L’ex presidente Karzai afferma che gli Stati Uniti hanno fallito in Afghanistan | Notizie di conflitto

L’ex presidente afghano ha affermato che gli Stati Uniti hanno fallito nella loro missione di stabilizzazione di due decenni per “combattere l’estremismo” e stabilizzare il suo paese devastato dalla guerra.

In un’intervista con l’Associated Press di domenica, poche settimane prima che le ultime forze statunitensi e della NATO lasciassero l’Afghanistan dopo quasi 20 anni, Hamid Karzai ha affermato che le forze in partenza si stanno lasciando dietro un disastro.

La comunità internazionale è arrivata qui 20 anni fa con il chiaro obiettivo di combattere l’estremismo e raggiungere la stabilità… ma oggi l’estremismo è al suo livello più alto. Quindi hanno fallito.

La loro eredità, ha detto, è una nazione lacerata dalla guerra in “completa disgrazia e catastrofe”.

“Siamo consapevoli di tutti i nostri fallimenti come afghani, ma per quanto riguarda i poteri e le forze più grandi che sono venuti qui esattamente per questo scopo? Dove ci lasciano ora?”, ha chiesto e ha risposto: “In completa disgrazia e disastro”.

Tuttavia, Karzai, che aveva avuto una relazione ambivalente con gli Stati Uniti durante i suoi 13 anni di governo, voleva che le truppe se ne andassero, dicendo che gli afgani erano uniti da un travolgente desiderio di pace e ora dovevano assumersi la responsabilità del loro futuro.

“Staremmo meglio senza la loro presenza militare”, ha detto.

Penso che dovremmo difendere il nostro paese e prenderci cura delle nostre vite. …la loro presenza (ci ha dato) quello che abbiamo ora. … Non vogliamo continuare con questa miseria e umiliazione che stiamo affrontando. È meglio che l’Afghanistan se ne vada”.

La regola di Karzai

Il governo di Karzai ha seguito il rovesciamento dei talebani nel 2001 da parte di una coalizione guidata dagli Stati Uniti che ha lanciato la sua invasione per dare la caccia e distruggere la rete di al-Qaeda e il suo leader, Osama bin Laden, accusato degli attacchi dell’11 settembre agli Stati Uniti. Stati.

READ  La "nuova normalità" negli Stati Uniti è di mezzo grado più calda rispetto a 20 anni fa

Durante il governo di Karzai, le donne hanno guadagnato più diritti, le ragazze sono tornate a scuola, è emersa una società civile giovane e vivace, sono stati costruiti nuovi grattacieli nella capitale, Kabul, e sono state costruite strade e infrastrutture.

Ma il suo governo è stato anche segnato da accuse di corruzione diffusa, un boom del commercio di droga e, negli ultimi anni, litigi implacabili con Washington che continuano ancora oggi.

Ad aprile, quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato il ritiro definitivo delle restanti 2.500-3.500 truppe, ha affermato che gli Stati Uniti se ne sarebbero andati dopo aver raggiunto i propri obiettivi. Al Qaeda diminuì drammaticamente e bin Laden morì.

Ha detto che gli Stati Uniti non hanno più bisogno di soldati sul campo per contrastare le minacce alla sicurezza che potrebbero provenire dall’Afghanistan.

Tuttavia, i tentativi degli Stati Uniti di porre fine politica a decenni di guerra sono stati elusivi.

Ha firmato un accordo con i talebani nel febbraio 2020 per ritirare le sue forze in cambio dell’impegno dei talebani a denunciare gruppi armati come al-Qaeda e a impedire che l’Afghanistan diventi ancora una volta un trampolino di lancio per attacchi contro gli Stati Uniti.

Ci sono poche prove che i talebani stiano facendo quadrare i conti. Le Nazioni Unite affermano che i talebani e al-Qaeda sono ancora collegati.

