Intervista esclusiva a Patrick Vieira: l’impatto di vedere il Manchester City, la speranza dell’Inter Eden Dzeko e il mio tempo a Milano | notizie di calcio

Intervista esclusiva a Patrick Vieira: l’impatto di vedere il Manchester City, la speranza dell’Inter Eden Dzeko e il mio tempo a Milano |  notizie di calcio

In vista della finale di Champions League, Patrick Vieira parla dell’emergere del Manchester City come superpotenza, di come il suo trasferimento al Milan abbia plasmato la sua carriera calcistica e del motivo per cui l’ex compagno di squadra Edin Dzeko potrebbe essere la chiave dell’Inter a Istanbul…

di Adam Butt, Commento e analisi @dipendente


13:03, Regno Unito, venerdì 09 giugno 2023

Patrick Vieira è un vincitore della Coppa del Mondo con la Francia. In senso calcistico, è anche figlio sia dell’Italia che dell’Inghilterra. C’è stata la stagione formativa che ha trascorso con il Milan prima di diventare una leggenda dell’Arsenal durante i suoi nove anni nel nord di Londra.

La finale di Champions League di sabato a Istanbul vedrà la partecipazione di altre due squadre delle ex squadre di Vieira. È il Manchester City, dove ha chiuso la sua carriera, contro l’Inter, dove ha vinto una tripletta di titoli di Serie A. Torna in Italia cambiato.

Vieira era solo un adolescente quando lasciò Cannes per ingaggiare Fabio Capello al Milan nel 1995. Questo era il grande Milan di Franco Baresi, Paolo Maldini, Roberto Donadoni, Marcel Desailly, George Weah e Roberto Baggio. Era un’educazione.

“In Italia, con l’AC Milan, ho davvero capito cosa vuol dire essere un calciatore professionista”, afferma Vieira, parlando all’evento di lancio del servizio “Soundscape of Being There” di Expedia Live. “All’età di 18 anni, hai imparato ad agire per massimizzare il tuo potenziale.”

È apparso a malapena in questa stagione. Ma l’anno in cui è stato ristretto sul campo è stato comunque significativo. Quando Arsene Wenger lo portò all’Arsenal, realizzando già il suo enorme potenziale, Vieira era pronto per esprimersi in Premier League.

READ  Il triste primato di San Marino nel calcio internazionale

“Quando sono arrivato in Inghilterra, il calcio era più divertente, più uno sport divertente e si trattava di giocare. Quindi, due culture completamente diverse in cui sono abituato a costruirmi come giocatore e ora come manager.

“C’è un modo per gestire te stesso per massimizzare la professionalità dentro di te, ma allo stesso tempo amo anche la cultura inglese per esprimerti e giocare per vincere. Penso che se puoi avere entrambi e sfruttarli al meglio, puoi riuscire.”

Vieira ha ottenuto un tale successo all’Arsenal, dove è emerso come una forza trainante e probabilmente l’eccezionale centrocampista della Premier League durante un periodo in cui ha vinto tre trofei, inclusa una doppietta nel 2002. È stato capitano durante una stagione “indomabile” al club in 2004.

Il suo ultimo calcio per l’Arsenal sono stati i calci di rigore nella finale di FA Cup 2005, dopo di che il club non ha vinto la coppa per nove anni. Dopo una stagione alla Juventus, Vieira ha vinto tre titoli con l’Inter prima con Roberto Mancini e poi con José Mourinho.


immagine:
Patrick Vieira ha avuto successo in Serie A con l’Inter verso la fine della sua carriera

Come primo acquisto di Mancini al Manchester City, la sua carriera si è conclusa con una nota positiva. L’ultima partita di Vieira come calciatore professionista è stata un cameo dalla panchina, sostituendo David Silva mentre il City ha vinto la finale di FA Cup 2011. È stato il loro primo grande trofeo in 35 anni.

Vedere questa trasformazione da vicino ha lasciato il segno su Vieira. Ha assistito alla pianificazione e alla preparazione che hanno portato alla loro ascesa. “Era un momento in cui il City aveva un’idea e una direzione molto chiare su come e dove volevano andare con la squadra di calcio”.


immagine:
Patrick Vieira festeggia i gol segnati con il Manchester City nel successo in FA Cup nel 2011

Quella chiarezza di visione ha aiutato il club, ma ha anche aiutato una leggenda del gioco in pensione che si chiedeva cosa fare dopo. “Non lo sapevo. Avevano ben chiaro in mente cosa volevano e l’esperienza che volevano perché volevano crescere”.

READ  Una stagione storica per la peggiore nazionale di calcio del mondo

Fai i primi passi formativi in ​​Citi e abbraccia queste idee. Dall’arrivo di Pep Guardiola, in particolare, l’influenza del loro stile di gioco è cresciuta. “Quando le squadre hanno successo, questi elementi tattici hanno un impatto sui manager”, spiega Vieira.

“Il successo del Manchester City nell’introdurre i terzini all’interno, l’inserimento di un difensore centrale come centrocampista di supporto o persino l’inserimento di ali per creare un sovraccarico, queste sono tattiche che altri stanno cercando di provare nelle squadre.

“Quando guardi il calcio di base ora, gli allenatori stanno cercando di giocare con il portiere costruito da dietro. Penso che sia l’influenza del Manchester City e la loro visione del gioco. Penso che giovi davvero ai giocatori che passano”.

Pep Guardiola ha detto che il Manchester City non può negare le qualità di un’Inter tosta

L’Inter avrà bisogno di un piano per fermarli in finale di Champions League. Forse questo includerà un ex favorito del City. Edin Dzeko, 37 anni, ha segnato il primo gol nella semifinale vinta dall’Inter contro il Milan. L’ex compagno di squadra Vieira crede di poter avere un ruolo chiave.

“Ho giocato con Eden al City ed è un grande giocatore e un ottimo professionista. Ho visto l’Inter giocare le ultime due partite e sembra che stiano recuperando le gambe perché stanno giocando bene e facendo gol”.

“Il modo in cui può aiutarli è quando sono sotto pressione, può essere quello che può portare la palla e togliere quella pressione.

“E’ un giocatore forte e avrà bisogno di occasioni da gol, ma credo che per lui sarà molto importante continuare a tenere palla e aspettare che i compagni appoggino, vincendo gli errori per far uscire l’Inter dalla pressione. “

READ  Tre Leoni della Coppa del Mondo sono caduti negli ottavi di finale

Anche il modo in cui Vieira dà la sua risposta rivela che considera il City il favorito per alzare il trofeo. “Questa squadra di calcio è cresciuta fuori dal campo, sul campo, e ci sono voluti molto duro lavoro e dedizione per essere quello che è oggi”, aggiunge.

“È davvero bello vedere i primi due anni e dove sono ora. Potrebbero non avere la stessa storia di altri club, ma negli ultimi anni si sono esibiti e sono davvero cresciuti. È incredibile vederli far parte di un tale grande club”.

Patrick Vieira ha parlato all’evento di lancio del reportage “Soundscape of Being There” di Expedia Live. Per ulteriori informazioni e per saperne di più sulle voci che hanno plasmato la carriera di Vieira, visita Expedia Live: https://www.expedia.co.uk/sports/ucl

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x