Che fine ha fatto Jules Bianchi? I fan ricordano l’ex pilota di F1 morto in questo giorno nel 2015

Sebbene la F1 abbia fatto molta strada in termini di sicurezza, non si può ignorare il pericolo in cui si mettono questi piloti una volta saliti su una vettura di F1. L’ultimo pilota a subire un terribile incidente è stato il pilota della Haas Romain Grosjean, che è sopravvissuto alla tragedia stringendo i denti. I fan della Formula 1 ricordano la tragica morte del pilota di Formula 1 Jules Bianchi sabato, che ha perso la vita in questo giorno nel 2015. Ecco uno sguardo a cosa è successo a Jules Bianchi al Gran Premio del Giappone 2015?

Che fine ha fatto Jules Bianchi?

Nove mesi dopo un terribile incidente al Gran Premio del Giappone 2015, il pilota della Marussia F1 Jules Bianchi è morto in un ospedale francese all’età di 25 anni. La morte di Bianchi è stata la prima morte per lesioni riportate in una gara dalla morte di Ariton Senna nel 1994 al Gran Premio di San Marino a Imola. Il divario di 21 anni dalla morte di Senna alla morte di Bianchi è stato un record di sicurezza in Formula 1 senza incidenti mortali, evidenziando il pericolo in questo sport.

Durante il periodo della bandiera gialla, Bianchi è uscito di pista ad alta velocità e ha corso sotto un verricello che stava rimuovendo un’altra vettura dalla pista dopo un incidente. L’incidente ha provocato gravi danni cerebrali e Bianchi non ha mai ripreso conoscenza. Dopo il terribile incidente, la Fédération Internationale de l’Automobile (FIA), l’organo di governo della F1, ha istituito un comitato per analizzarne le cause e quali misure di sicurezza potrebbero essere adottate per prevenire un’altra tragedia.

READ  La stella dell'Arsenal Lucas Torreira vuole un trasferimento estivo mentre il centrocampista guarda al ritorno dell'Italia e chiede all'Arsenal £ 17 milioni

I fan hanno criticato la notizia della morte di Jules Bianchi

Concluse le conclusioni dell’inchiesta sulla morte di Jules Bianchi per non colpa delle procedure della F1. Bianchi, invece, è stata accusata di non aver rallentato abbastanza sotto le doppie bandiere gialle. Tuttavia, molti fan e critici dei media hanno criticato il rapporto, commissionato dal presidente della federazione, Jean Todt.

La reazione dei piloti di Formula 1 alla morte di Jules Bianchi

A seguito della sfortunata scomparsa di Jules Bianchi, la Grand Prix Drivers’ Association ha rilasciato una dichiarazione. “In momenti come questi, ci viene brutalmente ricordato quanto siano ancora pericolose le corse. Nonostante i miglioramenti significativi, noi, i piloti del Grand Prix, lo dobbiamo alla comunità delle corse, ai perdenti e a Jules, alla sua famiglia e ai suoi amici, hanno detto i piloti. : “Non rallentiamo nel migliorare la sicurezza”.

I fan ricordano Jules Bianchi nell’anniversario della sua morte

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x