L’architetto dell’accordo con gli Stati Uniti e l’attuale inviato di pace degli Stati Uniti Zalmay Khalilzad afferma che sono stati compiuti alcuni progressi, ma senza fornire alcun dettaglio.

Karzai ha avuto parole dure e critiche implacabili alle tattiche di guerra statunitensi negli ultimi vent’anni in Afghanistan.

READ  Il Senato dell'Arizona emette un nuovo mandato di comparizione per rivedere le elezioni presidenziali del 2020

Eppure è diventato una sorta di pilastro in uno sforzo congiunto lanciato da Stati Uniti e Regno Unito per ottenere una leadership afghana irritabile a Kabul abbastanza unita da parlare di pace con i talebani.

Il gruppo armato ha mostrato scarso interesse nei negoziati e ha invece intensificato i suoi attacchi alle posizioni del governo.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si incontrerà venerdì alla Casa Bianca con il presidente afghano Ashraf Ghani e il presidente del Consiglio supremo dell’Afghanistan per la riconciliazione nazionale Abdullah Abdullah per discutere del ritiro delle forze statunitensi in mezzo all’escalation dei combattimenti tra le forze afgane e i talebani in tutto il paese.

La Casa Bianca ha dichiarato in una dichiarazione che Biden, nel loro primo incontro faccia a faccia, cercherà di rassicurare Ghani e Abdullah sul sostegno degli Stati Uniti al popolo afghano, compresa l’assistenza diplomatica, economica e umanitaria.

I talebani hanno ottenuto significativi guadagni sul campo dall’inizio del ritiro degli Stati Uniti e della NATO il 1° maggio. Hanno invaso dozzine di province, spesso negoziando la loro resa dalle forze di sicurezza nazionali afgane.

Ma i combattimenti sono stati intensi in molti casi. Proprio la scorsa settimana, un brutale attacco dei talebani nella provincia settentrionale di Faryab ha ucciso 22 commando afgani, guidati dall’eroe locale colonnello Sohrab Azimi, anch’egli ucciso e pianto ampiamente.

“Il desiderio del popolo afghano, in modo schiacciante, in tutto il Paese è per la pace”, ha detto Karzai, che nonostante sia fuori dal potere dal 2014 ha perso poca della sua influenza politica ed è spesso al centro delle macchinazioni politiche del Paese.

READ  Che aspetto aveva il principe Filippo quando era giovane

Diplomatici, funzionari occidentali, generali, anziani tribali e politici di tutti i lati dello spettro politico afghano percorrono regolarmente Bab Karzai Road nel cuore della capitale afghana.

Con l’eventuale ritiro militare degli Stati Uniti già completato per oltre il 50 per cento, la necessità di una soluzione politica o anche di un percorso visibile verso una soluzione definitiva sembra essere diventata più pressante anche se migliaia di afghani cercano di andarsene.

Dicono di essere frustrati dalla corruzione inarrestabile, dal saccheggio di bande criminali – alcune legate ai potenti signori della guerra di Kabul – e dall’aggravarsi dell’insicurezza. Pochi vedono un futuro non violento.

Karzai ha accusato sia il Pakistan, dove ha sede la leadership talebana, sia gli Stati Uniti di alimentare i combattimenti, e ha affermato che spetta agli afgani porre fine a decenni di guerra.

Alla leadership civile e militare pakistana, Karzai ha detto che l’Afghanistan vuole una “relazione civile… se il Pakistan adotta una posizione lontana dall’usare l’estremismo contro l’Afghanistan, questa relazione può trasformarsi in una bella relazione, in una relazione molto produttiva per entrambe le parti”.

Karzai ha detto alle parti in guerra in Afghanistan: “Sono molto sicuro e chiaro su questo argomento, entrambe le parti dovrebbero pensare alle vite e alle proprietà del popolo afghano… La lotta è distruzione.

“L’unica risposta è che gli afgani si stanno unendo… Dobbiamo renderci conto che questo è il nostro paese e dobbiamo smettere di ucciderci a vicenda”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x