La tempesta Ian colpisce la Carolina del Sud mentre il bilancio delle vittime negli Stati Uniti sale a 17; La Florida, duramente colpita, inizia a ripulire

Un rinnovato uragano Ian ha colpito la costa della Carolina del Sud venerdì, distruggendo moli e allagando strade dopo che una violenta tempesta ha causato danni catastrofici in Florida, intrappolando migliaia di persone nelle loro case e uccidendo almeno 17 persone.

Il Dipartimento delle forze dell’ordine della Florida ha affermato che le morti includevano una donna di 22 anni che è stata espulsa da un veicolo ribaltabile sulla strada venerdì per un lavaggio stradale nella contea di Manatee e un uomo di 71 anni che è morto per ferite alla testa quando ha caduto. Da un tetto durante l’installazione delle serrande antipioggia mercoledì. Molte delle altre morti hanno coinvolto persone che sono annegate, inclusa una donna di 68 anni che è stata trascinata nell’oceano da un’onda.

Altre tre persone sono morte a Cuba quando la tempesta si è diretta verso nord all’inizio della settimana mentre la tempesta si spostava a nord. Si prevedeva che il bilancio delle vittime sarebbe aumentato in modo significativo una volta che i funzionari di emergenza avrebbero avuto l’opportunità di perquisire molte delle aree più colpite.

Il centro di Ian è sbarcato vicino a Georgetown con venti molto più deboli rispetto a quando hanno attraversato la costa del Golfo della Florida mercoledì come una delle tempeste più potenti mai colpite dagli Stati Uniti. Mentre si spostava attraverso la Carolina del Sud, Ian è caduto da un uragano a un ciclone post-tropicale.

Le foglie della pioggia hanno sferzato alberi e linee elettriche e hanno lasciato sott’acqua molte aree della penisola del centro di Charleston. Un famoso molo nella comunità balneare di Pawleys Island è crollato ed è andato via. A Myrtle Beach, le onde si sono spinte verso la zona del lungomare turistico.

Guarda | Veduta aerea del sentiero distrutto di Ian:

La Florida si ripulisce dopo l’uragano Ian, i funzionari affermano che la ricostruzione potrebbe richiedere anni

L’uragano Ian è rimbalzato di dimensioni mentre si dirige verso la Carolina del Sud. L’entità dei danni in Florida, dove Ian è sbarcato per la prima volta mercoledì come una delle tempeste più forti mai colpite dagli Stati Uniti continentali, è diventata più chiara giovedì quando le squadre di emergenza hanno iniziato ad arrivare ai residenti bloccati.

READ  Quattro morti a Cipro a causa degli incendi boschivi "più distruttivi" | Notizie Europa

Ian ha lasciato un’ampia scia di distruzione dopo essere sbarcato mercoledì sulla costa del Golfo della Florida come una delle tempeste più forti mai colpite dagli Stati Uniti. Due milioni di persone senza elettricità.

Giovedì le squadre di soccorso hanno guidato barche e guadato per le strade per salvare migliaia di persone intrappolate tra case allagate ed edifici distrutti.

Il governatore della Florida Ron DeSantis ha affermato che le squadre di soccorso si sono trasferite di casa in casa in oltre 3.000 case nelle aree più colpite.

“C’è stato davvero uno sforzo miracoloso”, ha detto venerdì durante una conferenza stampa a Tallahassee.

Guarda | I funzionari della Florida affermano che la pulizia di Ian potrebbe richiedere anni:

Le riprese aeree della Florida mostrano la distruzione dell’uragano Ian

Due giorni dopo che l’uragano Ian ha spazzato la costa del Golfo della Florida, le riprese dall’alto mostrano la devastazione che si è lasciato alle spalle.

Il coautore, lo scienziato del clima Michael Weiner, del Lawrence Berkeley National Laboratory, ha affermato che il cambiamento climatico ha aggiunto almeno il 10% della pioggia dell’uragano Ian, secondo uno studio preparato subito dopo la tempesta.

Tra i morti c’erano una donna di 80 anni e un uomo di 94 anni che faceva affidamento su macchine a ossigeno che avevano smesso di funzionare a causa di un’interruzione di corrente, nonché un uomo di 67 anni che stava aspettando salvare. In acque in aumento all’interno della sua casa, hanno detto le autorità.

I funzionari temono che il bilancio delle vittime possa aumentare drammaticamente, data l’ampia area spazzata dalla tempesta.

Le case distrutte da Ian sono state viste sull’isola di San Carlos, in Florida, venerdì. (Mary Morrissey/CBC)

Il direttore della gestione delle emergenze del Dipartimento della Florida, Kevin Guthrie, ha affermato che i soccorritori si sono finora concentrati su ricerche “affrettate” volte a salvataggi di emergenza e valutazioni iniziali, che saranno seguite da due ulteriori ondate di ricerche. Venerdì ha detto che i primi soccorritori che hanno trovato possibili resti li stanno lasciando non confermati, descrivendo come esempio il caso di una casa sommersa.

