Patrick Vieira: icona dell’Arsenal per il premuroso manager del Crystal Palace

Vieira ha gestito in modo impressionante quelli che avrebbero potuto essere i primi giorni difficili al Palace

Due sconfitte in 11 partite di Premier League e vittorie notevoli contro Tottenham Hotspur e Manchester City: è giusto dire che Patrick Vieira sta facendo un lavoro impressionante al Crystal Palace.

Dopo aver preso il posto di Roy Hodgson, pochi si aspettavano che l’ex capitano dell’Arsenal si esibisse così come ha dato una carriera relativamente insignificante nella gestione prima del suo arrivo a Londra.

Ma coloro che sono stati coinvolti nel suo viaggio dal giorno in cui si è ritirato da giocatore e ha iniziato ad allenare non sono sorpresi che stia prosperando.

Un allenatore riluttante che ha trovato spinta nello sviluppo giovanile

Diventare un allenatore non è stata una progressione naturale dopo aver giocato per Vieira. In effetti, non era una mossa che gli piacesse particolarmente.

Nel 2011, con la sua carriera da giocatore che stava finendo al Manchester City, Vieira ha trascorso del tempo in diversi ruoli nel club, agendo come ambasciatore del club e incontrando i VIP prima delle partite all’Etihad Stadium mentre cercava di decidere il percorso che avrebbe intrapreso quando avrebbe finalmente impiccato su gli stivali.

Ma è stata la direzione dell’ex ala dell’Arsenal e dello Sheffield Wednesday Brian Marwood – che allora lavorava come funzionario amministrativo del calcio al Manchester City – che Vieira attribuisce a Vieira di aver rivolto la sua testa alla dirigenza.

“Quando ho smesso di giocare non sapevo che strada avrei preso”, ha detto Vieira. “Sono stato fortunato ad avere Brian accanto a me, a guidarmi e ad aprire la mia mente sul lato manageriale.

“Mi ha spinto a trascorrere del tempo con i ragazzi all’accademia del Manchester City e più tempo passavo lì più amavo stare con i giocatori. Mi sono innamorato del lavoro”.

Imparare il mestiere in Galles

Se la passione per l’allenatore è stata accesa da un ex giocatore dell’Arsenal e sui campi di allenamento nell’est di Manchester, lo stile di gestione e la filosofia di Vieira sono stati realizzati alla periferia di Newport.

Decidendo dove prendere i suoi distintivi da allenatore, Vieira ha raccolto una raccomandazione dall’ex compagno di squadra della Francia ed ex difensore del Chelsea Marcel Desailly di dirigersi a Dragon Park, la casa del calcio gallese.

READ  Questa è la tua guida pratica allo sport in TV questa settimana

Vieira ha detto che nel 2013 è stato attratto dal National Football Development Center del Galles perché sentiva che aveva un ambiente in cui si sarebbe sentito a proprio agio imparando, dove “non c’erano ego e tutti erano trattati allo stesso modo”.

Corso di coaching
Vieira è stato uno dei tanti calciatori famosi e aspiranti allenatori a rivolgersi al programma di allenamento della Federcalcio del Galles

Sembra che non fosse solo a questo pensiero e alcuni dei suoi compagni di classe includevano l’ex attaccante dell’Arsenal Thierry Henry, l’allenatore del Belgio Roberto Martinez e l’ex attaccante del Galles Craig Bellamy.

Tutti si stavano facendo le ossa insieme ad altri giocatori di football verso la fine della loro carriera e agli allenatori della Premier League gallese.

L’ex difensore del Crystal Palace Craig Harrison era sullo stesso percorso di Vieira quando era allenatore del TNS.

Harrison aveva affrontato Vieira sul campo da calcio, ma ricorda una persona molto diversa dall’avversario combattivo e aggressivo dei suoi giorni da giocatore.

“Patrick era un giocatore molto feroce, è un ragazzo grosso, è molto intimidatorio da guardare a causa delle sue dimensioni, ma è un ragazzo così simpatico”, ha detto a BBC Sport.

“Ha un linguaggio molto pacato, è tranquillo. Non è eccessivamente aggressivo quando allena o quando parla. È metodico in quello che sta cercando di fare.

“È molto premuroso. Il Patrick Vieira che molte persone avranno visto quando giocava – combattendo con Roy Keane – non è il Patrick Vieira che si imbatte di persona.

“È un ragazzo molto orientato alla famiglia, molto ben informato sul calcio. Ne è ossessionato e penso che se vuoi arrivare in cima devi esserne ossessionato”.

Un amico, un mentore ma anche un duro sorvegliante

Jack Harrison
Vieira è accreditato di aver giocato un ruolo importante nello sviluppo del giocatore del Leeds Jack Harrison

Queste caratteristiche erano evidenti anche quando ha assunto il suo primo ruolo di dirigente senior come capo allenatore della squadra della Major League Soccer di New York City nel novembre 2015.

