La Repubblica più antica del mondo rivela il segreto della pace e della prosperità

Solo un paese al mondo può vantare più auto che persone all’interno dei suoi confini:un incredibile 25 percento in più, secondo le statistiche più recenti.

Riesci a indovinare il paese? Ti do qualche dritta in più:

Il PIL pro capite di questa affascinante enclave è tra i più alti del pianeta, quasi quanto quello degli Stati Uniti. Sostiene, credibilmente, di essere la sede del più antico stato sovrano esistente e della più antica repubblica costituzionale. Per la maggior parte dei suoi 17 secoli di esistenza, è stato uno dei paesi più liberi e tolleranti del mondo.

Ricordando la Repubblica Romana di più di due millenni fa, questo paese non ne ha uno ma Due capi di Stato. Sono eletti dal legislatore, sono coeguali nei loro poteri piuttosto limitati e sono soggetti ai limiti di mandato più severi del mondo. Le sostituzioni vengono elette ogni sei mesi! Più donne hanno servito come capi di stato in questo paese che in qualsiasi altro.

Alle Olimpiadi estive di Tokyo 2020, due atleti di questa nazione hanno guadagnato medaglie di bronzo e d’argento, rendendola così il paese più piccolo a segnare nelle competizioni di quell’anno.

Il Paese a cui mi riferisco è… (rullo di tamburi) – San Marino!

Il suo nome formale è il Serenissima Repubblica di San Marino. Comprende solo 38 miglia quadrate e circa 33.000 persone. L’ho attraversato alcuni anni fa in meno di un’ora, inclusa una sosta per un caffè e un souvenir. Senza sbocco sul mare e circondato dall’Italia, è situato alle pendici del Monte Titano (Monte Titano) negli Appennini nella parte nord-orientale della penisola italiana.

San Marino deriva il suo nome da uno scalpellino cristiano di nome Marino, nato in Croazia nel 275 dC mentre lavorava nella città italiana di Rimini poco più che ventenne, la sua predicazione occasionale attirò il fuoco delle autorità pagane romane. Fu costretto a fuggire e cercò rifugio in cima al Monte Titano. Mentre si nascondeva lì, formò una cappella e alla fine costruì un monastero. La montagna all’epoca era di proprietà privata (di una donna della vicina Rimini), che alla fine la diede in dono a Marino. Lo dichiarò uno stato indipendente il 3 settembre 301 d.C. e fino ad oggi la fondazione del paese viene celebrata ogni anno in quella data.

READ  SAN MARINO: L'ingresso sarà svelato il 23 febbraio

Sorprendentemente, Marino e la sua piccola repubblica sopravvissero alla Grande Persecuzione (dei cristiani) sotto l’imperatore romano Diocleziano, il cui governo terminò nel 305. Marinus non solo sopravvisse alla depenalizzazione del cristianesimo dall’imperatore Costantino nel 313, ma sopravvisse a Diocleziano per più di mezzo secolo, morendo nel 366 alla veneranda età di 91 anni.

Il famoso esploratore, archeologo e storico inglese James Theodore Bent scrisse un libro su San Marino nel 1879 dal titolo provocatorio, Uno scherzo della libertà. Rivela che quando Marino e un amico si stabilirono sulla montagna, “piantarono una croce sulla sommità della roccia, sulla quale era incisa l’unica parola ‘libertà’, e si scavarono dei letti sotto di essa, che si vedono anche ora dietro l’altare maggiore di una chiesetta dedita allo scopo di proteggerli…”

Mille anni dopo, papa Bonifacio VIII inviò un emissario per saperne di più su questo curioso lembo di territorio chiamato San Marino. Bent racconta che quando l’emissario chiese ai sammarinesi cosa intendessero per “libertà” che così orgogliosamente proclamavano, gli fu consigliato quanto segue:

…[M]it appartengono a se stessi perché non devono alcun omaggio a nessuno tra di loro, ma solo al Signore di tutte le cose.

