L’Arabia Saudita rifiuta il rapporto dell’intelligence statunitense sull’uccisione di Khashoggi | Notizie di Jamal Khashoggi

Il Dipartimento di Stato afferma che l’affermazione della CIA secondo cui Mohammed bin Salman ha approvato l’uccisione di Khashoggi è “negativa, falsa e inaccettabile”.

Il ministero degli Affari esteri saudita ha respinto un rapporto delle agenzie di intelligence statunitensi, rilasciato venerdì, che ritiene il principe ereditario Mohammed bin Salman (MBS) responsabile dell’uccisione di Jamal Khashoggi.

Il ministero degli Affari esteri ha affermato in una dichiarazione rilasciata dall’Agenzia di stampa saudita: “Il Regno dell’Arabia Saudita respinge categoricamente la valutazione negativa, sbagliata e inaccettabile del rapporto relativo alla leadership del Regno, e indica che il rapporto conteneva informazioni e conclusioni inesatte. . “

Il rapporto della comunità dell’intelligence statunitense, preparato dall’ufficio del direttore dell’intelligence nazionale degli Stati Uniti, conferma che le agenzie di spionaggio statunitensi hanno concluso che Mohammed bin Salman “ha approvato un’operazione” per arrestare o uccidere il giornalista saudita a Istanbul, in Turchia.

Khashoggi è stato ucciso e smembrato da una squadra di assassini saudita all’interno del consolato saudita a Istanbul. Il suo corpo non è stato recuperato.

“Questo è un crimine odioso e una flagrante violazione delle leggi e dei valori del regno”, afferma il comunicato del ministero.

“Questo crimine è stato commesso da un gruppo di individui aggirando tutti i regolamenti pertinenti e le autorità delle agenzie in cui lavorano”, afferma il comunicato.

Ha aggiunto: “Le persone interessate sono state condannate e condannate dai tribunali del Regno, e la famiglia Jamal Khashoggi ha accolto favorevolmente queste sentenze”.

Il giornalista saudita Jamal Khashoggi parla durante una conferenza stampa il 15 dicembre 2014 a Manama, Bahrain [File: Hasan Jamali/AP Photo]

Il rapporto di quattro pagine degli Stati Uniti, richiesto dal Congresso, è stato nascosto all’opinione pubblica dall’ex presidente Donald Trump, ma è stato pubblicato dal nuovo presidente Joe Biden, che durante la sua campagna politica del 2020 si è impegnato a ritenere i sauditi responsabili dell’omicidio di Khashoggi.

READ  Le difese aeree siriane intercettano l'aggressione israeliana contro Damasco | Notizie di conflitto

Le agenzie di spionaggio statunitensi, compresa la CIA, hanno basato la loro valutazione del ruolo di Mohammed bin Salman sul suo “controllo decisionale” e sulla “partecipazione diretta di un consigliere chiave” e membri dei “dettagli preventivi” all’operazione.

L’Arabia Saudita ha a lungo negato che Mohammed bin Salman avesse una conoscenza diretta dell’omicidio di Khashoggi.

Dopo che il rapporto è stato pubblicato venerdì, i funzionari dell’amministrazione Biden hanno annunciato il divieto di viaggio a 76 sauditi e imposto sanzioni finanziarie al maggiore generale saudita Ahmed Hassan Muhammad Asiri, che è vicino a Mohammed bin Salman.

Ha aggiunto: “È davvero deplorevole che questo rapporto sia stato pubblicato con le sue conclusioni ingiustificate e imprecise, mentre il Regno ha chiaramente condannato questo crimine atroce e la leadership del Regno ha preso le misure necessarie per garantire che una simile tragedia non si ripeta”. La dichiarazione ha detto.

Il regno rifiuta qualsiasi misura che violi la sua leadership, sovranità e indipendenza del suo sistema giudiziario.

In risposta a una domanda sulla smentita saudita dei risultati del rapporto, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha detto a Washington: “Il rapporto parla da solo” e che l’amministrazione Biden “sta cercando di portare trasparenza su questo problema e condividere ciò che noi sapere con il popolo americano “.

Il regno ha fornito “milioni di dollari nelle case” e “pagamenti mensili a cinque cifre” ai quattro figli di Khashoggi, secondo un rapporto del Washington Post del 2019 in cui Khashoggi era un editorialista.

READ  La Marina americana afferma di aver sparato colpi di avvertimento alle navi iraniane nel Golfo Notizie dal Medio Oriente

Khashoggi ha scritto nella sua ultima colonna prima della sua morte sulla necessità della libertà di stampa nel mondo arabo.

“La narrativa gestita dallo stato domina la psiche pubblica e, sebbene non molte persone ci credano, la maggior parte della popolazione cade vittima di questa falsa narrativa”, ha detto Khashoggi.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x