Con un mix di grandi nomi del calcio europeo come Andrea Pirlo, David Villa e Frank Lampard nei libri, mescolati con giocatori locali con solo esperienza MLS, Vieira ha affrontato un inizio di prova in termini di gestione di quelle personalità.

READ  Bagnaia resta nel Ducati Motorcycle Team per altri due anni

L’ex nazionale giovanile degli Stati Uniti Ethan White era a New York City quando Vieira è arrivato e ricorda un manager che non ha avuto problemi a mettere insieme lo spogliatoio.

Ha detto a BBC Sport: “Come puoi vedere ora al Palace, i giocatori entrano molto rapidamente nel sistema, sia per la quantità di rispetto che avranno per lui a causa del suo nome, ma anche per com’è come persona”.

“Si presenta quasi come un amico ma anche un mentore”.

Potrebbe essere sembrato per la maggior parte un amico, ma non aveva paura di infastidire i giocatori quando necessario, come ha sperimentato lo stesso White.

Dopo essere arrivato in ritardo a un incontro pre-partita un giorno a causa del traffico, il difensore è stato immediatamente escluso dall’XI titolare per la partita.

“È il capitano della nave: duro al momento giusto e morbido al momento giusto”, ha detto White. “Ho capito che aveva delle regole in atto e tu l’hai rispettato”.

Le radici di allenatore di Vieira nelle squadre giovanili del Manchester City sono emerse anche a New York e White gli attribuisce il merito di aver trasformato Jack Harrison – ora al Leeds – nel giocatore che è oggi.

La gioventù è arrivata attraverso il sistema giovanile del club, con Vieira che ha fatto da mentore e nutrito il giovane mentre lo ha facilitato nel calcio della prima squadra.

“Jack ha tratto grandi benefici da Patrick”, ha aggiunto White. “Penso davvero che lo abbia aiutato a sbocciare”.

Successo a New York, ma guai a Nizza

Patrizio Vieira
Vieira ha vissuto un periodo instabile al Nizza con i cambi di proprietà dopo il suo arrivo

Vieira ha fatto bene a New York, guidandoli al quarto posto nella sua prima stagione prima di un secondo posto nella sua seconda, e quando l’opportunità di allenarsi nella sua nativa Francia nel 2018 con il Nizza, l’ha colta.

Ma il tempo trascorso nel sud della Francia ha mostrato quanto sia importante per Vieira circondarsi di persone di cui si fida e che credono in lui.

La chiave della sua decisione di assumere il ruolo al Nizza sono stati il ​​presidente del club Jean-Pierre Rivere e il direttore sportivo Julian Fournier, che hanno lavorato duramente per convincerlo a venire. Ma un cambio di proprietà pochi mesi dopo l’arrivo di Vieira ha portato alla loro partenza.

READ  La Premier League è stata sospesa a causa del ritiro di più club

Nonostante i cambiamenti dietro le quinte, Vieira è riuscito a guidare il club al settimo posto in Ligue 1 nella sua prima stagione – un posto migliore di quello che avevano nella stagione prima del suo arrivo – e poi al quinto l’anno successivo.

Ma con aspettative crescenti e critiche al suo stile di gioco e all’uso dei giocatori, le cose hanno iniziato a disfarsi rapidamente.

Cinque sconfitte consecutive nei primi mesi della sua terza stagione al club sono state sufficienti per vedere Vieira esonerato.

La squadra giusta e il manager giusto?

Conor Gallagher
Lunedì Conor Gallagher era in panchina per l’Inghilterra contro San Marino

Non appena Vieira è stato nominato capo del Crystal Palace in estate, si è assicurato di avere di nuovo persone intorno a sé di cui si fidava e in cui credeva.

Il suo assistente, Osian Roberts, era il direttore tecnico della Federcalcio del Galles e ha supervisionato il programma di allenamento a cui Vieira ha partecipato.

Insieme, insieme al resto dello staff tecnico di Vieira, hanno deciso di risolvere i numerosi problemi del Palace, non ultimi 12 giocatori fuori contratto.

Molti di quella dozzina se ne andarono, permettendo a Vieira di formare la propria squadra. Ha sostituito una difesa invecchiata con giocatori più giovani in Marc Guehi e Joachim Andersen e ha portato in prestito altri giovani eccitanti come il 19enne Michael Olise e il 21enne Chelsea Conor Gallagher.

Ancora una volta il suo background nel nutrire la giovinezza è stato evidente, con Gallagher in particolare fiorente sotto il francese.

Ha segnato quattro gol in 10 presenze in Premier League, essendo stato giocato in un ruolo offensivo più avanzato da Vieira, e quella forma lo ha portato a guadagnare la prima convocazione in Inghilterra all’inizio di questa settimana.

Sono ancora i primi tempi per Vieira al Palace, ma finora si sta rivelando un ottimo compagno per gli Eagles, suggerendo che la sua decisione di mettere da parte la sua riluttanza iniziale a diventare un allenatore alla fine è stata astuta.

Come seguire Crystal Palace sul banner della BBCPiè di pagina del banner di Crystal Palace

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x