― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldDecine di migliaia manifestano in Germania contro l'estrema destra Novità di...

Decine di migliaia manifestano in Germania contro l'estrema destra Novità di estrema destra

Le proteste pubbliche sono seguite alle rivelazioni secondo cui il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD) aveva discusso i piani per deportare i migranti in massa.

Decine di migliaia di persone si sono radunate in tutta la Germania per protestare contro un partito politico di estrema destra e la sua posizione contro gli immigrati.

I media tedeschi hanno riferito che sabato le persone hanno protestato in diverse città e piccoli paesi, e alcuni hanno deriso il partito AfD, brandendo cartelli che dicevano: “Il fascismo non è un’alternativa”.

Le proteste seguono quelle dopo che è stato rivelato che i membri dell’AfD hanno tenuto un incontro con attivisti di estrema destra e hanno discusso dei piani per deportare gli stranieri in massa.

La polizia ha riferito che circa 35.000 persone hanno aderito a un appello con lo slogan “Difendere la democrazia – Francoforte contro l’AfD” e hanno marciato attraverso il cuore finanziario della Germania.

Un numero simile, alcuni con cartelli come “Fuori i nazisti”, è apparso nella città settentrionale di Hannover. Altri 30.000 hanno manifestato nella città di Dortmund, nell'ovest del paese.

Proteste si sono svolte anche in città tra cui Braunschweig, Erfurt e Kassel e in diverse piccole città, riflettendo la mobilitazione quotidiana della scorsa settimana.

L'emittente pubblica tedesca ARD ha stimato il numero dei partecipanti sabato in oltre 200.000 persone.

In tutto, le manifestazioni sono state indette in circa 100 località in tutta la Germania da venerdì fino al fine settimana, inclusa domenica a Berlino.

Politici, chiese e allenatori della Bundesliga hanno invitato a opporsi all’AfD.

Il 10 gennaio, un rapporto del quotidiano investigativo Correctiv ha rivelato che i membri dell’AfD hanno discusso dell’espulsione degli immigrati e dei “cittadini non integrati” in un incontro con altri attivisti di estrema destra.

Tra i partecipanti ai colloqui c'è Martin Sellner, leader del Movimento Identitario in Austria, che sostiene la teoria del complotto della “Grande Sostituzione” secondo la quale esiste una cospirazione da parte degli immigrati non bianchi per sostituire la popolazione bianca “originaria” d'Europa.

“Un attacco alla nostra democrazia”

La notizia del raduno di estrema destra ha suscitato ondate di shock in tutta la Germania in un momento in cui il partito Alternativa per la Germania è al secondo posto nei sondaggi d’opinione nazionali, pochi mesi prima di tre importanti elezioni regionali nella Germania orientale, dove il loro sostegno è più forte.

Il partito anti-immigrazione ha confermato la presenza dei suoi membri all'incontro, ma ha negato di partecipare al progetto di “reimmigrazione” sostenuto da Sellner. La co-leader Alice Weidel si è separata da uno dei suoi consiglieri che ha partecipato ai colloqui.

Ma politici di spicco, tra cui il cancelliere Olaf Scholz, che si è unito alla manifestazione dello scorso fine settimana, hanno affermato che qualsiasi piano per espellere migranti o cittadini equivale a “un attacco contro la nostra democrazia, e quindi contro tutti noi”. Ha esortato “tutti a prendere posizione per la coesione, la tolleranza e per la Repubblica democratica tedesca”.

Anche i membri del settore imprenditoriale del paese hanno espresso le loro preoccupazioni.

“Se tutto è vero come riportato, è assolutamente disgustoso”, ha detto Joe Kaeser, capo del consiglio di sorveglianza di Siemens Energy, in un'intervista a Reuters pubblicata sabato.

I commenti di Kaiser arrivano dopo che i leader delle aziende tedesche, tra cui il produttore di chip Infineon e il produttore di prodotti chimici Evonik, hanno espresso preoccupazione all'inizio di questa settimana.

READ  La tempesta nel Michigan abbatte alberi e linee elettriche. Diverse persone sono state uccise

Evidenziando le lezioni apprese dalla storia della Germania, Kaiser ha messo in guardia dal danno all'immagine della Germania nel mondo e ha invitato le aziende tedesche a mettere in guardia pubblicamente dalle conseguenze.