L’ex presidente boliviano arrestato durante la repressione dell’opposizione | Bolivia

L’ex presidente ad interim della Bolivia, che ha guidato il paese per un anno, è stato arrestato mentre i funzionari del governo di sinistra restaurato hanno preso di mira coloro che hanno aiutato a cacciare il leader socialista Evo Morales nel 2019.

Janine Anez, che secondo i sostenitori di Morales fa parte di un colpo di stato, è stata arrestata sabato mattina presto nella sua città natale di Trinidad e portata in aereo nella capitale La Paz, dove è apparsa davanti al pubblico ministero.

“Questo è un abuso”, ha detto ai giornalisti dopo l’apparizione. Ha detto: “Non c’è stato alcun colpo di stato, ma una successione costituzionale”.

Da una cella di polizia a La Paz, Anez ha chiesto all’Organizzazione degli Stati americani e dell’Unione europea di inviare missioni in Bolivia per valutare quella che ha definito “detenzione illegale”.

I mandati di arresto e di arresto di ciascuno contro diversi altri ex funzionari hanno esacerbato le tensioni politiche in un paese sudamericano già dilaniato da errori percepiti di cui entrambe le parti hanno sofferto.

Queste includono le denunce secondo cui Morales, il cui partito è ora tornato al potere, è diventato più autoritario durante i suoi 13 anni in carica, che si è corso illegalmente per una quarta elezione e poi presumibilmente il risultato, e che le forze di destra hanno condotto proteste violente che hanno provocato sicurezza. Per spingerlo a dimettersi e poi reprimere i suoi seguaci, che protestavano essi stessi contro il presunto colpo di stato.

“Questo non è giusto”, ha detto l’ex presidente Carlos Mesa, che si è classificato secondo dopo Morales in diverse elezioni. “Cercano di decapitare l’opposizione creando una falsa narrativa di un colpo di stato per distogliere l’attenzione dalla frode”.

“Gli autori e i complici della dittatura devono essere indagati e pubblicati”, ha twittato Morales.

Altri mandati di arresto sono stati emessi per più di una dozzina di ex funzionari. Includono diversi ex ministri di gabinetto, nonché l’ex comandante militare William Caliman e il capo della polizia, che hanno esortato Morales a dimettersi nel novembre 2019 dopo che il paese è stato spazzato via dalle proteste contro il primo presidente provinciale del paese.

Dopo Morales Lascia il paeseMolti dei suoi principali sostenitori si sono dimessi. Nez, un legislatore che aveva scalato più volte la scala della successione presidenziale, è stato ammesso alla presidenza ad interim.

Una volta lì, le politiche della Bolivia sono state improvvisamente dirette a destra e la sua amministrazione ha cercato di perseguire Morales e un gruppo di suoi sostenitori con l’accusa di terrorismo e sedizione, accusando frode elettorale e repressione delle proteste.

Ma il movimento di Morales verso il socialismo è rimasto popolare. Ha vinto le elezioni lo scorso anno con il 55% dei voti Il candidato prescelto di Morales è Louis Ars, entrato in carica a novembre. Anez si è ritirato dopo essere atterrato alle urne.

Due ministri ad ÁñezAnche il governo ha arrestato venerdì, Compreso l’ex ministro della Giustizia Alvaro Coimbra, che ha contribuito a guidare il processo contro gli assistenti di Morales. Sono stati accusati anche un ex ministro della Difesa e altri.

Il nuovo ministro della Giustizia Evan Lima ha detto che Anez, 53 anni, sta affrontando accuse relative alle sue azioni come membro del Senato dell’opposizione piuttosto che come ex presidente.

Il ministro dell’Interno Eduardo del Castillo ha negato che si trattasse di un atto di persecuzione, affermando che il caso nasceva da una denuncia penale relativa a cospirazione e istigazione alla sedizione presentata contro di lei a novembre, mese in cui ha lasciato l’incarico.

Human Rights Watch Le Americhe Il direttore Jose Miguel Vivanco di Washington ha affermato che i mandati di arresto per Anez e i suoi ministri “non contengono alcuna prova che abbiano commesso il crimine di terrorismo”.

READ  Rooney Luciano, DJ di Jack Harlow, accusato di omicidio

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x