”, ha riferito Trump, apparentemente non pensando a come monitorare il bestiame per gli allevatori.

Con Trump, “la verità è sempre più stupida della finzione”, ha detto Taylor a Newsweek per promuovere il suo prossimo libro.

Trump ha passato più tempo a elaborare idee moderate al limite di quanto ne abbia dedicato a concentrarsi sul suo lavoro. A volte le idee erano stupide. A volte erano illegali. Spesso era entrambe le cose “, ha aggiunto Taylor, che è stato capo dello staff dell’agenzia dal 2017 al 2019.

READ  Il Mossad israeliano afferma di aver aiutato la polizia brasiliana a contrastare un presunto attacco di Hezbollah Notizie di politica

Taylor ha rivelato nel 2020 di essere l’autore di un articolo di opinione anonimo del 2018 per il New York Times intitolato “Faccio parte della resistenza all’interno dell’amministrazione Trump. Ora è un critico vocale dell’ex presidente e sostenitore del presidente Joe Biden nel 2020.

L’anno scorso ha lasciato il Partito Repubblicano, sostenendo che non poteva essere salvato.

La retorica al vetriolo ispira radicali violenti, ha twittato Taylor puntuale.

Imparentato…