Scienze della Terra: il Cervino nelle Alpi si muove dolcemente avanti e indietro circa una volta ogni due secondi.

L’edificio apparentemente incrollabile del Cervino – una delle vette più alte delle Alpi – si muove avanti e indietro una volta ogni due secondi.

Questa è la conclusione dei ricercatori guidati dall’Università tecnica di Monaco che hanno misurato le vibrazioni normalmente impercettibili dell’iconica montagna.

Il team spiega che i movimenti sono stimolati dall’energia sismica della Terra che ha le sue origini negli oceani, nei terremoti e nelle attività umane del mondo.

Il Cervino si trova al confine tra Svizzera e Italia e con le sue vette che si elevano a 14.692 piedi (4.478 metri) sul livello del mare, domina la città di Zermatt.

Scorri verso il basso per i video

L’edificio apparentemente incrollabile del Cervino (nella foto) – una delle vette più alte delle Alpi – in realtà si muove avanti e indietro una volta ogni due secondi

Questa è la conclusione dei ricercatori guidati dall'Università tecnica di Monaco che hanno misurato le vibrazioni normalmente impercettibili dell'iconica montagna.  Nella foto: un sismometro installato in cima al Cervino

Questa è la conclusione dei ricercatori guidati dall’Università tecnica di Monaco che hanno misurato le vibrazioni normalmente impercettibili dell’iconica montagna. Nella foto: un sismometro installato in cima al Cervino

Qual è la madre?

Il Cervino è una montagna delle Alpi situata al confine tra Svizzera e Italia.

Ha un’altezza di 14.700 piedi (4.478 m).

Il Cervino fu indicato per iscritto dapprima come “Monte Cervin” nel 1581, e successivamente anche come “Monte Silvio” e “Monte Servino”.

Il nome tedesco “Matterhorn” è apparso per la prima volta nel 1682.

Tra il 1865 e la fine della stagione estiva 2011, circa 500 alpinisti sono morti sul Cervino.

Ogni anno, tra le 300 e le 400 persone tentano di scalare la vetta con una guida; Di questi, 20 non sono riusciti a raggiungere la vetta.

Ogni anno circa 3.500 persone percorrono il Cervino senza guida; Circa il 65 percento cade sulla strada, di solito a causa di una mancanza di forma fisica o di un’altitudine insufficiente.

Dai diapason ai ponti, tutti gli oggetti vibrano quando eccitano la cosiddetta frequenza naturale, che dipende dalla loro geometria e proprietà fisiche.

READ  La polizia dell'Ontario settentrionale pattuglia le biciclette per salvare la vita di un uomo in overdose

“Volevamo vedere se tali vibrazioni risonanti potevano essere rilevate anche su una montagna grande come il Cervino”, ha affermato l’autore dell’articolo e scienziato terrestre Samuel Weber, che ha condotto lo studio mentre risiedeva presso l’Università tecnica di Monaco.

Per scoprirlo, il Dr. Weber e i suoi colleghi hanno installato diversi sismografi sul Cervino, il più alto dei quali era appena sotto la vetta, a 14.665 piedi (4.470 metri) sul livello del mare.

Un altro è stato collocato nel bivacco Solvay – un rifugio di emergenza a Hörnligrat, la cresta nord-orientale del Cervino, che risale al 1917 – mentre una stazione di misurazione ai piedi della montagna fungeva da riferimento.

Ciascun sensore della rete di misura è predisposto per inviare automaticamente le proprie registrazioni di eventuali movimenti al Servizio Sismico Svizzero.

Analizzando le letture del sismometro, i ricercatori sono stati in grado di suscitare la frequenza e l’eco dell’eco della montagna.

Hanno scoperto che il Cervino oscilla sia in direzione nord-sud con una frequenza di 0,42 Hz sia in direzione est-ovest con una frequenza simile.

Accelerando le vibrazioni misurate 80 volte, il team è stato in grado di rendere udibili all’orecchio umano le vibrazioni del Cervino circostante, come mostrato nel video qui sotto. (Le cuffie sono consigliate per suoni a frequenze molto basse.)

In media, i movimenti del Cervino erano piccoli, nell’intervallo da nanometri a micrometri, ma in vetta si è scoperto che era fino a 14 volte più forte di quelli registrati ai piedi della montagna.

Il team ha spiegato che ciò è dovuto al fatto che la vetta è in grado di muoversi liberamente mentre il fianco della montagna è stabilizzato, in qualche modo simile al modo in cui la cima di un albero oscilla di più nel vento.

Il team ha anche scoperto che l’amplificazione del movimento del suolo sul Cervino si è trasferita anche ai terremoti, un fatto, hanno aggiunto, che potrebbe avere importanti implicazioni per la stabilità dei pendii in caso di terremoti anche forti.

