Rendimenti obbligazionari dell’Eurozona piatti vicino ai picchi pluriennali con focus sulle banche centrali

I rendimenti obbligazionari dell’Eurozona si sono aggrappati ai recenti massimi lunedì, con i costi di prestito di riferimento del governo tedesco rimasti vicino ai massimi di due anni e mezzo, poiché le aspettative di un inasprimento della politica della Fed hanno tenuto in allerta i mercati del debito globale. Le obbligazioni dell’Eurozona sono state vendute massicciamente la scorsa settimana, pochi minuti dopo che la riunione di dicembre della Federal Reserve ha mostrato che alcuni politici vogliono muoversi più velocemente per inasprire la politica. Un forte rapporto sull’inflazione statunitense per dicembre, previsto per mercoledì, potrebbe aumentare la pressione sulla Federal Reserve per aumentare i tassi di interesse già a marzo.

Un sondaggio Reuters prevede che i prezzi al consumo sono aumentati del 7% su base annua il mese scorso, rispetto al 6,8% di novembre. “È probabile che i rendimenti obbligazionari continueranno a essere guidati dalle aspettative degli investitori all’inizio, dalla velocità e dalla durata del ciclo di rialzo dei tassi della Fed e da potenziali scenari di inasprimento quantitativo”, hanno scritto gli strateghi di UniCredit in una nota ai clienti.

Gli investitori stanno anche digerendo i dati sull’inflazione nella zona euro, dopo che i dati hanno mostrato che i prezzi al consumo sono aumentati a dicembre raggiungendo un altro record. Sabato, Isabelle Schnabel, membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea, ha dichiarato che l’aumento dei prezzi dell’energia potrebbe costringere la Banca centrale europea a smettere di “considerare” l’elevata inflazione e a lavorare per raffreddare la crescita dei prezzi, soprattutto se la svolta verde si dimostra inflazionistica.

Alle 0800 GMT, il rendimento a 10 anni della Germania era quasi piatto a -0,032%, dopo essere aumentato del -0,031% la scorsa settimana, il più alto da maggio 2019. Il rendimento a 10 anni dell’Italia è salito di 1,2 punti base all’1,33%. Un nuovo massimo da luglio 2020.

READ  Le esportazioni italiane tornano ai livelli pre-pandemia

I rendimenti dei titoli del Tesoro USA a 10 anni hanno continuato la loro tendenza al rialzo, salendo di 3,6 punti base a un nuovo massimo da due anni.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x