Microsoft ora afferma che la CMA è stata “rigorosa ed equa” riguardo all'accordo Activision Blizzard

Microsoft ora afferma che la CMA è stata “rigorosa ed equa” riguardo all'accordo Activision Blizzard

Il capo di Microsoft Brad Smith non era soddisfatto dell'Autorità britannica per la concorrenza e i mercati (CMA) lo scorso anno, dopo che l'autorità di regolamentazione aveva bloccato il gigantesco accordo di Microsoft con Activision Blizzard. Ora che Microsoft ha ristrutturato il suo accordo e ha ricevuto l'approvazione nel Regno Unito, Smith ha avuto parole gentili per la CMA, descrivendo l'ente regolatore come “duro e giusto” in un'intervista con la CMA. Programma della BBC Radio 4 Today.

Smith inizialmente aveva criticato la CMA e aveva affermato che la fiducia nel Regno Unito era stata “gravemente scossa” dopo che l’autorità di regolamentazione si era mossa per bloccare l’accordo da 68,7 miliardi di dollari con Microsoft nell’aprile dello scorso anno. Lo ha descritto come “il giorno più buio” per Microsoft nei suoi quattro decenni di attività in Gran Bretagna, ed è andato oltre, affermando che “l'UE è un luogo più attraente per avviare un'impresa” rispetto al Regno Unito.

“Ho sicuramente imparato molto personalmente”, ha ammesso ieri Smith a Radio 4. “Non necessariamente tornerò indietro su tutte le preoccupazioni che ho sollevato quando ho parlato lo scorso aprile, ma potrei scegliere parole leggermente diverse per esprimere il mio punto.”

La CMA ha costretto Microsoft a ristrutturare il suo accordo con Activision Blizzard, rinunciando ai principali diritti di cloud gaming nel Regno Unito e in molti altri mercati in tutto il mondo. “La CMA si è attenuta a standard rigorosi e io lo rispetto. “Dal mio punto di vista è stato duro e giusto”, ha aggiunto Smith. “Ciò ha spinto Microsoft a modificare la nostra proposta di acquisizione di Activision Blizzard, per chiarire alcuni dei diritti che la CMA era interessata.” Per quanto riguarda il cloud gaming.”

READ  Il Tab A8 di Samsung aggiunge un processore più veloce, più RAM e opzioni di archiviazione

Mentre Smith ha cambiato idea riguardo alle sue critiche alla CMA, l'autorità di regolamentazione non è rimasta colpita dalle tattiche di Microsoft. L’amministratore delegato della CMA ha avvertito: “Le aziende e i loro consulenti non dovrebbero avere dubbi sul fatto che le tattiche utilizzate da Microsoft non sono un modo per trattare con la CMA”. Sarah Cardell in ottobre. “Microsoft ha avuto l'opportunità di ristrutturarsi durante la nostra indagine iniziale, ma ha invece continuato a insistere su un pacchetto di azioni che, secondo noi, semplicemente non avrebbe funzionato. Ritardare le azioni in questo modo non fa altro che sprecare tempo e denaro.

La concessione di Microsoft ha consentito alla Capital Markets Authority di concludere l'accordo in ottobre, dopo mesi di controllo normativo in tutto il mondo. La Federal Trade Commission sta ancora portando avanti il ​​suo caso contro l'accordo Microsoft negli Stati Uniti, con una decisione da prendere se ricorrere in appello contro l'accordo Commissione federale per il commercio contro Microsoft Il caso è atteso presto dalla Corte d'Appello del Nono Circuito. La FTC sta inoltre portando avanti un procedimento amministrativo separato contro l'accordo con Microsoft che dovrebbe iniziare poco dopo la decisione di appello, a meno che la FTC non abbandoni completamente il caso.

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x