“L’acqua era appena sopra la superficie, giusto, ma c’era un nuotatore della Guardia Costiera che ci nuotava dentro e poteva determinare che sembravano resti umani. Non sappiamo esattamente quanti ce ne siano”, ha detto Guthrie.

Mesi, anni per ricostruire.

Nel disperato tentativo di localizzare e salvare i propri cari, gli utenti dei social media hanno condiviso online i numeri di telefono, gli indirizzi e le foto dei loro familiari e amici con chiunque possa verificarli.

I residenti di Orlando sono tornati nelle loro case allagate venerdì, arrotolando i loro vestiti per guadare le acque fangose ​​fino alle ginocchia delle loro strade. Gli amici di Ramon Rodriguez hanno scaricato ghiaccio, acqua in bottiglia e caffè caldo all’ingresso della sua lottizzazione, dove 10 delle 50 case sono state allagate e la strada sembrava un lago. Non aveva elettricità né cibo in casa e la sua macchina era intrappolata nell’acqua.

“C’è acqua ovunque”, ha detto Rodriguez. “La situazione qui è pessima”.

Gli studenti universitari lasciano un complesso di appartamenti completamente allagato da Ian a Orlando, in Florida, venerdì. (John Rao/Associated Press)

Gli studenti dell’Università della Florida centrale che vivono in un complesso di appartamenti vicino al campus di Orlando sono arrivati ​​per recuperare i loro beni dalle loro unità sommerse.

Dendra Smith, una studentessa di infermieristica, dormiva quando gli altri se ne andarono e rimasero nel suo appartamento al terzo piano con il suo cane. Altri studenti l’hanno aiutata a farle asciugare il pavimento venerdì spingendola attraverso un parcheggio allagato su un ponte di barche. Non era sicura di dover tornare a casa dei suoi genitori nel sud della Florida o trovare un rifugio per poter frequentare le lezioni. “Sto ancora cercando di capirlo”, ha detto.

Una devastante tempesta ha distrutto molte vecchie case sull’isola barriera di Sanibel, in Florida, creando crepe nelle sue dune di sabbia. Gli edifici condominiali più alti erano intatti ma con il piano inferiore andato in frantumi. Alberi e pali della luce erano sparsi ovunque.

Un pompiere controlla un grande albero caduto su una strada a Charleston venerdì. (Alex Brandon/Associated Press)

I soccorritori municipali, le squadre speciali e la Guardia Costiera hanno usato barche ed elicotteri venerdì per evacuare i residenti che erano rimasti fuori per la tempesta e poi tagliati fuori dalla terraferma quando un ponte è crollato. I volontari che si sono recati sull’isola a bordo di una moto d’acqua hanno aiutato a scortare una coppia di anziani in una zona dove i bagnini della Guardia Costiera li hanno portati in elicottero.

Ore dopo essersi indebolito in una tempesta tropicale mentre attraversava la penisola della Florida, Ian ha ripreso forza giovedì notte sull’Atlantico. Ian è atterrato nella Carolina del Sud con venti massimi di 140 km/h. Quando mercoledì ha colpito la costa del Golfo della Florida, è stato un potente uragano di categoria 4 a 240 km/h.

Dopo che l’acquazzone più pesante ha colpito Charleston, Will Chalowsky ha esaminato un grande olmo davanti a casa sua che era caduto dall’altra parte della sua strada del centro.

I veicoli guidano nonostante l’innalzamento delle acque a Charleston venerdì. (Alex Brandon/Associated Press)

“Se questo albero cadesse in un modo diverso, sarebbe a casa nostra”, ha detto Chalowski. “È molto spaventoso e molto inquietante.”

Nella Carolina del Nord, venerdì pomeriggio forti venti e pioggia si sono insinuati nello stato. Il governatore Roy Cooper ha avvertito i residenti di essere vigili, dato che in alcune zone potrebbero cadere fino a 20 cm di pioggia, con forti venti.

“L’uragano Ian è alle nostre porte”, ha detto Cooper. “Prevede forti piogge e forti venti sulla maggior parte del nostro stato”. “Il nostro messaggio oggi è semplice: sii intelligente e sii sicuro”.

Un’immagine satellitare fornita dalla National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti mostra l’uragano Ian sulla costa della Carolina del Sud venerdì. (NOAA / Associated Press)

A Washington, il presidente Joe Biden ha detto che stava dirigendo “ogni possibile azione per salvare vite umane e ottenere assistenza ai sopravvissuti”.

“Ci vorranno mesi e anni per ricostruire”, ha detto Biden.

“Voglio solo che i residenti della Florida sappiano, vedano cosa stai passando mentre siamo con te”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x