Gli scienziati hanno scoperto “ingredienti per la vita” in rocce che hanno 3,5 miliardi di anni in Australia

I ricercatori hanno scoperto molecole organiche intrappolate in formazioni rocciose incredibilmente antiche in Australia, rivelando ciò che dicono sia la prima prova dettagliata dei primi componenti chimici che potrebbero supportare le forme di vita microbiche primitive della Terra.

La scoperta è stata fatta in 3,5 miliardi di anni Formazione di formazione Australia Occidentale Pilbara Kraton, Si aggiunge a un ampio corpus di ricerche che indicano la vita antica in questa parte del mondo, che è uno dei soli due depositi di terra vergine sulla Terra che risalgono al Archian Eon.

Negli ultimi anni, le rocce idrotermali della formazione Dresser hanno mostrato ripetuti indizi di quella che sembra essere la più antica vita conosciuta sulla Terra, poiché gli scienziati hanno scoperto “prove definitive” di biosignature microbiche risalenti a 3,5 miliardi di anni fa.

ora in Nuovo studioIn Germania, i ricercatori hanno identificato tracce di una chimica specifica che potrebbe consentire a tali organismi primitivi di esistere, trovando le molecole organiche biologicamente rilevanti all’interno. Barite Sedimenti, che sono un minerale formato attraverso vari processi, compresi i fenomeni idrotermali.

“In questa zona, la barite è direttamente correlata alle stuoie microbiche fossilizzate e puzza di uova marce quando viene graffiata di fresco”. Lui spiega Geologo Helge Mesbach dell’Università di Colonia in Germania.

“Quindi, sospettavamo che contenesse materia organica che avrebbe potuto servire da nutrienti per la vita microbica precoce”.

Roccia di barite da Treasury Formation. (Helge Mesbach)

Mentre gli scienziati hanno da tempo ipotizzato come le molecole organiche potrebbero agire come substrati per i microbi primordiali e i loro processi metabolici, le prove dirette finora hanno dimostrato che sono in gran parte sfuggenti.

READ  Abbiamo appena ricevuto la nostra prima foto di Marte dalla sonda cinese Tianwen 1, ed è mozzafiato

Per verificarlo, Mißbach ei suoi co-ricercatori hanno esaminato le impurità all’interno della barite dalla formazione Dresser, con il minerale chimicamente stabile e in grado di preservare liquidi e gas all’interno delle rocce per miliardi di anni.

Utilizzare una serie di tecniche per analizzare i campioni di barite, tra cui Gas cromatografiaE il MicrometroI ricercatori hanno scoperto che analizzando gli isotopi stabili Cosa descrivono “Una varietà interessante di molecole organiche metabolicamente correlate note o dedotte”.

Tra questi c’erano composti organici Acido acetico E il Metantiolo, Oltre a molti di loro Idrogeno solforatoPuò avere risorse vitali o abiotiche.

010 Comò Organico 2(Meisbach et al., Nature Communications, 2021)

Sopra: roccia di barite, che indica una stretta associazione con le stromatoliti.

Sebbene possa essere impossibile accertare i legami esatti, la vicinanza a queste impurità all’interno delle rocce di barite e degli accumuli organici adiacenti è chiamata Stromatoliti Indica che antiche sostanze chimiche, trasportate all’interno di fluidi idrotermali, possono aver influenzato le comunità microbiche primitive.

“In effetti, molti dei composti che sono stati scoperti nelle impurità fluide ospitate dalla barite … avrebbero fornito substrati ideali per i microbi a base di zolfo e metanogeni che erano stati precedentemente proposti come attori nell’ambiente del comò. Scrivi i loro studi.

Oltre alle sostanze chimiche che possono fungere da nutrienti o substrati, altri composti nelle impurità possono servire da “ mattoni ” per molte reazioni chimiche a base di carbonio, i processi che possono innescare il metabolismo microbico, producendo fonti di energia, come i grassi, che può essere scomposto dalle forme di vita.

“In altre parole, i componenti di base del metiltioacetato, un fattore critico suggerito nell’emergere della vita, erano disponibili negli ambienti del comò”, Il team spiega.

READ  SpaceX testa il lancio del Falcon 9 per la sesta volta in cinque settimane: Spaceflight Now

“Potrebbero aver trasferito i mattoni per la fissazione chimica del carbonio, assorbendo così il carbonio anabolico nella biomassa”.

I risultati sono riportati in Nature Communications.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x