RUSADA perseguirà 13 sospette violazioni antidoping a luglio – Sport

Mosca, 11 agosto. L’agenzia antidoping russa (RUSADA) ha segnalato 13 sospette violazioni antidoping tra gli atleti nazionali il mese scorso, ha annunciato mercoledì l’ufficio stampa dell’agenzia a TASS.

“Abbiamo presentato 13 casi a luglio di sospette violazioni delle regole antidoping”, ha affermato l’ufficio stampa.

L’agenzia antidoping russa ha segnalato quattro casi sospetti a gennaio, nessuno a febbraio, cinque a marzo, 11 ad aprile, cinque a maggio e 13 a giugno.

A gennaio, la RUSADA ha riferito di aver registrato 108 sospette violazioni antidoping tra gli atleti nazionali nel 2020. Complessivamente, l’Autorità antidoping russa ha raccolto 8.294 campioni di doping nel 2020.

Secondo il World Anti-Doping Act, i nomi degli atleti che hanno violato le regole possono essere resi pubblici solo dopo la chiusura delle indagini sui loro casi.

Nel 2019, la RUSADA ha condotto 9.743 controlli antidoping, raccogliendo 11.316 campioni, un valore superiore all’obiettivo annuale precedentemente annunciato dell’agenzia di 11.000 campioni. L’organizzazione ha segnalato 202 sospette violazioni antidoping quell’anno, mentre il numero per questo caso era di 146 nel 2018.

READ  Trasferimento online - Governi in Spagna, Italia e Regno Unito contro la Super League

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x