READ  La navicella spaziale cinese Marte cattura la sabbia nel panorama del Pianeta Rosso

“Le regioni montuose che sperimentano un movimento del terreno amplificato sono probabilmente più suscettibili a frane, rocce e danni alle rocce se scosse da un forte terremoto”, ha affermato l’autore dell’articolo e geologo Jeff Moore dell’Università dello Utah.

Il sismometro è posizionato al bivacco Solvay (nella foto) - un rifugio di emergenza a Hörnligrat, la cresta nord-orientale del Cervino, risalente al 1917

Il sismometro è posizionato al bivacco Solvay (nella foto) – un rifugio di emergenza a Hörnligrat, la cresta nord-orientale del Cervino, risalente al 1917

Il team spiega che i movimenti sono stimolati dall'energia sismica della Terra che ha le sue origini negli oceani, nei terremoti e nelle attività umane del mondo.  Nella foto: un sismometro installato in cima al Cervino

Il team spiega che i movimenti sono stimolati dall’energia sismica della Terra che ha le sue origini negli oceani, nei terremoti e nelle attività umane del mondo. Nella foto: un sismometro installato in cima al Cervino

Le vibrazioni come quelle rilevate dal team non sono esclusive del Cervino, ha affermato il team, dove si prevede che molti picchi si muovano in modo simile.

Infatti, come parte dello studio, i ricercatori del Servizio Sismologico Svizzero hanno condotto un’indagine supplementare sulla vetta della Svizzera centrale del Gross Methen, una montagna dalla forma simile al Cervino ma molto più piccola.

L’analisi rivela che Grosse Mythen oscilla a una frequenza circa quattro volte superiore a quella del Cervino, perché gli oggetti più piccoli vibrano a frequenze più elevate rispetto agli oggetti più grandi.

Questi esempi rappresentano una delle prime volte in cui il team ha esaminato le vibrazioni di oggetti così grandi, poiché studi precedenti si erano concentrati su piccole entità, come le formazioni rocciose nell’Arches National Park nello Utah.

Il professor Moore ha commentato: “È stato emozionante vedere che il nostro approccio di simulazione funziona anche per una montagna grande come il Cervino e che i risultati sono confermati dai dati di misurazione”.

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Lettere di Scienze della Terra e dei Pianeti.

I terremoti si verificano quando due placche tettoniche scivolano in direzioni opposte

I terremoti catastrofici si verificano quando due placche tettoniche che scorrono in direzioni opposte si uniscono e poi scivolano improvvisamente.

La tettonica a zolle è costituita dalla crosta terrestre e dal mantello superiore.

Sotto c’è l’astenosfera: il nastro trasportatore caldo e viscoso di roccia su cui viaggiano le placche tettoniche.

Non si muovono tutti nella stessa direzione e spesso si scontrano. Questo crea un’enorme quantità di pressione tra le due piastre.

In definitiva, questa pressione fa vibrare una delle piastre sotto o sopra l’altra.

Questo rilascia un’enorme quantità di energia, causando tremori e distruzione a qualsiasi proprietà o infrastruttura vicina.

I terremoti gravi di solito si verificano sopra le linee di faglia dove si incontrano le placche tettoniche, ma piccoli tremori – ancora registrati nella vendita di Richter – possono verificarsi nel mezzo di queste placche.

La Terra contiene quindici placche tettoniche (nella foto) che insieme formano il paesaggio che vediamo oggi intorno a noi.

La Terra contiene quindici placche tettoniche (nella foto) che insieme formano il paesaggio che vediamo oggi intorno a noi.

Questi sono chiamati terremoti intraplacca.

Questi sono ancora ampiamente fraintesi, ma si pensa che si verifichino lungo faglie minori sulla piastra stessa o quando vengono riattivate vecchie faglie o spaccature sotto la superficie.

Queste aree sono relativamente deboli rispetto alla placca circostante e possono facilmente scivolare e causare un terremoto.

I terremoti vengono rilevati monitorando la dimensione o l’intensità delle onde d’urto che producono, note come onde sismiche.

La magnitudo di un terremoto è diversa dalla sua intensità.

La magnitudo sismica si riferisce alla misurazione dell’energia rilasciata nel luogo in cui si è originato il terremoto.

I terremoti hanno origine sotto la superficie terrestre in una zona chiamata ipocentro.

Durante un terremoto, una parte del sismografo rimane ferma e un’altra parte si muove con la superficie terrestre.

Il terremoto viene quindi misurato dalla differenza di posizione delle parti fisse e mobili del sismografo.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x