Fu sotto il pontificato di Bonifacio VIII (1294-1303) che San Marino fu condannato per due volte a rendere omaggio alla Chiesa cattolica. Se il paese avesse avuto un re, forse avrebbe sborsato i soldi come tanti altri monarchi dell’epoca erano felici di fare. Ma i repubblicani di San Marino si rifiutarono di pagare. I funzionari della Chiesa hanno fatto marcia indietro entrambe le volte. “Man mano che la prosperità aumentava sotto la gentile atmosfera della libertà”, scrive Bent, “molti occhi invidiosi furono rivolti al monte Titano”.

READ  L'italiana Prismian investe 200 milioni di euro per costruire una fabbrica di cavi sottomarini negli Stati Uniti

Per due volte, l’indipendenza di lunga data del paese è stata brevemente interrotta. Le forze di Cesare Borgia, figlio di papa Alessandro VI, invasero e occuparono San Marino per sei mesi nel 1503. Il successore di suo padre, papa Giulio II, ordinò a Borgia di partire e di lasciare in pace la minuscola enclave. Quando un altro avido condottiero occupò San Marino nell’ottobre del 1739, papa Clemente XII ne costrinse l’espulsione solo quattro mesi dopo.

Napoleone Bonaparte minacciò di invadere alla fine degli anni ’90 del Settecento, ma ne fu dissuaso da uno dei due massimi politici sammarinesi (i consoli coeguali noti come Capitani Reggenti). Il dittatore francese si offrì persino di estendere il territorio sammarinese a est fino all’Adriatico, ma la repubblica rifiutò cortesemente. È uno dei motivi per cui il piccolo paese è così apprezzato nella regione. Si fa gli affari suoi.

Un altro motivo è il suo ruolo di rifugio per gli oppressi. Ha accolto molte persone in pericolo durante i conflitti per l’Unità d’Italia nel XIX secolo. Durante la seconda guerra mondiale, ha aperto le sue porte a 100.000 rifugiati, una cifra molte volte più grande della sua stessa popolazione.

San Marino non è membro dell’Unione Europea, sebbene condivida un confine aperto con l’UE e utilizzi l’Euro come valuta. Una proposta di adesione all’UE è stata presentata in un referendum nazionale nel 2013. Non è riuscita perché l’affluenza alle urne era troppo bassa per soddisfare il requisito del quorum del 32%.

Oggi, l’aliquota dell’imposta sulle società del paese è inferiore sia all’Italia che alla media dell’UE, il che lo rende un rifugio preferito per le imprese europee. E tassa le plusvalenze solo del cinque per cento, un terzo dell’aliquota statunitense. Nell’indice “Ease of Doing Business” della Banca Mondiale, San Marino è al primo posto Una media 92 tra i 190 paesi classificati. La sua economia è dominata dalla finanza, dalla produzione e dal turismo. È un posto molto amichevole e accogliente.

READ  Raspadori si diverte a farsi prendere in un vortice di sentimenti con l'Italia

Il 2021 Rapporto Libertà nel mondo da Freedom House lodi San Marino per la sua protezione dei diritti fondamentali, inclusa la libertà di culto e di riunione, la proprietà privata e la stampa, ma suggerisce la necessità di lavorare sulla corruzione nella sua magistratura. Freedom House classifica San Marino come il 12° Paese più libero al mondo.

Orologio Questo affascinante video di mezz’ora (sopra) sul posto e non solo vedrai uno splendido scenario sammarinese, imparerai anche a conoscere una mafia del pane locale che ha usato i suoi legami politici per fregare i contribuenti prima di essere arrestata.

Congratulazioni a San Marino, una repubblica libera e duratura, un luogo dove le persone vivono e lasciano vivere. Lo fanno da più tempo di qualsiasi altra nazione del pianeta. Iscrivimi per essere il prossimo ambasciatore degli Stati Uniti a San Marino, per favore. Lo farò gratis.

Questo pezzo era originariamente presente su FEE.org sotto il titolo, La Repubblica più antica del mondo rivela il segreto della pace e della prosperità

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x