Schwazer dice che il verdetto sugli steroidi è migliore dell’oro, suggerisce Tokyo | Gli sport

(Reuters) – Alex Schwitzer, il campione olimpico della 50 km bandito, venerdì ha dichiarato di non aver rinunciato completamente a partecipare alle Olimpiadi di Tokyo dopo che un tribunale ha respinto il caso di doping contro di lui.

Il 36enne ha detto che la sentenza del giudice è stata il miglior giorno della sua carriera sportiva. L’agenzia di stampa italiana ANSA ha riferito che il tribunale di Bolzano ha ritenuto “estremamente probabile” che i campioni di Paul Schweiser siano stati manomessi nel 2016 per produrre un test positivo.

“A livello sportivo, direi che è la mia giornata più bella di sempre. Senza dubbio”, ha detto Schwazer al Corriere della Sera.

“Questo decreto d’archivio è ancora più importante della medaglia d’oro conquistata alle Olimpiadi di Pechino 2008. Questa è una vittoria più difficile. Molto più stressante”.

La corte ha offerto un’assoluzione completa, affermando che Schwartz “non ha commesso il crimine”.

I media italiani hanno indicato che il giocatore potrebbe andare al Tribunale federale svizzero e cercare di annullare il divieto di otto anni, che dura fino al 2024, e che è stato confermato dalla Corte di arbitrato per lo sport (TAS).

Schwazer ha dichiarato di aver raggiunto il 90% del suo obiettivo e “qualsiasi ritorno all’attività agonistica rappresenterà solo i restanti dieci”.

“La cosa principale per me è che il tribunale dimostri, in bianco e nero, che sono pulito e innocente. Non devo andare alle Olimpiadi. Se ciò accade, va bene. Altrimenti, pazienza. Ho non ho idea di quali passi intraprendere sul fronte sportivo “.

Schwazer ha detto che sua moglie gli ha preparato una torta al cioccolato speciale con gli anelli olimpici, un gesto che ha paragonato alla nascita di un figlio.

READ  Olivier Giroud tocca in Italia per ricevere cure mediche per il Milan prima del suo trasferimento di £ 1 milione dal Chelsea لسي

L’atleta è stato bandito per tre anni e nove mesi dopo aver ammesso di usare l’eritropoietina (EPO) nel 2012, mancando alle Olimpiadi di Londra. È tornato al primo posto e ha aiutato l’Italia a vincere il titolo mondiale nel 2016, ma è stato privato del titolo e bandito dalla partecipazione alle Olimpiadi di Rio quell’anno dopo aver perso un appello in un secondo caso di doping, quando un nuovo test ha mostrato un effetto doping .

La World Anti-Doping Authority (WADA) ha risposto alla decisione del tribunale italiano dicendo: “Sebbene la decisione sia lunga e richiederà una valutazione completa, la WADA è terrorizzata dalle accuse sconsiderate e infondate che il giudice ha mosso contro l’organizzazione. e altre parti in questo caso.

“Una volta analizzato il giudizio completo, l’Agenzia mondiale antidoping prenderà in considerazione tutte le opzioni disponibili, comprese le azioni legali che potrebbe intraprendere”.

(Preparato da Alan Baldwin a Londra, montaggio …)

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x