La Nuova Zelanda si scusa per i raid storici contro la popolazione del Pacifico

WELLINGTON, Nuova Zelanda – Jacinda Ardern, il primo ministro della Nuova Zelanda, domenica è seduta immobile mentre i membri della comunità delle isole del Pacifico le hanno tirato un grande tappetino bianco sopra la testa, coprendola completamente. Pochi istanti dopo, la allontanarono e l’abbracciarono.

Faceva parte di un’emozionante celebrazione al municipio di Auckland durante la quale Ardern si scusò formalmente per una parte razzista della storia della nazione nota come Dawn Raid.

Fu allora che il popolo Pacifica fu preso di mira per la deportazione a metà degli anni ’70 durante le incursioni aggressive delle autorità da parte delle autorità per trovare, condannare e deportare coloro che avevano scaduto i loro visti. Le incursioni spesso avvenivano molto presto la mattina o la sera tardi.

Coperta dal tappeto, l’Ardern stava partecipando a un rituale tradizionale samoano noto come ifoga, in cui una persona cerca il perdono sottoponendosi a una sorta di pubblica umiliazione.

Ardern ha detto in lacrime a una folla di centinaia che il governo sta offrendo scuse formali senza riserve.

“Il governo esprime rammarico, rimorso e rammarico per il fatto che i raid all’alba e le perquisizioni casuali della polizia abbiano avuto luogo e che queste misure siano state ritenute del tutto appropriate”, ha affermato Ardern.

Al momento dei raid, molti residenti del Pacifico erano venuti in Nuova Zelanda con visti temporanei per aiutare a soddisfare il bisogno di lavoratori nelle fabbriche e nei campi del paese. Ma il governo sembra rivoltarsi contro la società decidendo che questi lavoratori non sono più necessari.

Alle persone che non sembrano neozelandesi bianchi è stato detto che devono portare con sé carte d’identità per dimostrare che non sono state via a lungo, e spesso vengono fermate a caso per strada, o anche nelle scuole o nelle chiese. Sebbene molti dei sopravvissuti all’epoca fossero britannici o americani, le persone del Pacifico furono prese di mira per la deportazione.

READ  Una nuova foto sui social mostra la principessa Latifa "scomparsa".

Ardern ha detto che mentre i raid hanno avuto luogo quasi 50 anni fa, la loro eredità sopravvive.

“Rimane vividamente inciso nella memoria delle persone direttamente colpite. Vive nel tumulto della fiducia e della fiducia nelle autorità. Vive nelle lamentele irrisolte delle comunità del Pacifico in cui questi eventi si sono verificati fino ad oggi. Non è stato affrontato”.

Come gesto di buona volontà, ha detto Ardern, il governo finanzierà nuove borse di istruzione e formazione per le comunità del Pacifico e aiuterà a compilare un rapporto ufficiale sui raid da documenti scritti e dalla storia orale.

“Come parte di questo, la comunità avrà l’opportunità di farsi avanti e condividere le proprie esperienze”, ha detto Ardern.

La principessa di Tonga Melle Siwilikotapu Kalaniuvalu Photoveli ha affermato che l’impatto delle incursioni all’alba ha perseguitato la sua comunità per generazioni.

“Siamo grati al vostro governo per aver preso la decisione giusta di scusarsi”, ha detto ad Ardern. “Per correggere il trattamento estremo, disumano, razzista e ingiusto, in particolare contro la mia comunità, nell’era delle incursioni dell’alba”.

La principessa ha detto che sebbene alcuni membri della sua comunità di Tonga fossero dalla parte sbagliata della legge in quel momento, ciò non giustificava l’adozione di misure drastiche contro di loro.

Ma la principessa ha affermato che il governo potrebbe fare un lavoro migliore nel rispondere alle attuali esigenze di immigrazione, un commento che ha suscitato continui applausi. Ha affermato che sono state presentate petizioni per trovare percorsi e alloggi per coloro che hanno soggiornato oltre il termine e per i titolari di visto.

“Questa è una nuova alba per la mia comunità e la comunità del Pacifico in generale”, ha detto.

READ  Vittima di sparatoria in strada chiama il 911, muore dopo essere stata investita dai poliziotti

Una festa era originariamente prevista per una domenica di giugno, ma è stata rinviata a causa delle misure del coronavirus. Le scuse non hanno portato alcun compenso finanziario più ampio o modifiche legali, ma molti residenti del Pacifico affermano che rappresenta un primo passo importante.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x