Sparatoria nella scuola di Oxford: Crumbleys ha ritirato contanti, venduto cavalli e acquistato telefoni cellulari dopo aver scoperto che suo figlio era un tiratore di massa

genitori Michigan Ethan Crumble, il sospettato della sparatoria al liceo, ha ritirato i soldi, ha venduto i loro cavalli e ha acquistato quattro telefoni cellulari dopo aver scoperto le azioni del figlio.

Jennifer e James Crumble sono stati arrestati il ​​4 dicembre in un magazzino di Detroit dopo la sparatoria alla Oxford High School del 30 novembre che ha ucciso quattro studenti.

Durante l’udienza di venerdì, un resoconto dettagliato delle azioni dei genitori è stato condiviso mentre il giudice distrettuale degli Stati Uniti Julie Nicholson ha negato la richiesta del loro avvocato di ridurre le loro obbligazioni da $ 500.000 a $ 100.000 ciascuna, secondo Notizie di Detroit. Entrambi sono stati imprigionati per quattro capi di omicidio colposo dopo che Ethan Curmbley è stato sospettato di aver ucciso quattro studenti e di aver ferito altri sette.

Nicholson ha citato i legami dei Crumbley con la famiglia in Florida quando ha rifiutato una richiesta di abbassare i legami. Ha anche notato la gravità delle accuse contro di loro e che sono fuggiti in uno studio di artisti nella parte orientale di Detroit, dove la polizia li ha arrestati all’inizio del 4 dicembre.

Il procuratore distrettuale della contea di Oakland, Karen MacDonald, ha affermato che quando sono stati presi in custodia avevano $ 6.600 in contanti, “più di una dozzina di carte di credito e carte regalo” e quattro telefoni.

I quattro studenti morti nella sparatoria del 30 novembre sono Hannah St. Juliana, 14 anni, Madison Baldwin, 17, Tate Mer, 16, e Justin Schilling, 17.

Le accuse contro Ethan Crumble includono omicidio di primo grado e terrorismo. Venerdì è stata sospesa l’udienza per la sua probabile causa e l’esame preliminare. Il 15enne sarà processato da adulto.

READ  Un muro di roccia è caduto su barche in un lago brasiliano, uccidendo almeno 10

La signora MacDonald ha sostenuto che i genitori del ragazzo, Jennifer e James Cromple, rappresentavano un rischio di fuga a causa della loro famiglia in Florida e per le loro azioni tra la sparatoria del 30 novembre e il loro arresto del 4 dicembre.

“Dobbiamo parlare e parlare di ciò che Jennifer e James Crumble hanno fatto il 30 novembre, poche ore dopo che il loro figlio ha ucciso i loro figli a scuola”, ha detto la signora MacDonald. “Stanno iniziando a fare progetti”.

Quattro ore dopo la sparatoria, alle 16:42 del 30 novembre, la signora MacDonald ha detto che la signora Crumbley aveva mandato un messaggio a un contatto che “deve vendere i suoi cavalli velocemente”.

La signora MacDonald ha detto di aver “prosciugato il conto bancario del figlio” più tardi quel giorno, prelevato $ 3.000 e lasciato 99 centesimi. Secondo quanto riferito, la mattina successiva sono entrati in un hotel dall’altra parte della strada rispetto a una stazione di polizia. La signora MacDonald ha detto che era a solo “miglia” dall’aula. In hotel, ha aggiunto, sono continuate le deliberazioni sulla vendita dei cavalli per una possibile somma di $ 5.000.

Avrebbero dovuto consegnarsi il 3 dicembre, ma alle 9:00 del 2 dicembre il procuratore generale ha detto che $ 2.000 erano stati rimossi dal loro conto bancario.

“Testi e testimonianze rivelano che la famiglia Crombley si aspetta di essere accusata di reati penali il giorno successivo”, ha detto MacDonald. Ha aggiunto che i genitori hanno lasciato l’hotel alle 9:30 del 3 dicembre, lasciando un’auto nel parcheggio.

Jennifer Cromley ha finito di vendere i cavalli tramite messaggio di testo intorno alle 10:00. Hanno preso altri $ 4.000 lo stesso giorno. La signora MacDonald ha detto che la signora Crumbly ha chiamato il suo amico Andre Sikora, un artista che possedeva lo studio a Detroit, e gli ha detto che avevano bisogno di un “posto dove sedersi”.

READ  Camionista di Ottawa bloccato per più di 12 ore sulla Virginia Highway

Mentre l’ufficio dello sceriffo della contea di Oakland ha sequestrato tablet e telefoni al signor Sikora il mese scorso, nell’indagine non sono state mosse accuse contro di lui.

“Una volta entrati in questo edificio, hanno lasciato l’edificio solo una volta, per fumare, e anche quando James Crumble ha spostato la loro auto in modo che la targa non si vedesse”, ha detto la signora MacDonald.

Il procuratore generale ha aggiunto che intorno alle 13:30, la famiglia Cromble ha detto al signor Sikora che stavano affrontando accuse penali. Gli hanno chiesto di andare a prendere loro vodka, succo d’arancia e della biancheria da letto per loro. L’addebito è previsto per le 16:00 del 3 dicembre. Sono stati catturati nel magazzino circa 10 ore dopo, il 4 dicembre, e poi chiamati quella mattina.

MacDonald ha descritto il magazzino come uno “stato industriale non dichiarato in cui hanno cercato di nascondere la loro presenza”.

La difesa ha sostenuto che la famiglia Crombley non è fuggita, ma c’è stato un malinteso, sostenendo in una dichiarazione di dicembre in tribunale che la signora MacDonald non ha restituito le lettere e ha tenuto una conferenza stampa il 3 dicembre mentre era consapevole che l’avvocato difensore non era disponibile al tempo.

“Prima di essere accusati e arrestati, hanno ricevuto un gran numero di minacce alla loro vita e alla loro sicurezza e gli è stato detto di questo e hanno dovuto lasciare la loro casa”, ha detto venerdì l’avvocato difensore Marielle Lehmann riguardo alla famiglia Crombley. “Vendere la loro casa era necessario perché non era più un luogo sicuro in cui vivere, ma non aveva nulla a che fare con i pericoli della fuga”.

READ  Immagini: forte terremoto al largo di Fukushima, Giappone | Japan News

La difesa ha detto che un detective della contea di Oakland ha detto che la polizia “può fermare il crimine e fermarlo”. [them] sdraiati a faccia in giù per strada “se non si arrendono, secondo una trascrizione con l’avvocato difensore Shannon Smith inclusa in un fascicolo legale il mese scorso.

La difesa ha sostenuto che le incomprensioni combinate con la paura della famiglia Crombley li hanno spinti a lasciare la loro casa e dirigersi a Detroit.

“Li faremo entrare”, ha detto la signora Smith all’investigatore. “Non ci avrebbero pagato quello che ci hanno pagato se avessero pianificato di correre”.

MacDonald ha detto che i genitori non hanno risposto alle chiamate ai loro avvocati e non hanno contattato le forze dell’ordine, nonostante si trovassero dall’altra parte della strada rispetto a una stazione di polizia nel loro hotel.

L’arresto è stata la prima volta che la polizia si è impossessata dei Crumpley.

“Questo caso è potente”, ha detto il procuratore generale Mark Kist. Notizie di Detroit. L’imputato sarà condannato. Una volta condannati, andranno in prigione”.

L’8 febbraio si terrà un’udienza per determinare se i Crumpleys andranno in giudizio.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x